Sapete come funziona un motore fuoribordo?

Il funzionamento di un motore fuoribordo è molto simile a quello del propulsore a scoppio di un’automobile. Le differenze stanno nelle modifiche al design per adattarsi all’ambiente marino e per affrontare le sfide uniche del montaggio verticale.

A un neofita il fuoribordo marino potrebbe sembrare qualcosa di strano e misterioso. In realtà è molto simile a un tradizionale motore a scoppio, di quelli montati sulle auto o sulle motociclette. Quello che cambia è il design e alcune soluzioni tecniche per adattare questi propulsori all’ambiente marino e al montaggio in verticale sulla poppa delle barche.

Il funzionamento interno dei fuoribordo marini varia a seconda del tipo di propulsore acquistato, ma le basi sono più o meno le stesse. Ecco allora una guida al funzionamento di un motore fuoribordo.

Leggi anche: Invernaggio del fuoribordo: 6 prodotti essenziali per fare un buon lavoro

Fuoribordo a 2 o a 4 tempi

Un fuoribordo a 2 tempi si differenzia da quello a quattro tempi per il suo funzionamento interno. I progettisti possono scegliere una configurazione a 2 tempi per risparmiare peso in un fuoribordo di bassa potenza, ma di solito optano per una configurazione a 4 tempi in un motore più grande. I motori a 4 tempi sono più efficienti dal punto di vista dei consumi, producono meno gas di scarico e in genere richiedono meno manutenzione rispetto ai motori a 2 tempi.

Fuoribordo

Il ciclo di un motore a 2 tempi

Un fuoribordo a 2 tempi utilizza due corse del pistone all’interno del cilindro per completare un ciclo. Quando il pistone si muove verso il basso, allontanandosi dalla parte superiore del cilindro, si tratta della corsa di aspirazione e di scarico. Quando il pistone si muove verso il basso, espone una porta di scarico che consente la fuoriuscita dei gas di scarico. In questo modo si crea una bassa pressione all’interno del cilindro che permette all’aria e al carburante di entrare nel cilindro attraverso una porta di aspirazione.

Una seconda corsa sposta il pistone verso la parte superiore del cilindro. A questo punto, il carburante e l’aria vengono compressi, il pistone chiude le porte di aspirazione e di scarico e il carburante e l’aria si accendono. Questa piccola esplosione spinge il pistone verso il basso e il ciclo ricomincia da capo.

Il ciclo di un motore a 4 tempi

L’aspirazione, la compressione, la combustione e lo scarico in un 4 tempi avvengono durante il movimento del pistone. C’è una corsa di aspirazione in cui il pistone si muove verso il basso mentre la valvola di aspirazione è aperta, aspirando carburante e aria. Poi, quando il pistone sale con le valvole chiuse, comprime o carica la miscela carburante-aria. L’accensione avviene all’inizio della corsa e il pistone viene spinto nuovamente verso il basso. Questa è la corsa di potenza. Infine, il pistone viene spinto nuovamente verso l’alto con la valvola di scarico aperta per far uscire lo scarico.

Questo processo in un fuoribordo non differisce molto da quello che si può trovare in qualsiasi motore a combustione interna. I pistoni fanno ruotare un albero a gomiti per ottenere il movimento rotatorio che alla fine aziona l’elica. Ma c’è una sfida: il motore è montato verticalmente e la potenza di rotazione deve essere ruotata di 90 gradi in modo da essere parallela alla superficie dell’acqua. Questo è ciò avviene sotto il motore.

Fuoribordo

Come è fatta l’unità inferiore del fuoribordo

La parte centrale del motore è principalmente un alloggiamento per l’albero di trasmissione che si dirige verso l’unità inferiore. Prima, però, passerà attraverso la pompa dell’acqua situata nella parte superiore dell’unità inferiore.

Il fuoribordo preleva l’acqua dall’unità inferiore e la spinge verso l’alto per mantenere il motore fresco. La pompa dell’acqua contiene una girante in gomma che aspira l’acqua e la spinge attraverso la sezione centrale fino al motore stesso. La parte superiore dell’unità inferiore presenta anche un albero del cambio, che consente all’operatore dell’imbarcazione di passare dalla folle alla marcia avanti e alla retromarcia.

Fuoribordo

Frizione e cambio del fuoribordo

L’albero del cambio è collegato a un disco della frizione nell’unità inferiore, che si muove avanti e indietro per agganciarsi agli ingranaggi del pignone della marcia avanti e della retromarcia. Quando si innestano le marce, queste azionano l’ingranaggio, che è collegato all’albero dell’elica, che a sua volta ruota l’elica e spinge l’imbarcazione.

Esistono innumerevoli varianti di questo progetto di base: più o meno cavalli, a 2 o 4 tempi, diesel o a benzina. Ognuno di essi ha caratteristiche specifiche che lo fanno funzionare al meglio in determinate condizioni. I problemi dei motori fuoribordo si verificano spesso nei componenti dell’unità inferiore.

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.