Due ragazzi, una deriva gonfiabile e un progetto un po’ folle

Due velisti di Monfalcone, Franco Deganutti e Manuel Vlacich, lanciano “The Grand Tour Sailing 2023”, sfida che prevede l’attraversamento di tre laghi in Scozia, Medio Oriente e Perù a bordo di derive gonfiabili. Scopo: divertirsi e salvare l’ambiente.

Un “Grand Tour” in chiave velica sul filo dell’avventura e con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’emergenza ambientale. È questo l’ambizioso progetto di due giovani velisti di Monfalcone Franco Deganutti e Manuel Vlacich. Ispirati dai lunghi viaggi che aristocratici e intellettuali a partire dal XVIII secolo intraprendevano in Europa per perfezionare il loro sapere, Franco e Manuel hanno di recente annunciato il loro “The Grand Tour Sailing 2023”.

L’idea è quella di navigare con una formula ben precisa: tre tappe, nello stesso anno, con la stessa barca. Si parte dal lago di Loch Ness in Scozia, poi si va nel punto più basso della Terra, ossia il Mar Morto che si trova a -430 metri sul livello del mare tra Israele, Giordania e Palestina. Quindi si raggiunge il punto navigabile più alto del pianeta, ossia il lago Titicata che svetta a 3.812 metri tra il Perù e la Bolivia.

Leggi anche: Catamarani gonfiabili: pratici, leggeri e super divertenti

Franco Deganutti e Manuel Vlacich

Derive a vela gonfiabili perfette per questa sfida logistica

Un totale di circa 17.300 miglia e tre laghi molto diversi tra loro, con situazioni climatiche completamente opposte. Quindi una sfida logistica che ha tra gli obiettivi quello di raccontare come esista una reale emergenza oltre che su mari e negli oceani, anche nei laghi del pianeta. Secondo gli ultimi studi scientifici, si prevede per esempio il pressoché totale prosciugamento del Mar Morto entro il 2050.

Quanto invece alla barca, Franco Deganutti e Manuel Vlacich utilizzeranno due Tiwal. Si tratta di piccole derive gonfiabili ad alta performance con una struttura in alluminio, trasportabili in due sacche e facilmente assemblabili ovunque e senza attrezzi in meno di 20 minuti. Sono prodotte in Francia in oltre 2.200 unità. I primi test si sono già svolti in mare presso la sede della Società Vela Oscar Cosulich di Monfalcone e sul lago di Misurina nella frazione di Auronzo. La partenza della prima tappa è prevista per il 17 giugno sul lago di Loch Ness in Scozia per il cui attraversamento dovrebbero essere necessari 4 giorni, in funzione delle condizioni meteo. Nei mesi a seguire, verranno pubblicate le date delle successive tappe.

Franco Deganutti e Manuel Vlacich

Nel 2022 un’altra avventura con “The Italian Job”

Vlacich e Deganutti non sono nuovi a questo genere di avventure. Già nel 2022 avevano completato il loro primo “The Grand Tour Sailing” che prevedeva la partecipazione alle tre regate più frequentate d’Europa (la Bol d’Or sul lago di Ginevra, la Round The Island all’Isola di Wight e la Barcolana di Trieste), nello stesso anno e con la stessa barca, il Melges24 “The Italian Job”. Impresa che è stata premiata con un Guinnes Word Record certificato dall’organizzazione nel maggio 2023.

L’impresa “The Grand Tour Sailing 2023” potrà essere seguita sul canale social utilizzato anche per edizione precedente: Facebook The Grand Tour Sailing.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.