Come riparare il tender gonfiabile che perde in 7 mosse

I tender gonfiabili che si utilizzano normalmente a bordo di uno yacht come battello di servizio sono utili in molte situazioni ed è importante prendersene cura per averli sempre in perfetta efficienza. Vediamo in questa guida come riparare un’eventuale foratura.

I battelli di servizio gonfiabili, conosciuti anche come “tender”, in combinazione con barche a vela e yachts a motore creano un’esperienza nautica senza precedenti. Permettono di fare escursioni, raggiungere porti e marina, facilitare la vita in rada e sono utili anche in mille occasioni come vero e proprio supporto alla barca. Pur essendo solidi e performanti, tuttavia è importante capire come prendersi cura dei gommoni per assicurarne l’efficienza e la sicurezza nel tempo.

È sempre bene eseguire un risciacquo completo con acqua dolce del tender dopo ogni uso e prendersi cura di qualsiasi graffio immediatamente. Durante la regolare pulizia del tender assicuratevi di usare una spazzola per barche a setole morbide e del sapone di qualità. Questo farà sì che il vostro tender abbia un aspetto come nuovo e preverrà l’accumulo di sporco e salsedine che potrebbe erodere il materiale nel tempo. La pulizia del tender deve riguardare anche le parti interne. Assicuratevi che i detriti lasciati dai vostri passeggeri vengano raccolti e che qualsiasi fuoriuscita venga pulita immediatamente in modo che i tessuti e gli allestimenti non si macchino permanentemente.

Leggi anche: Come sfruttare il vostro tender in situazioni critiche

Riparare tender

Come allungare la vita al vostro tender gonfiabile

Tenere il più possibile lontani gli oli dal vostro tender. Usate un asciugamano quando vi sdraiate sul tender per prendere il sole e pulite immediatamente qualsiasi fuoriuscita. È particolarmente importante pulire bene le perdite di carburante. Tenere poi il tender coperto e al riparo dal sole quando non è in uso: proteggerlo dai raggi UV può prolungare la sua vita di anni e inoltre riduce la necessità di pulizia tra un uso e l’altro. Una copertura di alta qualità può essere acquistata per poche centinaia di euro. Trattare poi il tender gonfiabile con dei prodotti di protezione: sul mercato ci sono creme, spray e altre sostanze protettive progettate appositamente per l’uso sui gommoni. Queste possono mantenere l’imbarcazione in ottimo stato e la faranno durare anche molto più a lungo. Programmare infine la manutenzione di routine.

Se nonostante queste accortezze il vostro battello di servizio incappa in una foratura che ne pregiudica la sicurezza, il comfort e le prestazioni in acqua, ecco come riparare il tender in 7 mosse.

Riparare tender

Procuratevi un kit di riparazione

La maggior parte dei tender gonfiabili sono dotati di un kit di riparazione che probabilmente è stato conservato a bordo per un certo tempo. La colla inclusa di solito dura per circa un anno, quindi è una buona idea ordinare una lattina di colla di riserva da avere a bordo. Avrete anche bisogno di acetone, come pulitore. Il primo passo è quello di individuare il materiale per la toppa e raccogliere altri strumenti come un pennello, un pennarello, forbici, una tazza per mescolare, spatola e una pistola termica o asciugacapelli.

Trovate la perdita

Trova la perdita al vostro tender gonfiabile spruzzando una soluzione saponosa su tutte le aree sospette – gonfia completamente il tuo prodotto e spruzzalo. Le bolle indicheranno la perdita. Assicuratevi di spruzzare anche tutte le valvole di gonfiaggio più volte perché a volte ci sono dei detriti che causano una perdita. Se l’aria fuoriesce dall’interno della valvola di gonfiaggio, allora potrebbe trattarsi di una valvola difettosa. Se l’aria fuoriesce dall’esterno della valvola, allora è necessario stringerla.

Riparare tender

Pulite l’area di intervento

Preparare l’area una volta identificata la perdita del vostro tender gonfiabile. Mettete un po’ di acetone su un asciugamano pulito e asciutto e pulite sia la toppa che l’area da incollare. Indossare occhiali e guanti per evitare che qualsiasi prodotto chimico vi schizzi.

Preparate la toppa

Se non avete toppe pretagliate, tagliate una toppa dal kit apposito. Una toppa tagliata correttamente dovrebbe estendersi oltre tutti i bordi della perdita per un minimo di 2,5 centimetri. È molto importante arrotondare gli angoli della toppa.

5) Segnate la vostra toppa facendo coincidere il centro della toppa con il centro della perdita. Tracciare una linea intorno al perimetro.

Riparare tender

Applicate la colla

Per riparare il tender applicare un buon strato di colla sia sulla toppa che sulla superficie. Per facilitare il posizionamento, va bene spennellare la colla circa uno o due millimetri al di fuori della linea per assicurarsi che la toppa sia completamente incollata. Importante: non applicate la colla quando è bagnata. Lasciate che la colla su entrambe le superfici si asciughi al 100% al tatto. Usate la pistola termica per aiutare ad asciugare le superfici. Allineare la toppa facendo corrispondere prima il centro della toppa al centro della perdita, poi lavorare la toppa dal centro ai bordi con una spatola.

Riscaldare l’area

Usare eventualmente la pistola termica per riscaldare l’area mentre si usa la spatola per riattivare la colla e ispezionare l’area per assicurarsi che non ci siano bordi di sollevamento.

Lasciate asciugare la toppa

Lasciare che la toppa si asciughi per 24 ore, se possibile. Spruzzare la perdita durante il successivo gonfiaggio per assicurarsi che tenga.

 

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.