Consigli pratici e veloci per la manutenzione dei fuoribordo

Ci sono diverse operazioni che potete fare per mantenere la vostra barca in condizioni perfette. Tra queste c’è sicuramente la manutenzione dei fuoribordo. Ecco alcuni consigli sulla manutenzione dei fuoribordo.

Il motore fuoribordo è sicuramente il più diffuso in assoluto sulle piccole e medie barche da diporto, in particolare i gommoni. Negli ultimi anni la tecnologia di questi propulsori marini è in continua evoluzione e ha consentito potenze elevatissime e prestazioni impensabili solo qualche anno fa. E soprattutto permette funzionamenti impeccabili, ben lontani da quelli piuttosto approssimativi dei primi motori nautici.

Tuttavia quando si tratta di eseguire la manutenzione ordinaria di un fuoribordo, ci sono alcuni fattori a cui prestare attenzione. Fortunatamente tutte queste operazioni possono essere eseguite a casa con appositi prodotti per la manutenzione dei fuoribordo. Ricordate che questi motori utilizzano la combustione interna per generare energia, in modo simile al funzionamento del motore di un’auto o di una moto.

Leggi anche: Invernaggio del fuoribordo: 6 prodotti essenziali per fare un buon lavoro

Manutenzione fuoribordo

Ispezione generale e controllo candele

Ispezionare il motore rimuovendo il coperchio esterno, noto anche come “calandra”. Questa parte protegge il motore dal contatto con l’acqua. Una volta rimossa, esaminatela attentamente per individuare eventuali segni di perdite. In particolare intorno alle giunzioni in cui si collegano le parti.

Manutenzione del fuoribordo. Successivamente, ispezionate le candele. Iniziate staccando la batteria. Osservare le candele per verificare che siano prive di olio. Dovrebbero anche essere completamente intatte all’interno del loro alloggiamento in ceramica. Va inoltre verificata la distanza del diodo secondo il manuale. Una volta completata l’operazione, assicuratevi di reinstallare correttamente le candele e di serrarle secondo le specifiche del produttore.

Manutenzione fuoribordo

Sostituzione dell’olio motore

Controllare anche l’olio per verificare che sia del colore e della consistenza giusti. Se è scuro o viscoso, probabilmente è il momento di cambiare l’olio. Se nell’olio si trovano trucioli o detriti metallici, ciò potrebbe significare che alcune parti del motore si stanno sfregando. Questo può portare a problemi più gravi, quindi portate il vostro fuoribordo in assistenza immediatamente.

Inoltre, tenete presente che questi motori consumano l’olio più rapidamente delle automobili. Tuttavia, questo non significa che l’olio debba scomparire sotto i vostri occhi. Se così fosse, potrebbe esserci una perdita. Controllate anche il filtro dell’aria per verificare che non sia sporco. Esaminate il tubo del carburante per verificare che sia in buono stato, sia all’interno che all’esterno, e che sia fissato saldamente.

Manutenzione fuoribordo

Cosa fare dopo ogni uscita

Ci sono altre operazioni di manutenzione dei fuoribordo da eseguire dopo ogni uscita in barca. Risciacquate il motore per evitare accumuli che possono portare alla corrosione. Quando l’imbarcazione è fuori dall’acqua, collegatela a un tubo dell’acqua dolce, avviate il motore e lasciatelo in folle mentre pompa l’acqua. Sganciate il tubo del carburante e lasciate che il motore bruci il carburante rimanente per evitare la corrosione.

Prima di fare questa operazione, stringere il tubo del carburante per evitare che spruzzi dappertutto. Dopo che il motore si è asciugato, è possibile spegnerlo e premere l’interruttore della batteria.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.