Controllare gli attacchi della chiglia: ecco come procedere

Periodicamente è importante verificare lo stato di salute degli attacchi della chiglia, soprattutto in caso di incaglio accidentale. Ecco cosa esaminare durante queste verifiche e come intervenire.

Controllare gli attacchi della chiglia. Il montaggio di una chiglia esterna su uno yacht è da sempre oggetto di rischi di fallimento e discussioni approfondite su quale materiale dovrebbe essere usato o come dovrebbe essere fissato. Esiste una selezione di materiali utilizzati per i fissaggi, ma bisogna fare attenzione alle scelte fatte. Come per molte altre componenti nautiche, l’abbassamento dei costi di produzione anche in questo campo ha forzato il modo in cui le imbarcazioni vengono assemblate nel corso degli ultimi anni.

Nella maggior parte degli yachts di produzione moderna le chiglie sono dotate di borchie o bulloni in acciaio inossidabile. Questi raccordi sono perfettamente accettabili finché l’umidità può essere esclusa dai fissaggi. È un fatto ben noto infatti che la corrosione interstiziale accade all’acciaio inossidabile quando l’ossigeno non può essere reintegrato.

Leggi anche: Mi compro la barca: quale chiglia scegliere?

Attacchi chiglia

Come esaminare gli attacchi della chiglia

Innanzitutto familiarizzate con la posizione degli elementi di fissaggio. Spesso ci sono fissaggi allineati con le aree principali della fusione, ma spesso ci sarà un fissaggio più piccolo a prua e uno a poppa a poppa. Verificate se c’è qualche traccia di infiltrazione intorno agli elementi di fissaggio o sotto le rondelle della piastra. Se avete in sentina aree con macchie che si sviluppano da sotto le rondelle di fissaggio, allora potrebbe esserci un problema. Scattare delle foto e poi ingrandirle è un modo molto utile per vedere i problemi da vicino e in dettaglio. Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi, ma con la pratica, picchiettando leggermente la parte superiore degli elementi di fissaggio con un piccolo martello, si riveleranno i problemi. Qualsiasi nota opaca può indicare un fissaggio che non è sotto la stessa tensione.

Attacchi chiglia

Flessioni, cedimenti e allentamenti dei blocchi

Ci sono motivi specifici per cui la chiglia si è allentata? Spesso l’imbarcazione può avere avuto un leggero incaglio, oppure prove evidenti che l’incollaggio alla struttura, le applicazioni di mastice delle paratie o il telaio a matrice interna in vetroresina sono stati sovraccaricati e si sono rotti. Se si è verificato uno di questi casi, allora è il momento di tirare la barca fuori dall’acqua e parlare con la vostra compagnia di assicurazione e con un perito qualificato. Con l’imbarcazione tenuta sull’invaso controllate se ci sono delle aperture nella giunzione scafo-chiglia che potrebbero permettere all’acqua di entrare in qualche fissaggio. Allo stesso modo, se si applica un’azione di pompaggio al piede della chiglia, e questo si muove o flette lo scafo, allora è meglio far controllare il tutto da un professionista. Alcuni casi di flessione della chiglia possono indicare anche il cedimento dello scafo. Nella maggior parte dei casi c’è solo una linea d’azione prudente: sostituire i fissaggi, controllare che le rondelle della piastra non siano state piegate e rimontare la chiglia con un nuovo giunto di mastice. Questo può sembrare un po’ eccessivo, ma ne vale davvero la pena.

Attacchi chiglia

Incaglio e arenamento: mai fidarsi e controllare

Anche se è importante controllare periodicamente i fissaggi della chiglia nel tempo per eventuali segni di usura, per molti armatori il momento più ovvio per farlo è dopo uno dei maggiori momenti di stress sui fissaggi della chiglia: ossia l’incaglio. Questi si presentano in due forme. Una è il normale incaglio e rifissaggio di una barca lasciata su un ormeggio a secco e l’altra è un incaglio improvviso e inaspettato mentre si naviga. Se colpite accidentalmente il fondale, ci sono diverse cose che dovete fare al più presto per vedere se c’è stato un danno significativo. Va da sé che dovreste far sollevare e ispezionare la barca dopo qualsiasi incaglio significativo. La sabbia in particolare è estremamente dura e il fango, unito a vento e marea, può creare un movimento di torsione in grado piegare il bordo d’uscita di una chiglia di piombo. Con le chiglie in ghisa inoltre l’impatto non viene assorbito in modo così efficiente attraverso la chiglia.

Controllate i segni di screpolature intorno al gelcoat dove la chiglia si unisce allo scafo. I punti problematici nella parte anteriore e posteriore della chiglia sono i più facili da trovare. Rimuovendo il gelcoat, troverete che il materiale di rinforzo dello scafo è compromesso. A causa della natura del gelcoat, le crepe capillari richiedono tempo per diventare visibili all’occhio, quindi i controlli periodici sono vitali. Se è stato trovato un danno, è prudente rimuovere la chiglia.

Attacchi chiglia

Danni interni ed eventuali vie d’acqua

Esaminare gli attacchi della chiglia. Con le chiglie di sentina, anche se non ci sono danni interni, ripetuti incagli accidentali possono far sì che le chiglie si divarichino, piegando le borchie. Questo tipo di danno deve essere valutato fuori dall’acqua e dovrebbe essere controllato almeno una volta all’anno. Molte barche costruite negli Anni 70 e 80 hanno una zavorra incapsulata, dove la chiglia fa parte dello stampo dello scafo. La pinna in GRP contiene punzonature in acciaio (la pallina di acciaio che rimane dopo aver punzonato il centro di una rondella) e nessun bullone o prigioniero. Queste soluzioni sono molto solide e bisogna solo assicurarsi che l’involucro non sia compromesso, lasciando le punzonature aperte alla potenziale ruggine.

Controllare inoltre se ci sono aperture nel giunto scafo-chiglia che potrebbero far entrare l’acqua. Sulle barche a chiglia fine costruite dalla metà degli Anni 80, che hanno più probabilità di avere una matrice a nucleo cavo incollata per fornire supporto, è importante controllare proprio sotto il letto del motore. Se la barca stava navigando con tutta la tela al vento quando si è incagliata, l’albero, l’attrezzatura e la modanatura della coperta saranno stati sottoposti a un carico enorme. Cercate allora attentamente le screpolature nella vetroresina alla base del passo d’albero e intorno ai fissaggi di coperta dell’armo (piastre di catena o bulloni a D).

Paratie, allestimenti interni e timone

Le stesse paratie aggiungono rigidità allo scafo ma possono anche causare danni in caso di incaglio. Se la paratia è stata incollata strettamente, può produrre una linea di tensione su entrambi i lati dell’imbarcazione. Su alcune barche, questo tipo di danni si è diffuso addirittura sul lato dello scafo e anche sulla modanatura della coperta. Anche le paratie possono staccarsi. La maggior parte della forza di incaglio spinge verso l’alto la parte posteriore della chiglia; questa nelle imbarcazioni con disposizione tradizionale è in linea con il tavolo da carteggio e la cucina. Guardate negli armadietti e sotto il tavolo da carteggio per vedere se si staccano.

Controllare gli attacchi della chiglia. Anche i cardini dei timoni appesi allo specchio possono essere piegati in caso di incaglio o arenamento. Tuttavia uno scenario meno ovvio è quando sono stati semplicemente indeboliti. Anche in questo caso cercate le screpolature del gelcoat intorno ai raccordi. Se l’asse del timone è alloggiato in un tubo, controllate accuratamente l’incollaggio del tubo nello scafo e il metodo di tenuta. Molte imbarcazioni di nuova produzione usano guarnizioni a labbro. Normalmente queste sono affidabili, ma se la pala del timone è forzata verso l’alto possono staccarsi e quindi perdere quando il calcio viene girato.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.