Sting, velista felice nello Stretto di Messina in tempesta

Il musicista e compositore britannico Sting di recente ha attraversato lo Stretto di Messina a bordo della storica goletta Shenandoah del 1902, condividendo l’emozionante esperienza sui social.

Siamo abituati a vederlo suonare e cantare sui palchi più prestigiosi del mondo. Fa un certo effetto quindi vederlo nelle vesti di velista, per di più impegnato alle manovre su una splendida barca d’epoca e soprattutto in condizioni meteo a dir poco impegnative. Si tratta di Sting, il celebre musicista britannico che nei giorni scorsi è stato protagonista di un video che sta facendo il giro del mondo e collezionando migliaia di like.

Il video che ritrae l’artista è stato postato su Instagram dalla moglie Trudie Styler e ha come oggetto, come spiega lei stessa nel commento, l’attraversamento dello Stretto di Messina con raffiche fino a 35 nodi. Sting e la moglie erano imbarcati su una barca d’eccezione. Si tratta infatti dello Shenandoah, una maestosa goletta a tre alberi varata nel cantiere navale Townsend & Downey di New York nel 1902. Lungo quasi 40 metri, lo Shenandoah ha lo scafo in acciaio ed era originariamente impiegato per il trasporto merci, salpando tra la costa orientale degli Stati Uniti e i Caraibi.

Leggi anche: Quella volta che Simon Le Bon fece naufragio

A bordo di una “signora del mare”

La storica imbarcazione, perfettamente restaurata, oggi solca i mari con un equipaggio di otto persone ed ospiti speciali, come è successo per la rockstar Sting. Nelle immagini del videosocial postato da Trudie Styler si vede l’equipaggio impegnato a governare le enormi vele della goletta, per un totale di 888 metri quadrati di tela, in condizioni di mare mosso con raffiche fino a 35 nodi.

“Sono serviti degli eroi per gestire quella velatura imponente con quel vento – ha scritto la Styler – ma dopo un giro sulle montagne russe esilarante siamo riusciti ad attraversare lo Stretto di Messina. Lo scafo ci ha cullato come bambini”.

Sting si trasforma in marinaio

Quanto invece alla colonna sonora scelta per accompagnare la traversata è stato il brano dal titolo “Hold My Hand” di Lady Gaga, come svelato dalla stessa Trudie Styler. Una scelta musicale fluida e rilassante per accompagnare il passaggio dal Tirreno allo Ionio. Sting si è calato perfettamente nel ruolo di marinaio per l’occasione, come testimoniano le immagini che lo ritraggono mentre aiuta l’equipaggio nelle manovre di navigazione sotto l’albero di maestra.

Il legame speciale tra Sting e l’Italia

Il cantautore britannico ha un rapporto speciale con l’Italia, dove possiede una lussuosa tenuta in Toscana e dove ama passare lunghi periodi di vacanza. Poche settimane prima della traversata dello Stretto, Sting si era esibito in alcuni concerti nel nostro Paese, tra cui uno spettacolare live al Sonic Park di Stupinigi, alle porte di Torino. Un’altra data italiana è prevista il prossimo 11 dicembre a Milano.

Chissà se il viaggio a bordo dello Shenandoah ha ispirato nuove canzoni al celebre artista inglese, che da oltre quarant’anni incanta il mondo con la sua musica. L’azzurro del mare e il fascino antico della goletta sono scenari perfetti per una mente brillante come quella di Sting. Messina e Reggio Calabria possono essere orgogliose di avergli regalato questa esperienza unica che racchiude la storia e la bellezza dello Stretto in un perfetto connubio tra tradizione e modernità.

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.