Come scegliere e attrezzare una barca per lunghe crociere

La scelta di una barca per lunghe crociere non è una decisione da prendere alla leggera. Ogni armatore può avere un punto di vista diverso, ma pochi mettono in dubbio l’importanza di scegliere bene.

Non importa quale sia il vostro budget, ma nella scelta su quale barca prendere e come attrezzarla per le lunghe crociere c’è una gamma enorme di opzioni e un certo numero di decisioni importanti da prendere, ognuna delle quali condiziona il divertimento e la sicurezza della navigazione. Ecco allora una lista di valutazioni essenziali da fare riguardanti la sicurezza, il comfort, le prestazioni e la funzionalità della barca, senza dimenticare materiali e soluzioni per scafo, coperta, attrezzatura e interni.

Leggi anche: Come fare esperienza d’altura senza comprare una barca

Dimensioni della barca: quanto grande?

Decidere le dimensioni di una barca per lunghe crociere non è solo la scelta più importante, ma anche la più difficile, ed è qui che si commettono gli errori più gravi. Alcuni scelgono una barca troppo grande per le loro esigenze, troppo difficile da manovrare e più costosa da gestire e mantenere. Verricelli elettrici, avvolgitori e eliche di prua hanno reso le barche più grandi molto più facili da gestire, ma chiedetevi questo: posso navigare con questa barca solo con il mio compagno o, in caso di emergenza, in solitario? D’altro canto è risaputo che la mancanza di spazio o di privacy a bordo può avere un effetto negativo sul morale dell’equipaggio.

Lunghe crociere: monoscafo oppure multiscafo

Quando si parla di lunghe crociere, decidere se optare per un solo scafo o due è forse una scelta ancora più difficile di quella delle dimensioni della barca. Per quanto riguarda i trimarani in pochi li ritengono veramente adatti a essere condotti in mare aperto da un piccolo equipaggio familiare. All’inizio c’erano dubbi simili anche sull’idoneità dei catamarani per la navigazione d’altura, ma il loro design è molto migliorato, gli architetti hanno pensato molto alla loro sicurezza, mentre i costruttori hanno fatto del loro meglio per produrre barche robuste e degne di navigare. La loro crescente popolarità tra i crocieristi di lungo corso ne è la prova migliore.

Tuttavia, chi ha intenzione di partire in catamarano per un lungo viaggio deve scegliere con cura la rotta per ridurre al minimo il rischio di incontrare burrasche. Osservare sempre le stagioni sicure ed essere consapevoli dei punti deboli di un catamarano. I catamarani sono molto meno clementi dei monoscafi quando le condizioni meteo peggiorano.

La scelta del timone per l’altura

Secondo varie autorità di ricerca e soccorso negli ultimi 30 anni sono state abbandonate più barche da crociera a causa di un guasto al timone che per qualsiasi altra ragione. I timoni sono una caratteristica essenziale del design che dovrebbe dettare la scelta della barca per lunghe crociere. I timoni sospesi sono gradualmente migrati dalle regate alle barche da crociera e, non protetti da uno skeg almeno parziale, sono estremamente vulnerabili. Se non potete evitare una barca con questo tipo di timone, insistete almeno sul fatto che la metà inferiore del timone sia sacrificabile, poiché è qui che è più probabile che venga colpita dai detriti. Indipendentemente dal tipo di timone, ci deve essere un adeguato sistema di governo di emergenza di riserva che sia facile da installare e noto a tutti i membri dell’equipaggio.

Chiglia, pescaggio e dislocamento

Una chiglia fissa può essere più adatta per i passaggi oceanici, mentre un pescaggio ridotto, sia con una chiglia più corta e un bulbo o una disposizione a centro barca, è preferibile per le lunghe crociere. Dal punto di vista della sicurezza e della convenienza, una deriva centrale funziona perfettamente, sia quando si esplorano zone poco profonde che durante il passaggio. Il dislocamento dovrebbe essere una seria considerazione per coloro che sono interessati alle prestazioni veliche, come so troppo bene per esperienza personale.

Barca lunghe crociere

I materiali della barca: vetroresina o metallo

Nella maggior parte dei casi le barche da lunghe crociere sono costruite nel materiale più adatto che l’architetto e il costruttore hanno concordato. Per un lungo viaggio, il costruttore potrebbe essere persuaso a mettere un po’ di forza aggiuntiva in aree critiche, quindi vale la pena di discuterne in modo che tali modifiche possano essere fatte durante le fasi iniziali della costruzione. Gli scafi in metallo, sia in acciaio che in alluminio, sono attraenti per la loro forza intrinseca, ma ci sono anche svantaggi per entrambi i materiali. Gli scafi e i ponti in acciaio hanno bisogno di una buona preparazione iniziale per la verniciatura e poi di un’attenta manutenzione per tutta la vita della barca. Nel caso degli scafi in alluminio, alcune persone possono essere preoccupate per il rischio di reazione elettrolitica. Questo è del tutto ingiustificato: le leghe moderne e i metodi di costruzione se ne sono occupati.

Barca lunghe crociere

Il set di vele da imbarcare

Per lunghe crociere ci si dovrebbe assicurare che la randa sia la più robusta possibile, con doppie, idealmente triple cuciture a zigzag resistenti ai raggi UV e toppe di protezione nelle aree in cui la vela può toccare le crocette quando è completamente srotolata. Le trinchette avvolgibili dovrebbero essere dotate di strisce anti-UV. Una randa completamente steccata, con terzaroli, è la migliore scelta per coloro che sono interessati alle prestazioni. I sistemi di avvolgimento della randa si sono evoluti e alcuni dei sistemi di avvolgimento del boma combinano il meglio di due mondi, offrendo un modo semplice e veloce per ridurre la superficie della vela e, poiché la randa avvolgibile è dotata di stecche, la perdita di prestazioni è minima. Gli spinnaker dovrebbero essere provvisti di sacche adeguate o sarà difficile ammainarli in caso di burrasca, quando questo deve essere fatto rapidamente.

Varie vele da tempo leggero, come spinnaker asimmetrici, code zero, gennaker, sono dotate di un proprio avvolgitore e possono essere un’utile aggiunta al guardaroba della vela, poiché sono relativamente facili da montare e smontare su una barca a mani corte.

Quale armo per le vele?

Un armo frazionato con crocette a scomparsa è più efficiente di un armo a cutter standard. Ma anche la flessibilità fornita da una configurazione a due vele è un grande vantaggio su qualsiasi barca oltre i 12 metri. Mentre si prepara il sartiame, è una buona idea dare un’occhiata da vicino alla disposizione della coperta e al percorso delle scotte e cime; queste dovrebbero avere un percorso libero e senza ostacoli verso il pozzetto, aiutato da bozzelli nei punti critici. Per quanto riguarda le drizze, l’albero dovrebbe avere abbastanza canali dedicati per le drizze dello spinnaker e della trinchetta.

Barca lunghe crociere

Piano di coperta: disposizione di winch e manovre

Un layout di coperta efficiente e funzionale è essenziale e permette all’equipaggio di fare la maggior parte delle regolazioni della vela dal pozzetto. È essenziale che le cime che arrivano al pozzetto siano codificate per colore e portate alle singole frizioni. Lo stesso vale per le linee di controllo dall’avvolgifiocco. Alcune barche di serie falliscono malamente sotto questo aspetto. Per una gestione efficiente delle vele, specialmente quando si è a corto di personale, i winch elettrici sono quasi indispensabili. Per esempio, quando una vela di prua deve essere arrotolata rapidamente prima dell’arrivo di un temporale, la linea di avvolgimento può essere avvolta sul winch elettrico al tocco di un pulsante, mentre l’altra mano può allentare gradualmente la scotta mentre la vela viene arrotolata. Questa operazione senza sforzo richiede raramente più di un minuto. Funziona altrettanto bene quando si terzarola la randa dal pozzetto, con la linea di terzarolo che viene tirata dal winch elettrico mentre la drizza viene pagata manualmente.

Barca lunghe crociere

Il comfort degli ambienti interni

Le cuccette comode sono essenziali nelle lunghe crociere e ci dovrebbe essere in barca almeno una cuccetta di guardia. Dato che passiamo la maggior parte della giornata seduti, si dovrebbe anche pensare a sedute comode sia nella cabina principale che nel pozzetto. Un buon isolamento e un’adeguata ventilazione con sufficienti boccaporti e casse d’aria per il maltempo spesso mancano sulle barche di serie costruite per i climi temperati. Sono vitali per le crociere ai tropici. Una buona ventilazione e l’isolamento acustico sono essenziali per la sala macchine. Una cucina ben studiata dovrebbe essere una priorità. Le cucine compatte, a forma di U o di L, sono da preferire a quelle a pianta aperta. Ci dovrebbe essere sufficiente spazio di stoccaggio nelle immediate vicinanze della cucina in modo che tutti gli oggetti essenziali siano a portata di mano.

Protezione del pozzetto per lunghe crociere

Una buona protezione del pozzetto è davvero essenziale su una barca da crociera d’altura. Alcuni progettisti sono riusciti a fornire questa utile caratteristica incorporando una cappottina rigido senza rovinare l’aspetto generale della barca, ma la maggior parte continua ad essere limitata ai cappottine morbide. Meglio che niente…

Barca lunghe crociere

Potenza del propulsore e accessibiltà del vano motore

La posizione del motore e l’accessibilità generale sono caratteristiche che possono essere facilmente trascurate anche se dovrebbero essere una priorità assoluta. Tutti i punti che richiedono un’ispezione o una manutenzione regolare dovrebbero essere facilmente accessibili. Altrettanto importante è un facile accesso ai componenti principali: alternatore, cinghie, motorino d’avviamento, pompa dell’acqua di mare e girante; ma anche iniettori, cambio dell’olio, filtri del carburante e dell’olio, rubinetto di aspirazione del motore, sifone dell’acqua di mare, trasmissione e premistoppa. Questo è un aspetto in cui i catamarani vincono a mani basse perché i loro motori sono situati a poppa e  accessibili da tutti i lati. La maggior parte dei navigatori ritiene che la loro barca da lunghe crociere abbia bisogno di un motore più grande. Il vecchio metro di misura è sempre stato un cavallo per piede di lunghezza. Alcuni preferiscono un rapporto leggermente più alto di 1,2 cavalli per piede di lunghezza. Altri usano un metro diverso, puntando a 5 cavalli per tonnellata di dislocamento.

La sicurezza della barca in crociera

Per quanto riguarda la sicurezza della barca da lunghe crociere occorre farsi alcune fondamentali domande: quanto è ben protetto il pozzetto? Quanto è esposta la persona al timone? Quanto è sicuro lavorare ai piedi dell’albero o sul ponte di prua? I tientibene sono sufficienti? I candelieri e le jack-line sono forti e affidabili? Quanto pericolosamente basso è il boma che attraversa il pozzetto? La zattera di salvataggio è stivata in un luogo facilmente accessibile da dove può essere lanciata dal membro più debole dell’equipaggio? E così via. Su questo tema, più di altri è importante imparare non solo dai propri errori, ma anche da quelli degli altri.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.