Barca pronta per l’estate: fai questo check veloce e varala!

Come preparare la barca per l’estate? Ecco un check veloce per assicurarvi che la vostra barca e i suoi componenti principali siano in perfetta forma per navigare in mare aperto.

Check veloce alla barca. L’aria si fa più calda e le giornate diventano straordinariamente lunghe. È ora di preparare la vostra barca per passare la bella stagione a navigare. Naturalmente è necessario un po’ di lavoro per prepararla all’estate e per garantire che le vostre uscite e crociere siano sicure e ricche di soddisfazione.

È possibile risparmiare tempo e denaro adottando alcune semplici misure di prevenzione. Sebbene ogni barca abbia esigenze specifiche, seguendo alcuni accorgimenti generali qualsiasi appassionato del fai-da-te, armato di pochi strumenti e materiali di base e del manuale d’uso e manutenzione nell’altra, può facilmente risparmiare tempo e denaro. In questa guida esamineremo alcune delle misure di base che potete adottare per assicurarvi che la vostra barca sia in perfetta forma per navigare in mare aperto. Pur non essendo esaustivi, abbiamo coperto molte delle aree di base che dovrete controllare. Ricordate, in caso di dubbi, di consultare un professionista.

Leggi anche: Check up al circuito elettrico: serve il tester

Scafo

  • Controllare che le coperture della barca in tela non siano strappate o danneggiate e se sporche pulirle con un detergente delicato.
  • Assicurarsi che tutte le viti e i raccordi siano ben stretti e lubrificati.
  • Esaminare lo scafo per verificare l’eventuale presenza di crepe, graffi, abrasioni o danni e riparare il tutto se necessario. Rifinite eventuali bolle sullo scafo.
  • Pulite accuratamente lo scafo con un detergente delicato, assicurandovi di rimuovere la polvere, i cristalli di sale o la muffa che potrebbero essersi accumulate durante il periodo di rimessaggio.
  • Ritoccare la vernice antivegetativa, se necessario.
  • Applicare un buon strato di cera sullo scafo.
  • Pulire e lucidare gli accessori con un lucidante per metalli di buona qualità.
  • Pulire e oliare tutte le superfici in teak.
  • Controllare tutti i portelli, gli oblò e gli osteriggi e pulirli.
  • Pulire gli interni, comprese le sentine.
  • Controllare che il timone non sia bloccato.
  • Ispezionare la piattaforma da bagno e la scaletta per verificare la presenza di danni o usura.
  • Controllare le guide di sfregamento, l’albero, il cuscinetto della clessidra, il puntone e l’elica.
  • Se non avete smontato l’elica durante la sosta invernale, ingrassate l’albero e controllate che non ci siano ostruzioni, come le cime, reti da pesca, ecc.

Motore

  • Controllare durante il check che i tubi del carburante esposti non presentino segni di deterioramento o danni. I tubi flessibili scadenti sono troppo morbidi e fragili, mentre quelli strutturalmente solidi sono flessibili e duri quando li si muove.
  • Se l’impianto di alimentazione è dotato di un primer, come nel caso della maggior parte dei fuoribordo, spremere il tubo e cercare con attenzione eventuali segni di perdite.
  • Controllate e sostituite i filtri del carburante e assicuratevi di averne di ricambio a bordo.
  • Controllare e/o sostituire le candele. Esaminare l’usura dei cavi e sostituirli se necessario.
  • Gli zinchi sacrificali sono utilizzati nel motore per contrastare la corrosione galvanica. Controllate le loro condizioni e sostituiteli se necessario.
  • Controllare l’impianto di raffreddamento e sostituire o rabboccare il liquido di raffreddamento. Assicurarsi di avere a bordo una quantità supplementare di liquido di raffreddamento. Se avete un motore entrobordo che è stato svernato con un antigelo verde standard, svuotatelo e smaltitelo in modo responsabile. Sostituirlo con un antigelo blu non tossico.
  • Controllare e rabboccare il liquido della trasmissione e l’olio motore.
  • Controllare il raggio di movimento di tutti i cavi e, se necessario, lubrificarli o sostituirli.
  • Controllare che le cinghie non siano usurate o corrose. Verificare l’eventuale presenza di segni di usura e, se necessario, stringerle o sostituirle.
  • Controllare e pulire il dispositivo di arresto della fiamma di ritorno.
  • Lubrificare e spruzzare tutte le parti mobili.
  • Ispezionare il serbatoio per individuare eventuali perdite.
  • Registrare tutta la manutenzione del motore, in particolare la data e le ore dell’ultimo cambio dell’olio.
  • Considerate l’opportunità di sottoporre i motori a una messa a punto o manutenzione professionale all’inizio della stagione nautica.

Impianto elettrico

  • Durante il check aricate la batteria con una carica lenta (3 Ampère) durante la notte e poi lasciatela riposare per un giorno prima di portarla da un rivenditore e sottoporla a un “test di carico”. In questo modo si simula un utilizzo normale della batteria e si ottiene un quadro realistico delle sue condizioni. In media, una batteria di buona qualità, conservata e curata correttamente, dura circa 4-5 anni.
  • Controllare il livello dell’acqua in ogni cella della batteria e rabboccare se necessario.
  • Controllare che i cavi della batteria non siano corrosi e lubrificarli.
  • Controllare che il cablaggio della batteria sia intatto e che tenga saldamente la batteria.
  • Controllare che tutto il cablaggio non sia usurato o danneggiato.
  • Controllare il caricabatterie da terra.
  • Controllare i fusibili di riserva e sostituirli se necessario.
  • Controllare tutti i dispositivi di illuminazione (comprese le luci di navigazione) e assicurarsi di avere i ricambi per tutti.
  • Controllare le antenne e le antenne.
  • Verificare il corretto funzionamento di tutti gli indicatori.

Dotazioni di sicurezza

  • Controllare la data di scadenza dei razzi di segnalazione.
  • Ispezionare gli anelli di salvataggio e i cuscini.
  • Controllare gli estintori e ricaricarli se necessario. Sostituire gli estintori con più di 5 anni.
  • Controllare e regolare la bussola.
  • Controllare il funzionamento delle luci di navigazione e rifornire i ricambi.
  • Controllare le carte nautiche e sostituirle se necessario.
  • Controllare il riflettore radar.
  • Controllare il pronto soccorso e rifornirlo se necessario.
  • Controllare il corno.
  • Sostituire durante il check i giubbotti di salvataggio che presentano segni di usura. Assicuratevi che siano sufficienti per tutti i passeggeri che intendete avere a bordo.
  • Controllate il vostro kit di attrezzi per trovare gli strumenti necessari per la manutenzione ordinaria.

Albero, rigging e vele

  • Controllare le condizioni generali delle vele, prestando particolare attenzione all’usura e allo sfregamento.
  • Ispezionare le stecche e le relative tasche.
  • Controllare nel check tutti gli attacchi della barca e ripararli se necessario.
  • Ispezionare l’albero e le crocette per verificare la presenza di danni e corrosione.
  • Pulire la rotaia della vela.
  • Esaminare le crocette e le sartie.
  • Verificare l’assenza di corrosione nei punti di terzaroli e negli attrezzi.
  • Verificare l’usura e la corrosione del sartiame.
  • Verificare l’usura e la corrosione dei tenditori e dei perni a forcella.
  • Controllare che gli stralli non siano sfilacciati e che non ci siano “ami da pesca”.
  • Controllare le condizioni di strallo e paterazzo.
  • Controllare i raccordi in testa d’albero e tutte le pulegge.
  • Lubrificare l’avvolgifiocco.
  • Controllare le drizze.
  • Nastrare coppiglie, tenditori e crocette.

Pompe dell’acqua

  • Se non avete sostituito la girante della pompa dell’acqua da 3-4 anni, è il momento giusto per farlo. Le scarse prestazioni della barca possono compromettere il raffreddamento del motore e l’economia.
  • Controllate la forma delle pale, la loro duttilità e l’usura.
  • Non accendete mai il motore senza averlo rifornito d’acqua: brucerete la girante in pochi secondi.

Check

Ponte, cime e acciai

  • Controllare l’integrità di candelieri, pulpiti e linee di vita.
  • Ispezionare la giunzione scafo/coperta.
  • Lubrificare bozzelli, occhielli, etc.
  • Ispezionare e lubrificare il salpancora.
  • Controllare le cime, i parabordi, le attrezzature a terra, le piastre della catena e le gallocce.
  • Ispezionare la coperta, le finestre e le luci di babordo per verificare che non vi siano segni di perdite.
  • Pulire e/o sostituire le spazzole dei tergicristalli.

Check

Sottocoperta

  • Ispezionare e testare i rubinetti e, se necessario, lubrificarli.
  • Assicurarsi che i tubi e le fascette siano in condizioni di manutenzione. Assicurarsi che tutti i tubi flessibili al di sotto della linea di galleggiamento siano serrati due volte.
  • Controllare che la pompa di sentina funzioni sia automaticamente che manualmente. Verificare che non vi sia olio nella sentina.
  • Eliminare eventuali detriti dai fori di scarico.

Sistema idrico

  • Sciacquare il serbatoio dell’acqua e verificare l’assenza di perdite.
  • Verificare che il serbatoio dell’acqua calda funzioni sia con l’AC che con i motori.
  • Pulire e controllare gli schermi della pompa di scarico della doccia.

Check

Cucina e toilette

  • Riempire il serbatoio del propano e controllare le valvole elettriche e manuali.
  • Pulire e rinfrescare il frigorifero e il fornello (compresi i bruciatori).
  • Controllare il funzionamento della valvola a Y sulla testata.
  • Verificare il buon funzionamento della testata e, se necessario, lubrificarla.
  • Se la barca è dotata di un sistema di trattamento, rabboccare i prodotti chimici.

Check

Carrello per il rimorchio

  • Controllare la pressione dei pneumatici e ingrassare i cuscinetti delle ruote.
  • Controllare le luci del rimorchio e i collegamenti elettrici.
  • Controllare che l’accoppiatore sia sicuro.
  • Esaminare la corrosione e l’intrusione di acqua. Prestare particolare attenzione ai freni.
  • Controllare i rulli e le pastiglie.
  • Controllare le catene di sicurezza.
  • Pulire e lubrificare il verricello.
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.