Come produrre, conservare e utilizzare l’acqua dolce in crociera

La produzione di acqua dolce soddisfa tutte le esigenze dell’equipaggio, ma impone apparecchi non proprio economici, che consumano energia e di cui va fatta la manutenzione. Vediamo come allestire un impianto base.

Acqua dolce di bordo. Sembra paradossale per naviga in mare, ma una delle risorse più preziose quando siamo in barca è proprio l’acqua dolce. Per bere naturalmente, ma anche per lavare e cucinare alimenti, fare pulizie e docce. I giorni con cui si andava in crociera con un paio di taniche sono ormai lontani. Al posto della frugalità ora a bordo vogliamo una scorta praticamente illimitata di acqua dolce. Le barche a vela con sistemi di acqua a pressione sono praticamente uno standard oggigiorno e non sorprende che alcune imbarchino lavatrici e persino lavastoviglie. È l’evoluzione e va bene così, ma questi dispositivi di acqua ne consumano tantissima e anche fuori da un porto turistico, bisogna in un modo o nell’altro soddisfarli.

Il modo più semplice e costoso per farlo è investire in un bel dissalatore, installarlo e imparare a farlo funzionare. Dopodiché eseguire la manutenzione periodica e risolvere eventuali problemi. Se non si riesce a fare tutto questo, la meraviglia della tecnologia si ridurrà rapidamente a un inutile ammasso di pompe e tubi fino a quando non si incontrerà il prossimo rivenditore o agente di assistenza competente e disponibile.

Leggi anche: La produzione di acqua dolce a bordo è un arte “Zen”

Dissalatore, che grande invenzione!

Senza contare che per il loro funzionamento i dissalatori richiedono anche energia elettrica. Le piccole unità a corrente continua possono essere alimentate anche da energia solare ed eolica. Ma se si superano i 15 litri all’ora, il consumo di energia si fa sentire. Se poi si aggiungono un frigorifero, un congelatore, un autopilota potente e chissà cos’altro, i pannelli solari difficilmente potranno tenere il passo. Inoltre, le batterie si prosciugano di notte o nelle giornate di cielo coperto.

Come produrre, conservare e utilizzare l’acqua dolce in crociera. Esistono tre opzioni per l’alimentazione di un dissalatore. La più diffusa è l’alimentazione a batteria a corrente continua, a 12 o 24 Volt a seconda dell’impianto dell’imbarcazione. Poi c’è l’alimentazione a corrente alternata e infine quella a motore. Ognuna di queste opzioni ha pro e contro. Le unità a corrente continua di piccole e medie dimensioni possono essere alimentate in qualche misura dalle batterie. La frequenza e la durata dipendono dal sistema di ricarica e di stoccaggio. Se disponete di un sistema a corrente continua efficiente e di prim’ordine, con una notevole capacità di ricarica alternativa, allora siete a posto. È più probabile che dobbiate lottare per mantenere le batterie adeguatamente cariche e non scendere al di sotto del 50 per cento di scarica. Il che accorcerà la loro già breve e costosa vita. In queste circostanze si accende il motore per produrre acqua quando necessario. In sostanza, il diesel viene trasformato in H2O.

Alimentazione a corrente alternata del dissalatore

La seconda opzione è un’unità alimentata a corrente alternata. Questi dispositivi possono avere una notevole capacità di produzione e quindi non è necessario che funzionino a lungo per soddisfare le vostre esigenze. Tuttavia, è necessario disporre di corrente alternata e ciò significa che un generatore dovrà essere in funzione, a meno che non ci si trovi in un porto turistico con corrente da terra.

Come produrre, conservare e utilizzare l’acqua dolce in crociera. Le persone intelligenti non producono acqua nei porti turistici, poiché il carburante e gli agenti contaminanti che si trovano nel bacino potrebbero rovinare le costose membrane interne, ma molti lo fanno comunque. Il funzionamento di un dissalatore a corrente alternata tramite un enorme inverter può essere possibile in alcune circostanze, ad esempio durante la navigazione, ma probabilmente non è una buona soluzione sistematica. Se la vostra imbarcazione dispone di un generatore da utilizzare per l’aria condizionata o simili e ha una capacità extra per un dissalatore, allora questa è una soluzione ragionevole.

acqua dolce

Dimensioni e cura della membrana filtrante

Una terza opzione è quella di avere un’unità alimentata da un motore. In questo modo si trasforma sicuramente il gasolio in acqua, ma se si usa il motore per viaggiare probabilmente si hanno cavalli di riserva che possono essere utilizzati. Anche un’unità a corrente continua di grandi dimensioni può essere utilizzata in questo modo, poiché l’alternatore restituirà ciò che il dissalatore prende immediatamente.

Un piccolo problema con i dissalatori è il corretto dimensionamento: più grande non è sempre meglio. Inoltre nei climi caldi dovranno essere trattati con un biocida di stoccaggio dopo circa 3 giorni di inutilizzo. Alcuni preferiscono far funzionare un’unità più piccola più frequentemente. Numerosi modelli offrono anche un lavaggio automatico dell’acqua dolce per mantenere la membrana fresca, ma questo si basa sull’utilizzo dell’acqua prodotta dalla macchina, poiché il cloro e altri additivi possono danneggiare la membrana. I filtri del dissalatore infine devono essere montati in un luogo comodo, poiché necessitano di frequenti attenzioni.

acqua dolce

Raccogliere acqua piovana: facile e veloce

Una alternativa è raccogliere acqua piovana per le proprie scorte di acqua dolce. Naturalmente, questo significa che deve piovere. Le tende da sole di grandi dimensioni utilizzate all’ancora produrranno i migliori risultati: naturalmente, più grande è l’area di raccolta, maggiore è la quantità d’acqua. In qualsiasi tendalino, inoltre, è possibile posizionare un anello passante in nylon nel punto più basso e far passare un tubo da lì fino al riempimento del ponte del serbatoio. Con una buona brezza, tuttavia, se il tendalino si muove un po’, il punto di raccolta può rimanere isolato e si possono formare delle pozze, l’acqua si raccoglie senza essere drenata e l’intero sistema potrebbe crollare.

Anche i pannelli solari montati in modo permanente possono catturare molta acqua e, se c’è un punto di deflusso favorito, un secchio appeso sotto questo punto ne catturerà una quantità sorprendente in caso di un buon acquazzone. Questo è probabilmente il sistema più economico in assoluto.

acqua dolce

Serbatoi di acqua dolce: quale materiale?

L’acqua dolce di bordo va stivata in appositi serbatoi che possono variare notevolmente in termini di capacità, costruzione e sicurezza. Più sono, meglio è, perché è una vera seccatura se il singolo serbatoio perde o è contaminato. Un buon serbatoio sarà robusto, a prova di corrosione, ben fissato e dotato di una porta d’ispezione che permetta di pulirlo di tanto in tanto.

Quanto ai materiali dei serbatoi d’acqua dolce, il metallo per esempio è resistente, ma può arrugginire e le saldature possono cedere. I serbatoi in vetroresina sono noti per soffrire di osmosi all’interno e i serbatoi in plastica stampata hanno minore resistenza intrinseca. Qualunque sia il materiale del serbatoio il serbatoio deve essere fissato molto saldamente. Quindi controllate le cinghie di fissaggio, se le avete, e vedete se è possibile installarne un altro paio di riserva.

acqua dolce

La cura delle pompe per l’acqua dolce

Come produrre, conservare e utilizzare l’acqua dolce in crociera. Ci sono infine le pompe autoclave che portano l’acqua dal serbatoio alle utenze. L’acqua a pressione è di serie su tutte le imbarcazioni, tranne le più piccole ed economiche, e il sistema può avere o meno un serbatoio di accumulo. Si tratta essenzialmente di piccoli serbatoi che vengono pressurizzati: quando sono pieni e si apre il rubinetto, l’acqua scorre senza che la pompa funzioni per un breve periodo.

Questo sistema uniforma la pressione dell’acqua, comporta una riduzione del lavoro della pompa, ed elimina le vibrazioni “martellanti” talvolta associate ai sistemi idrici a pressione marini.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.