Essere costanti nelle uscite in mare sarebbe l’ideale, ma la mancanza di vento e onde, il lavoro e gli impegni spesso ci costringono a rimanere all’asciutto. Anche nei momenti di stop tuttavia è importante allenarsi. Ecco 5 sport molto divertenti ed efficaci che possono tornare utili anche a velisti e surfisti.

Chi pratica gli sport acquatici come il surf, il Sup, il kite, la vela, il windsurf, ha la fortuna di tenersi in forma nel modo migliore: in mezzo la natura, anzi sfruttando gli elementi naturali come l’acqua, il vento, le onde e soprattutto divertendosi. Non c’è un modo più bello e salutare di allontanare lo stress e ricaricare le pile al nostro organismo e alla nostra mente. Per queste discipline il vero allenamento è uscire in acqua il più possibile, sfruttando tutte le condizioni e in qualunque stagione dell’anno. Ma a parte gli atleti e chi ha la fortuna di abitare vicino a uno spot, per tutti gli altri è sempre difficile riuscire a bilanciarsi tra passione e doveri, voglia di libertà e incombenze quotidiane, lavoro e tempo libero. Poi ci sono i capricci del meteo che non sempre rispettano le nostre esigenze.

Nei momenti di stop tuttavia non bisogna trascurare l’allenamento fisico per tenersi comunque in forma e farsi trovare pronti al momento di rientrare in acqua. La costanza dell’esercizio fisico è anche fondamentale per prevenire eventuali infortuni e diminuire i tempi di recupero, effettuare session più lunghe e allontanare la stanchezza, preparare tutta la muscolatura e permetterci di migliorare nella pratica. Su cosa bisogna concentrarsi per ottenere un buon allenamento? A surfisti e velisti in genere servono forza, resistenza, elasticità ed equilibrio. Quindi praticare sessioni di nuoto in piscina, corsa, bicicletta e sollevamento pesi permette sicuramente di avere una buona base atletica. Ci sono tuttavia altre discipline che non solo incontrano perfettamente le esigenze atletiche di chi ama i watersports, ma sono anche piacevoli da effettuare e affini per valori e filosofia.

Calisthenics, sfruttare il proprio peso

Il calisthenics è una disciplina incentrata sullo sviluppo della forza relativa, eseguita usando il terreno e diversi tipi di barre e che coinvolge molti esercizi e routine di difficoltà progressiva che richiedono potenza e controllo del proprio peso corporeo. In sintesi è un esercizio che si può fare usando esclusivamente il proprio peso corporeo per costruire muscoli e forza. Il grande vantaggio è che non richiede attrezzature speciali e può essere svolto ovunque, a casa o all’aperto, nei parchi o anche direttamente in strada, tanto è vero che è conosciuto anche come Street Workout. Un altro vantaggio del calisthenics è il numero infinito di esercizi. Ci sono guide che contengono oltre 200 diversi esercizi e, mano mano che si acquisisce familiarità con loro e li si padroneggia, ci si rende conto che tutti possono essere adattati e modificati per creare innumerevoli nuovi esercizi, a seconda della propria immaginazione. Inoltre, questa gamma illimitata di esercizi varia da quelli veramente facili, che chiunque, anche senza un allenamento precedente può gestire, a quelli più difficili e spettacolari, che richiedono anni di allenamento.

Il calisthenics è perfetto per kiters, surfisti e velisti che escono  con derive veloci e catamarani perché offre benefici per la salute cardiovascolare e delle articolazioni, previene le malattie e rallenta il processo di invecchiamento. Questo sport presenta infine un ciclo di lavoro molto stimolante basato sul processo miglioramento e ricompensa: ti alleni per completare un esercizio o una serie di ripetizioni, progredisci, lo fai e poi lo padroneggi. Questo lo rende molto avvincente e gratificante.

Yoga, ottenere la pace della mente

Lo yoga è ormai da anni riconosciuto come pratica fondamentale per qualsiasi amante dei watersports, dagli atleti ai semplici appassionati. Non a caso si pratica molto spesso nelle scuole di surf o di kitesurf e si abbinano viaggi che uniscono la ricerca di onde e vento con session di yoga all’alba o al tramonto. I suoi vantaggi non riguardano solo il miglioramento dell’equilibrio e della flessibilità ma anche il miglioramento della respirazione e della concentrazione. La concentrazione mentale e il respiro aiutano a mantenere la calma e superare situazioni di pericolo. Lo yoga, oltre ad essere un eccellente allenamento quando si lontani dal mare è anche ideale per riscaldarsi prima di entrare in acqua per le nostre session e allungare i muscoli una volta tornati a terra.

L’ideale sarebbe comunque di riuscire a dedicare almeno da 15 minuti allo yoga tutte le sere così da non avere uno stile troppo rigido. Praticando yoga, inoltre si aumentare la gamma dei nostri movimenti e in generale la nostra flessibilità. Ci aiuta anche a sviluppare la forza muscolare principale. Non è necessario disporre di alcun equipaggiamento per eseguire queste posizioni. Basta avere un tappetino e magari un bel panorama da guardare.

Skateboard, il bello del surf da strada

È incredibile il numero di appassionati di watersports che praticano anche lo skateboard. Le due discipline infatti hanno molto in comune, compresa l’origine: i primi skaters erano surfisti californiani che volevano allenarsi anche quando non c’erano onde e simulavano i movimenti del surf nelle piscine delle ville disabitate. Lo skateboard è un’attività eccellente per allenare l’equilibrio e ti costringe a usare i muscoli di cui hai bisogno per stare in piedi sulla tavola anche in acqua. Puoi persino usare la tua tavola per esercitarti nelle manovre. L’ideale è utilizzare uno skateboard che imita una tavola da surf, come per esempio il longboard, che consente di allenarsi anche su lunghe distanze, sulle piste ciclabili, per strada, nei garage sotterranei e nelle discese.

Andare bene in skateboard significa allenarsi sulla posizione e sulla tecnica di pompare sull’onda per guadagnare velocità superando così le sezioni meno potenti dell’onda. Naturalmente è un buon allenamento per i muscoli delle gambe, ma coinvolge anche le spalle, il collo e gli addominali. Soprattutto lo skateboard è velocità, adrenalina, il vento in faccia, i tricks e tonnellate di divertimento assicurate anche quando si resta all’asciutto.

Slackline, allenare muscoli e sensi

La slackline è un esercizio di equilibrio e di bilanciamento dinamico, il cui nome deriva dall’inglese slack, ossia “molle” e line, cioè “linea”, poiché si cammina e si fanno esercizi su una fettuccia flessibile ed elastica larga tra i 2 ai 5 centimetri di poliestere o dyneema tesa tra due punti di ancoraggio. Si può praticare ovunque e per certi versi è un’evoluzione più popolare dell’arte del funambolismo. Sicuramente aiuta a mantenersi in forma ed è un ottimo allenamento non solo per il corpo ma anche per la mente. L’obiettivo è rimanere in equilibrio senza l’ausilio di una barra ma utilizzando solo il corpo, fattore che ha reso questa attività sportiva una delle più praticate degli ultimi anni soprattutto tra i surfisti, ma anche tra i climbers e gli appassionati di montagna. Lo Slacklining è nato infatti qualche anno fa in California dove si è sviluppato soprattutto nell’ambiente dell’arrampicata sportiva tra coloro che volevano migliorare anche a terra le prestazioni nelle scalate.

Lo Slacklining viene considerato uno sport libero e semplice perché basta avere due alberi per potersi allenare dove e come si vuole, quindi niente palestre, niente musica indesiderata e nessun ingresso da pagare: è uno sport per coloro che amano stare all’aria aperta, a contatto con la natura. Questa attività “costringe” chi lo pratica a conoscere alla perfezione i movimenti e le oscillazioni del proprio corpo, toglie lo stress ed elimina l’ansia e la negatività proprio perché concentrarsi sull’equilibrio significa concentrarsi su sé stessi e sul proprio benessere.

Balance Board, impara l’arte dell’equilibrio

La balance board è un attrezzo fitness per allenare la coordinazione, l’equilibrio e la tonicità muscolare. In genere è costituito da una piattaforma circolare o rettangolare poggiata su una semisfera morbida di gomma. La superficie su cui poggiano i piedi deve essere antiscivolo, in modo da minimizzare il rischio di incidenti. La balance board, infatti, mette a dura prova la capacità di stare in equilibrio, e nel fare questo, allena la propriocettività, ossia la capacità del corpo di percepire i movimenti all’interno delle articolazioni, dei muscoli e dei tessuti molli.

Rappresenta un ottimo sistema per tenersi in forma, ma soprattutto, per imparare a “sentire” muscoli, legamenti e articolazioni. L’obiettivo anche in questo caso è cercare di rimanere in piedi. Il segreto è tenere dritta la schiena, piegare le gambe e respirare in modo regolare. Si può praticare a casa, in palestra, ma anche all’aperto, praticamente ovunque.

L’allenamento con la balance board prevede esercizi molto semplici che sicuramente hai già fatto, come per esempio, flessioni e piegamenti. Questi esercizi risultano tuttavia ancora più performanti se fatti sulla balance board, perché sei costretto in ogni momento a trovare la giusta posizione per mantenere l’equilibrio. I muscoli lavorano, ma ancora più intensamente.

Largo in acqua: arriva il wing surfing

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.