Obbligatorio per chi naviga oltre le 6 miglia dalla costa, il Vhf è uno strumento prezioso in mare per comunicare con altre barche, porti, Guardia Costiera e soprattutto è fondamentale nelle situazioni di emergenza. Ecco come funziona e come si usa correttamente.

La radio Vhf è uno strumento di comunicazione fondamentale a bordo delle imbarcazioni da diporto ed è estremamente importante saperlo utilizzare in maniera corretta: come effettuare una chiamata, quali termini conoscere quando si parla e si ricevono messaggi, i momenti di silenzio-radio da rispettare, scegliere i canali giusti, sono tutte operazioni che non solo il comandante di un’unità a vela o a motore deve padroneggiare al meglio, ma anche tutti i componenti dell’equipaggio. Nel testo che segue illustriamo il funzionamento, le regole e l’uso corretto di questo apparato di bordo, indispensabile soprattutto per la sicurezza del diportista.

Vhf Cobra Marine MR F57 E - Vhf nautico portatile e fisso Cobra Marine

Vhf Nautico, documenti e autorizzazioni 

Primo passaggio fondamentale è conoscere la normativa sul Vhf. Secondo il Codice della Nautica da Diporto (Legge 171/2005) il Vhf, anche portatile, è obbligatorio sulle unità che navigano oltre le 6 miglia dalla costa. Può utilizzare tale strumento solo chi è in possesso di una Licenza di esercizio Rtf che viene rilasciata dal ministero delle Comunicazioni: la radio installata a bordo di un’imbarcazione è a tutti gli effetti una “stazione” che, come tale, ha un proprio Nominativo Internazionale composto da due lettere “IY” oppure “IZ”, seguite da un numero che varia da unità a unità. Inoltre per poter utilizzare il Vhf almeno un membro dell’equipaggio deve essere in possesso del Certificato di operatore, conosciuto come “patentino”, sempre rilasciato dal ministero delle Comunicazioni.

Comunicazioni a bordo
Tutti i membri dell’equipaggio di un’imbarcazione dovrebbero saper usare il Vhf di bordo.

Leggi anche:
Cobra Marine HH600 è il migliore Vhf portatile
– Quando e perché lanciare un mayday

Vhf marino: quale portata?

Vediamo ora come funziona questa ricetrasmittente. Vhf è l’acronimo di Very High Frequency, vale a dire un dispositivo che sfrutta le onde elettromagnetiche ad alta frequenza (tra i 30 e i 300 Mhz). Tali onde si propagano in linea retta con caratteristiche “ottiche”, cioè raggiungono tutti i punti “visibili” intorno allo scafo. L’intensità del segnale dipende soprattutto dall’altezza dell’antenna, di solito installata nel punto più alto dell’imbarcazione, può essere il flying bridge per le barche a motore o la testa d’albero sui cabinati a vela.
Un Vhf portatile ha in media una portata di circa 9 miglia, mentre uno a installazione fissa di circa 14 miglia ma la posizione geografica da cui si comunica così come le condizioni meteorologiche possono aumentare o ridurre questi valori.

Vhf in pozzetto
Il Vhf può essere utilizzato anche per gestire le comunicazioni con la Guardia Costiera sul canale 9.

Gestire la potenza del Vhf

Un accenno ora alle frequenze. Le radio Vhf utilizzano frequenze comprese tra i 156 e i 165 Mhz e hanno una potenza di 3-6 Watt, (Vhf portatili) e di 25 Watt (Vhf fissi). Grazie a un sistema di commutazione su entrambi i modelli è possibile scendere a 1 Watt per comunicazioni a corto raggio, mentre per trasmettere o ricevere a lunga distanza si sfrutta la potenza massima. Una buona abitudine è quella di sfruttare solo la potenza ridotta, sia per non creare interferenze ad altre comunicazioni, che garantire la riservatezza delle trasmissioni e preservare la carica della batteria.

Modalità di comunicazione

Due modalità: simplex o duplex

Passiamo ora a illustrare come si usa a livello pratico il Vhf. Sia sui modelli fissi che su quelli portatili ci sono quattro comandi principali: il tasto di on-off (di solito accoppiato al volume), il tasto di trasmissione, il selettore dei canali e la regolazione dello squelch, ossia il filtro antirumore. La trasmissione può svolgersi in due modalità: simplex o bidirezionale, ossia duplex. Nella modalità simplex la trasmissione e la ricezione avvengono sulla stessa frequenza, quindi non si può parlare e ascoltare contemporaneamente. Per agevolare e rendere più chiare le comunicazioni in simplex, il dialogo tra i due operatori deve essere punteggiato da una serie di parole codificate, come per esempio “passo” o “cambio” per indicare che si passa dalla fase di trasmissione a quella di ricezione, “ricevuto” per indicare che si è ascoltato il messaggio o “passo e chiudo” per segnalare la fine della trasmissione. Se invece si tratta di un Vhf bidirezionale o duplex, allora si può utilizzare il Vhf come con un telefono tradizionale.

Vhf portatile
La radio dovrebbe sempre rimanere accesa sul canale 16 riservato alle emergenze.

Canale 16, il più importante

Il canale più importante è il canale 16 che in tutto il mondo è dedicato all’emergenza e riservato all’ascolto. La radio dovrebbe sempre rimanere accesa su questo canale (in particolare nell’ingresso e in uscita dal porto), dove peraltro vengono annunciati i bollettini meteorologici, gli avvisi ai naviganti, gli avvisi di burrasca e dove si possono captare eventuali richieste di aiuto. C’è poi una regola importante da rispettare: nei primi tre minuti di ogni mezz’ora si deve tenere il silenzio radio sul canale 16: tale periodo infatti è riservato alle segnalazioni di sicurezza e di emergenza.

Per le comunicazioni tra barca e barca è meglio usare i canali 6, 8, 72 o 77. Da ricordare anche che le Capitanerie di porto utilizzano il canale 9.

Angolo di navigazione

Come effettuare una chiamata

Per effettuare una chiamata si sintonizza la radio Vhf su un canale noto al ricevente, ci si accerta che sul canale scelto non ci siano altre comunicazioni in corso e si chiama per tre volte il nominativo della stazione, preceduto dalla parola “qui”. Il nominativo della stazione con cui comunicare solitamente è il nome della barca. Se il destinatario del messaggio non dovesse rispondere si attende per 2 minuti e quindi  si riprova. Quando si comunica con operatori marittimi, per esempio una Stazione Costiera, in genere sono loro a indicare il canale su cui sintonizzarsi.

Uso stazione vhf

Vhf, un dispositivo di sicurezza con delle regole

Il Regolamento delle Radiocomunicazioni disciplina una serie di regole volte a sottolineare come la radio Vhf sia uno strumento strettamente legato alla sicurezza della navigazione. Alcune di queste osservanze sono: rispettare la destinazione di ciascun canale; non trasmettere segnali falsi o ingannevoli; eseguire conversazioni essenziali per non sovraccaricare la rete; non occupare inutilmente il canale 16; utilizzare l’alfabeto internazionale per scomporre in lettere i nomi propri o il proprio numero identificativo o termini difficili per agevolare la comprensione e velocizzare i tempi della comunicazione.

Emergenza a bordo
La radio Vhf è lo strumento per eccellenza che può essere utilizzato in caso di emergenza.

Come lanciare l’Sos con il Vhf

La radio Vhf diventa fondamentale nelle situazioni di emergenza. Tutti i membri dell’equipaggio devono sapere utilizzare la radio Vhf e ricordarsi che le chiamate di soccorso e quelle relative alla sicurezza della navigazione devono essere lanciate sul canale 16. Ci sono tre tipi di chiamate di emergenza: il May day, il Pan e il Securitè.

Il May Day è la chiamata di soccorso che si utilizza in una situazione di gravissimo pericolo imminente per l’imbarcazione e la vita umana. Il messaggio di soccorso comprende: il segnale di soccorso may day ripetuto tre volte, il nominativo dell’unità, le coordinate geografiche, la natura del pericolo, il genere degli aiuti richiesti e ogni altra informazione intesa a facilitare il soccorso.

Ogni eventuale trasmissione in corso deve essere sospesa nel caso in cui si capti  un may day.  Si resta quindi in ascolto ed eventualmente si resta a disposizione della Capitaneria di porto che assume la direzione dell’intervento. Si può anche agire da “sponda” alla barca in emergenza e rilanciare il suo may day attraverso un segnale apposito: il May Day Relais (relè) che va ripetuto tre volte accompagnato dal messaggio originale come è stato ricevuto.

Poi c’è la chiamata d’Urgenza, composta dalla parola Pan ripetuta tre volte (Pan, Pan, Pan), con la quale si trasmette un messaggio urgentissimo riguardante la sicurezza di una imbarcazione o di una o più persone; deve essere trasmessa soltanto su ordine del Comandante o della persona responsabile dell’imbarcazione e ha la precedenza su tutte le altre comunicazioni eccetto quelle di soccorso.

Infine c’è la chiamata di Sicurezza, composta dalla parola Securitè ripetuta tre volte. In questo caso si trasmette un messaggio riguardante la sicurezza della navigazione, può trattarsi di un bollettino del mare o un avviso urgente ai naviganti. Questi messaggi andrebbero trasmessi subito dopo i tre minuti di silenzio-radio.

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

6 Comments
  1. Per me che non conoscevo per niente l’argomento un buon inizio. Qualche esempio, simulando un caso reale non avrebbe guastato. Grazie comunque Ugo Mariani

Leave a Reply

Your email address will not be published.