Alcune verità sulle barche a vela in legno

Le barche in legno sono ricche di fascino e c’è chi giura che hanno un’anima. L’altra faccia della medaglia è che hanno bisogno di cure amorevoli e parecchi soldi per la loro manutenzione. Una cosa è certa: c’è chi al momento di acquistare la barca ragiona con la testa e chi segue il cuore…

Il tema delle barche a vela in legno risveglia alcuni dei più accesi dibattiti tra la comunità dei velisti. Gli armatori amano semplicemente le loro barche e sono pronti a mettere tutto l’impegno necessario per mantenerle in ottima forma. Dall’altra parte c’è chi dice che possedere una barca a vela in legno in realtà sia pura follia. L’argomento dei detrattori di solito ruota attorno alla manutenzione, tuttavia la questione ha molte sfumature che di solito passano inosservate.

La maggior parte delle controversie è, come spesso accade, una questione di gusti personali. In questo articolo vogliamo affrontare la questione sottolineando i punti principali in genere sollevati in queste discussioni, ma da prospettive diverse. Non abbiamo intenzione di giudicare se qualcuno debba o meno acquistare e mantenere una barca a vela in legno. L’obiettivo è invece quello di informare, saranno poi i lettori a decidere.

Il fascino del lavoro artigianale

Le barche a vela di legno hanno qualcosa di incredibilmente suggestivo che è difficile da descrivere. L’ingenuo direbbe che gli amanti delle barche in legno sono affascinati dalla loro bellezza. Tuttavia, sembra che ci sia qualcosa di più che la semplice apparenza. La gente spesso dice che le barche di legno sono creature viventi, il che è vero. In effetti, una barca di legno non ha un’anima sola, ma molte. Fin dal concepimento e per tutta la loro esistenza gli scafi in legno accumulano le anime di tutti i loro armatori, ma anche di chi le fa nascere, ci lavora, gli architetti navali, i maestri d’ascia che attraverso il duro lavoro e l’amore contribuiscono a plasmarle. C’è sempre qualcosa di esclusivo nel lavoro artigianale che ci affascina e che deriva dall’orgoglio per la creazione, elementi quasi scomparsi in questi tempi di grandi aziende e produzione di massa.

A parte il fascino emotivo, ci sono però anche motivi pratici per possedere una barca a vela in legno. Probabilmente la principale è che possono essere incredibilmente più economiche delle barche in vetroresina. Di solito sono anche barche vecchie, il che significa che risalgono a un’epoca in cui le doti marine eraano una priorità per gli architetti e i costruttori navali.

Gli aspetti scomodi, almeno in teoria

Quali sono gli svantaggi di una barca a vela in legno? I detrattori delle barche di legno spesso le descrivono come una sorta di sirena che prima incanta i marinai per poi portare solo miseria nella loro vita. E in questo caso, la miseria si traduce in ore e ore di manutenzione e sacchi di denaro. Quanto lavoro di manutenzione richiede davvero una barca di legno? Siamo onesti: tutti i materiali si degradano nel tempo e richiedono manutenzione: la vetroresina produce osmosi, l’acciaio arrugginisce e il legno marcisce. Questo almeno in teoria. Tuttavia se costruito con una resina moderna, un cabinato in vetroresina trascurato si degrada molto più lentamente di uno in legno.

La manutenzione e le riparazioni sono compiti che richiedono meno tempo per la vetroresina rispetto al legno, anche se c’è chi mette in discussione questa idea perché molto dipende da quanto si è abili nel lavorare con tali materiali. Se si è bravi a lavorare il legno o almeno si ha voglia di imparare, allora la manutenzione potrebbe essere molto più facile e decisamente più economica. Lavorare il legno è anche più piacevole che lavorare la vetroresina, anche se, ancora una volta, è una questione di gusto. Il problema delle discussioni sulla manutenzione delle barche a vela in legno è che di solito viene assunta come un fastidio, piuttosto che come parte dei molti piaceri di possedere una barca. Molte persone si divertono a lavorare il legno e a prendersi cura delle loro barche e questo deve essere considerato. Se si tiene conto di questo, il gioco cambia completamente. Quello che per alcuni può essere una perdita di tempo o una fatica, per altri è in realtà uno dei momenti più gratificanti. In altre parole, quello che serve per mantenere una barca di legno è l’amore, oltre al tempo e al denaro.

Consiglio: cominciare da piccole barche

A meno che non siate abili falegnami e sappiate già un po’ come vengono costruite e mantenute le barche in legno, è più facile iniziare con una barca in buone condizioni. La manutenzione di una barca che è stata curata non dovrebbe essere un grosso problema. Se non avete molta esperienza con le barche in legno, potrebbe essere difficile per voi controllare le condizioni della barca da soli. In questo caso è importante poter contare su un esperto nella valutazione delle barche in legno.

Iniziare in piccolo non è una cattiva idea. Non solo le piccole barche sono molto divertenti, ma sono ovviamente molto più facili e meno costose da mantenere. Poiché il problema principale delle barche in legno è la manutenzione, questo vi darà un assaggio di quanto possa essere impegnativa la manutenzione di una barca più grande. Imparerete anche molto sulla manutenzione del legno e vi troverete in una posizione più comoda per decidere se in futuro vorrete passare a una barca di legno più grande. Ci sono molti buoni libri sull’argomento che possono tornare utili. Inoltre, assicuratevi di condividere le esperienze altrui. Questo significa per esempio scegliere una marina con altri amanti del legno oppure iscriversi ai forum online dedicati.

Leggi anche: Teak sintetico: pregi e difetti

Chi segue la testa e chi il cuore…

Gli armatori di barche a vela non comprano mai una barca, ma un sogno. Quanto costa lo scricchiolio del legno o la luce scintillante di una lampada a petrolio? E i ricordi di un tempo che si ricordano a distanza o che non si sono mai vissuti? Questi piccoli piaceri non hanno prezzo, almeno per alcuni.

Di fronte a una decisione difficile, molte persone “responsabili” vi consiglieranno di usare il cervello. Altri vi diranno di seguire il vostro cuore. I proprietari di barche a vela in legno sono di solito nel secondo gruppo. Sta a voi decidere se volete essere ragionevoli o se volete vivere la vostra vita con passione.

Lavori a bordo: come prendersi cura del teak

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.