Perché i praticanti di watersports amano così tanto Maui

Paradiso degli sport acquatici e destinazione da sogno, l’isola di Maui alle Hawaii è stata la culla prima del surf, poi del windsurf, poi ancora del kiteboarding che qui hanno visto nascere i pionieri di questo sport come Marcus “Flash” Austin e Robby Naish. Ecco quali sono gli spot dell’isola e quando andare per un viaggio indimenticabile.

Se chiudete gli occhi e provate a immaginare una destinazione tropicale con condizioni eccellenti per il surf, il windsurf, il kitesurf e tutti i watersports derivati, molto probabilmente state pensando all’isola di Maui, nelle Hawaii. Andare a Maui per un amante degli spot acquatici è come per un cristiano visitare Gerusalemme. È il viaggio di una vita, una medaglia da apporre sul petto, un ritorno alle origini. Per molti anni in testa alle classifica delle migliori isole al mondo in cui vivere, Maui è spesso considerata la capitale mondiale del surf e del windsurf: un luogo in cui i riders si misurano con le più belle onde al mondo e surfano accanto alle stelle internazionali della disciplina.

La magia di un’isola dove è nato tutto

Maui tuttavia ha un legame speciale anche con il kitesurf che proprio qui è nato e si è sviluppato molti anni fa. La prima competizione mondiale di kite vinta dal mitico Marcus “Flash” Austin si è tenuta su quest’isola nel settembre del 1996. Al di là degli sport acquatici che qui naturalmente sono la religione locale, Maui regala anche una natura straordinari e offre uno stile di vita rilassato accompagnato da una cultura vibrante. L’isola ha oltre 240 chilometri miglia di costa e oltre 60 chilometri di spiagge di sabbia bianca, nera e rossa. Maui ha clima tropicale tutto l’anno con calde acque oceaniche, piogge stagionali e occasionali fronti freddi. Le temperature dell’aria qui variano da 26 a 31 gradi.

Anche se Maui ha meno moto ondoso rispetto all’isola di Oahu, è decisamente più ventosa. I tipici venti hawaiani sono quelli di Nord Est dai 15 ai 25 nodi durante l’estate e, a causa della topografia dell’isola, accelerano mentre raggiungono la celebre North Shore.

Leggi anche: Macchè estremi i watersports sono un gioco da ragazzi

La stagione migliore e le regole in spiaggia

Il periodo migliore dell’anno per fare kitesurf a Maui è tra marzo e ottobre, anche se le onde sono meno potenti in questo periodo. Se volete visitare Maui per la prima volta, sappiate che non ci sono alberghi lungo la maggior parte della costa settentrionale, ad eccezione di Kahului. Quindi l’opzione migliore è affittare un appartamento o chiedere una guest house. Maui ha molti negozi, shaper, scuole e punti di noleggio di attrezzature per il kitesurf. Una lezione privata costa dai 50 ai 100 dollari all’ora.

Un elemento da non sottovalutare è che anche se siete rider esperti a Maui potete lanciare i vostri kite solo nelle spiagge autorizzate. Ci sono infatti alcune leggi federali, statuti statali, ordinanze della contea e restrizioni ambientali che regolano l’uso del kite in queste aree.

La Nord Shore con i suoi spot mitici

L’area più popolare di Maui è la North Shore. Qui i rider non sono autorizzati a lanciare le loro ali prima delle 11 del mattino. Devono inoltre rispettare una distanza minima di 60 metri da surfisti, nuotatori, paddleboarder, sub, pescatori, canoisti e altri utenti dell’oceano. Quella di Jaws – Peahi, è la madre di tutte le onde hawaiane ruggisce durante l’inverno e offre la migliore esperienza di navigazione a onde. È vero che ci sono altri ottimi spot lungo la costa, ma Jaws è noto per la sua eccellente qualità di onde grazie alla barriera corallina dei suoi fondali. Le onde a Jaws possono raggiungere altezze fino a 21 metri e velocità fino ai 48 chilometri orari. Altri spot della Nord Shore sono Hookipa Beach Park, Lanes, Baby Beach, Naish-Flash Beach e Waiehu Beach.

Sulla costa occidentale e meridionale invece gli spot più famosi di Maui sono Kahana, La Perouse e Kihei.

Meteo, quando andare e costo della vita

Il clima caldo, l’acqua e il lato annuale degli alisei lato-terra soffiano da nord-est. In estate i venti sono più forti (a volte oltre i 30 nodi). L’inverno ha onde migliori ma può essere più umido e meno affidabile. Per quanto riguarda il vento, ci sono venti occidentali e Kona (Sud Sud-Est) da novembre ad aprile. La vela più usata è la 9 metri. Per la muta una boardshorts va bene in estate, mentre un top in neoprene sottile è ideale per l’inverno. Le temperature medie annuali per l’acqua sono di 24 gradi circa. Alta stagione: aprile – ottobre Temperatura media dell’acqua: 24° C /75 ° F. Per avere un’idea del costo della vita, una birra media viene 4 dollari, una cena ristorante circa 10 – 24 dollari, mentre un alloggio viaggia dai 100 ai 150 euro in media per camera, ma varia notevolmente lungo la costa.

Dove alloggiare a Maui

Maui offre una buona scelta di alloggi, ma le Hawaii in generale non sono economiche. Ci sono resort di lusso a Wailea ma è possibile trovare anche a case vacanze e ostelli back-packer. I posti migliori per stare sulla North Shore Paia, Kuau o Sprecklesville e non sono così turistici o sviluppati come altre aree. Qualsiasi sport riuscite a immaginare, ma anche golf, whale watching, gite alle cascate, vulcani, safari in barca a Lanai o Molokai, giardini botanici, gallerie d’arte, etc.

Coniugare watersports e lavoro: ecco i luoghi perfetti dove vivere

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.