L’onda più lunga di Robby Naish: tante vittorie e dopo?

Il tanto atteso documentario sul surfista Robby Naish The Longest Wave è stato presentato lo scorso 10 agosto. Una pellicola intensa che cerca di esplorare ciò che accade a un atleta professionista quando il tempo delle competizioni finisce. Come ci si ferma? Cosa si pensa? Quali motivazioni subentrano?

Nel corso di 40 anni il surfista professionista Robby Naish ha vinto più di 150 tornei ed è diventato 24 volte campione del mondo. Il suo scopo nella vita ogni giorno era quello di competere ed essere un atleta eccezionale. Così ora, a cinquant’anni, mentre cerca di capire cosa fare dopo nella sua vita, il documentario The Longest Wave fa luce sulla sua carriera durante la transizione dal mondo delle competizioni alla vita dopo lo sport professionale, una prospettiva raramente documentata.

Dal premiato regista Joe Berlinger (The Cecil Hotel, Paradise Lost, Brother’s Keeper, Metallica: Some Kind of Monster e Crude) il nuovo film documentario sul windsurf, The Longest Wave, ha debuttato in tutto il mondo lo scorso 10 agosto sul canale Red Bull TV, un servizio di streaming gratuito On Demand.

Robby Naish

Un Robby Naish intimo, sincero, fragile

Berlinger si allontana in questo film dal dramma del vero crimine per immergersi in un mondo a lui totalmente sconosciuto. The Longest Wave trascende il genere degli sport d’azione catturando gli ostacoli al di fuori della vita professionale del leggendario atleta in uno stile intimo e genuino, rivelando Robby che bilancia la ricerca dell’eccellenza in mare con le esigenze delle sfide della vita a terra, tra cui la famiglia, gli infortuni, l’invecchiamento e i rischi di continuare a partecipare a sport notevolmente pericolosi.

Robbie Naish ha vinto il suo primo titolo mondiale di windsurf all’età di 13 anni ed è stato in prima linea nel windsurf, nel kitesurf, nel paddleboard e più recentemente nel foil boarding. Berlinger espone cosa succede quando a un 24 volte campione del mondo delle Hawaii, che ha aperto la strada a nuovi sport estremi, viene detto di fermarsi. L’orologio smette di fare tic tac e tutto ciò per cui hai lavorato finisce bruscamente. Si scopre così che Robby non era affatto pronto al fatto che la sua vita perda il significato e lo scopo su cui si è sempre appoggiato.

Leggi anche: Nei wave pool fare surf è come andare in palestra

Robby Naish

Tanti campioni divorati dalla voglia di vincere

Quindi, cosa succede dopo? L’Athlete Career and Education Program del Comitato Olimpico degli Stati Uniti che aiuta gli atleti attuali e in pensione ad accedere all’istruzione, sviluppare competenze di preparazione alla carriera e lavori ha un programma per affrontare proprio questo. La sua ricerca ha identificato numerosi tratti che rendono un atleta competitivo un “dipendente forte”, identificando che gli sportivi professionisti condividono tratti tra cui essere orientati ai risultati, in grado di eseguire la strategia, vincere le avversità, eseguire lavori sotto pressione. Si tratta di gente ambiziosa, ispiratrice e culturalmente sensibile.

Perché spesso gli atleti trovano difficile adattarsi alla vita lavorativa convenzionale quando quella sportiva finisce? Mentre alcuni forgiano nuovi ruoli come commentatori, allenatori, manager o relatori pubblici, altri finiscono la loro carriera all’apice solo per ritrovarsi di nuovo in fondo, in molti casi a causa della natura divorante dello sport d’elite e senza altre esperienze o qualifiche rilevanti.

Robby Naish

Oggi gli sport estremi sono meno estremi

The Longest Wave è un film che guarda all’uomo dietro lo sport che ha coltivato, e che ha raggiunto quello che gli è stato detto essere il suo ultimo obiettivo, il suo titolo finale. Il film cattura la storia dell’uomo che continua la sua ricerca di genialità sfidando sé stesso a cavalcare l’onda più lunga del mondo, ma rivela inaspettatamente le sue vulnerabilità come uomo d’affari, un innovatore che crea e sviluppa costantemente, come mentore di talenti emergenti, e come padre che è stato in viaggio molti giorni della vita delle sue figlie.

Robby Naish ha commentato a luglio che “Il mondo intero è cambiato da quando ho iniziato nel 1974. Eravamo soliti salire su un aereo, volare da qualche parte e incrociare le dita che avremmo trovato vento e onde. Ora puoi guardare e vedere quali sono le previsioni in qualsiasi parte del mondo domani e la prossima settimana. Quindi quel senso di avventura è sparito. Il mondo è un posto minuscolo ora rispetto a quello che era una volta”.

GUARDA IL FILM:

https://www.redbull.com/int-en/films/the-longest-wave

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.