Come scegliere gli attacchi wakeboard

Hai già letto la nostra guida alla scelta della tavola da wakeboard e non vedi l’ora di lanciarti in acqua per provare un paio di tricks? Bene, prima di correre in negozio, ti suggeriamo di prenderti ancora qualche minuto per leggere questo articolo in cui parliamo di un altro importante elemento dell’attrezzatura da wakeboard, gli attacchi, ovvero l’anello di congiunzione tra il rider e la tavola. Il mercato del wakeboard è in costante evoluzione inondato da continue innovazioni e tantissime opzioni che a volte possono confondere.  Lo scopo di questa guida è fornirti  tutte le informazioni necessarie per capire come sono fatti, quali modelli offre il mercato e quali sono le caratteristiche che ti occorre conoscere per scegliere gli attacchi da wakeboard perfetti per te.

Come sono fatti gli attacchi da wakeboard?

Se prendiamo in mano un wakeboard nudo noteremo che sulla parte superiore, sulla coperta della tavola diremmo in gergo più marinaresco, sono presenti due serie di fori filettati disposti lateralmente in maniera simmetrica rispetto al centro. Anche per chi non ha mai praticato questo sport non sarà difficile intuire che è proprio sfruttando questi fori che potremo collegare i nostri attacchi alla tavola.  Ma cosa sono esattamente gli attacchi del wakeboard e come sono fatti? 

Iniziamo col dire che ci sono diversi tipi di attacchi wakeboard proprio perché ci sono diversi modi di praticare questo sportC’è chi ama il freeriding cioè godersi semplicemente le sensazioni di libertà che si provano scivolando sull’acqua. Altri lo concepisco come uno sport acrobatico fatto di tricks salti e manovre. A seconda del carattere e dello stile di ogni wakeboarder ci saranno quindi scarponi, o attacchi, più o meno adatti, ognuno con le sue peculiarità. La corretta scelta degli attacchi è fondamentale per assicurarci il pieno divertimento in totale sicurezza. 

scegliere attacchi wakeboard

– Leggi anche: Come scegliere la tavola da wakeboard

Attacchi e scarponi, che differenza c’è

Gli attacchi del wakeboard ricordano un pò quelli dello snowboard ma a differenza di questi, gli scarponi integrano anche il supporto, ovvero la struttura rigida che viene collegata alla tavola. La confusione nasce spesso dal fatto che se nello snowboard scarpone e attacchi sono due elementi distinti, nel wakeboard, normalmente, scarpa e supporto sono generalmente un unico elemento, chiamato attacco. 

Se nello snowboard gli scarponi restano nei piedi del rider, nel wakeboard è il contrario, gli attacchi (scarponi e supporti) restano attaccati alla tavola. 

Insomma anche se alcuni produttori recentemente hanno introdotto attacchi che imitano i sistemi con scarpone e supporto separati tipici dello snowboard, quando si parla di attacchi o di scarponi da wakeboard ci si riferisce normalmente al medesimo accessorio.

Vediamo quindi quanti tipi di attacchi ci sono e come scegliere quello giusto per noi. Distinguiamo inizialmente tra due macrocategorie.

1. Scegliere gli attacchi wakeboard: aperti o chiusi?

Gli attacchi delle tavole wakeboard sono essenzialmente di due tipi aperti o chiusi.

– Attacchi a punta aperta (open toe bindings): sono scarponi aperti sulle punte, facilmente riconoscibili perchè quando indossati lasciano scoperte le dita dei piedi. E’ il tipo di attacco più diffuso , quello che generalmente troviamo applicato alle tavole delle scuole, dei noleggi o quando acquistiamo un package wakeboard completo di tavola e accessori.

scegliere attacchi wakeboard

Sono perfetti per i principianti e per chi pratica questo sport per puro divertimento, magari portandosi in barca familiari o amici . Il vantaggio degli attacchi wakeboard a punta aperta infatti è che possono adattarsi a diverse lunghezze del piede (fino a 4 misure di differenza) così da poter equipaggiare altre persone a bordo senza dover comprare l’attrezzatura per tutti.

Risultano molto leggeri e comodi, perfetti per l’estate ma essendo aperti più difficili da utilizzare nelle stagioni fredde. Per estenderne l’utilizzo anche in inverno ed evitare crampi possiamo abbinarli ad una calza in neoprene che ci aiuterà ad isolare i piedi dall’acqua.

– Attacchi wakeboard chiusi (closed toe bindings): vengono utilizzati da rider di livello medio-alto poiché assicurano una maggiore protezione della caviglia e aderenza alla tavola, Gli attacchi a punta chiusa permettono di per effettuare in sicurezza le manovre più difficili e sono fondamentali per proteggere le dita dei piedi da eventuali lesioni quando si pratica nei cable park .

Gli attacchi chiusi sono infine leggermente più costosi proprio perché sono progettati per essere utilizzati da wakeborder di livello più avanzato. Materiali utilizzati, ergonomia e altre soluzioni tecniche devono soddisfare le aspettative dei wakeboarders più esigenti.

Attacchi-Wakeboard-chiusi

2. Scarponi: morbidi vs rigidi

Altra distinzione da fare è tra attacchi (o scarponi) morbidi e rigidi

  • Gli attacchi wakeboard morbidi sono perfetti per chi vuole approcciarsi a questo sport perché offrono libertà di movimento, versatilità e flessibilità. Essendo solitamente abbinati ad una chiusura in velcro sono anche davvero semplici da regolare.
  • Gli attacchi rigidi, al contrario, sono indicati per rider di livello più avanzato che a fronte di un minor comfort li preferiscono quando necessitano di una maggiore responsività e una maggiore precisione nel controllo della tavola. Gli attacchi rigidi hanno spesso una chiusura a lacci che permette una regolazione ancor più precisa della scarpa sul piede del rider. 

3. Chiusura degli attacchi: lacci o strappo?  

Lacci o velcro, precisione o versatilità, questo è il dilemma

  • Gli attacchi con chiusura a strappo con velcro risultano sicuramente più comodi e pratici per rider principianti,  ma vengono utilizzati con soddisfazione anche da atleti di livello intermedio principalmente nel wakeboard barca. 
  • Gli attacchi con lacci sono utilizzati prevalentemente dai rider di livello più avanzato che necessitano di una migliore e più accurata regolazione della scarpa. Uno stivale che aderisce correttamente senza permettere al piede di muoversi ma al contempo senza stringere troppo è sicuramente un fattore importante per chi pratica il wake ad alto livello. Il controllo della tavola sarà sicuramente più preciso e al contempo piede e caviglia saranno più protetti e meno esposti a distorsioni.

scegliere attacchi wakeboard

4. Altezza degli attacchi

Per scegliere gli attacchi wakeboard perfetti bisognerà decidere se optare per uno scarpone basso o alto considerando le proprie preferenze e tenendo conto della propria corporatura e livello di allenamento.  In linea generale, più gli attacchi saranno alti e minore sarà la flessibilità del movimento, ma allo stesso tempo sarà garantita una maggiore sicurezza della caviglia, che verrà ben protetta.

  • Gli attacchi bassi risultano più comodi per il cable wake dove il rider deve avere la più ampia mobilità della caviglia per affrontare ostacoli e rampe. Questi attacchi per contro sono sconsigliati a chi è predisposto a distorsioni e slogature.
  • Gli attacchi alti offrono meno libertà di movimento ma sarai sicuro che la caviglia e il piede saranno ben sostenuti e protetti. Sono perfetti per praticare il wakeboard boat.

5. Fissaggio degli attacchi

Se ricordi, all’inizio di questo articolo abbiamo detto che l’attacco del wakeboard integra in un unico componente sia lo stivale che il supporto o base. La base degli attacchi wakeboard non è altro che una piastra rigida in materiale plastico integrata nella suola della scarpa. Ai lati della base troviamo due asole che verranno utilizzate per fissare gli attacchi alla tavola.

Come scegliere gli attacchi wakeboard. Anche se ti consigliamo di verificare sempre la compatibilità tra attacchi e tavola, la maggior parte delle aziende produttrici adottano un sistema di fissaggio universale: che utilizza delle semplici viti M6. In questo modo tavole e attacchi di diverse marche sono accoppiabili senza problemi. Se vorrete sostituire uno degli elementi non sarete quindi costretti a sostituire anche l’altro.

Come regolare gli attacchi wakeboard: lo Stance

Montare gli attacchi sulla tavola da wakeboard è facile e veloce: basta avvitare 4 viti (due per ogni scarpone) nei fori predisposti e voilà in pochi secondi il gioco è fatto. Per adattarsi alle diverse corporature e ai diversi stili le tavole dispongono di più inserti filettati che permettono di fissare gli attacchi in diverse posizioni. 

Qual’è allora la posizione più corretta per montare i nostri attacchi da wake? Per rispondere a questa domanda dobbiamo introdurre il concetto di “stance”, ma non preoccuparti è un concetto davvero semplice.

Nel wakeboard lo stance è la distanza tra il piede anteriore e quello posteriore, ovvero la distanza tra i due attacchi fissati sulla tavola. Al variare di questa misura varia la distribuzione del peso del rider e il comportamento del wakeboard.
Uno stance neutro corrisponde approssimativamente alla larghezza del tuo bacino (prova a metterti in posizione per fare uno squat) ma a seconda del tuo stile di conduzione potrai scegliere di allontanarti da questo riferimento e optare per uno stance più aperto (wide stance) o chiuso (narrow stance). Vediamo cosa significa in pratica:

  • Wide stance: una maggiore distanza tra i piedi assicura maggiore stabilità e controllo ma riduce la potenza sulle gambe e può rendere più difficile l’esecuzione dei salti.
  • Narrow stance: con un “passo” più corto tra gli attacchi la tavola tenderà ad avere un comportamento più nervoso in acqua ma avrai a disposizione più potenza nelle gambe e maggior controllo della tavola in aria. Questo spiega il motivo per cui i wakeboarder esperti tendono attualmente a preferire stance chiuse (o mini stance). 

Come scegliere gli attacchi wakeboard. Le moderne tavole e attacchi da wakeboard offrono numerose possibilità di regolare il tuo stance. Con una molteplicità di posizioni disponibili potrai persino decidere a quale angolo (rispetto alla linea longitudinale della tavola) regolare gli attacchi. Alcuni rider esperti preferiscono ad esempio la cosiddetta “duck stance” in cui le punte dei piedi essendo leggermente aperte verso l’esterno ricordano le gambe di una papera. 

In considerazione del fatto che il corpo di ognuno è diverso, per trovare lo stance più adatto a noi non c’è altra soluzione che andare per tentativi  cercando di migliorare il feeling con la nostra tavola e capire gli effetti di ogni modifica. Lo stance corretto quindi è quello che ci fa sentire meglio sulla tavola.

Consigli per acquistare i migliori attacchi wakeboard

Come avremo avuto modo di intuire, le variabili che influiscono sulla scelta degli attacchi wakeboard sono molteplici e l’attacco ideale per tutti non esiste. I migliori attacchi sono quelli che fasciano correttamente piede e caviglia senza ostacolare la circolazione, concedendo quel minimo di flessibilità che ci occorre per effettuare manovre o tricks. Aggiungiamo infine un paio di suggerimenti supplementari ma non per questo meno utili, da tenere in considerazione nel momento in cui andrai a scegliere gli attacchi per una tavola wakeboard:

  • Taglia: scegliere la giusta taglia degli attacchi è fondamentale. Assicurati che lo scarponcino non sia troppo largo nè troppo stretto. Una volta che sarà ben allacciato la caviglia dovrebbe essere ben fasciata e dovrebbe restare un minimo di spazio libero tra la punta delle dita e quello dello stivale. 
  • Peso: in questo caso non parliamo del peso dell’atleta ma del peso dello scarponcino wake. Attacchi leggeri sono sicuramente più confortevoli e ti assicureranno minor dispendio di energie, maggiore autonomia in acqua e quindi maggior divertimento. Leggerezza, comfort e robustezza per contro sono qualità che troviamo combinate assieme solo nei modelli più costosi. Cerchiamo quindi il giusto compromesso senza sforare il budget

Ricordati anche che avrai bisogno di tempo per abituarti alla nuova attrezzatura wakeboard, proprio come quando compri un paio di scarpe nuove, prima di giudicare la correttezza della tua scelta datti il tempo necessario per adattarti al cambiamento.

Deciso che il wakeboard è lo sport che fa per te? Ti aspettiamo su MagellanoStore.it dove potrai acquistare la migliore attrezzatura da wakeboard delle migliori marche!

MagellanoStore

La nautica con passione!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.