Violette Dorange: la skipper oceanica di 22 anni è già una stella

A soli 22 anni Violette Dorange è la più giovane skipper di sempre ad avere attraversato in solitario l’Atlantico a bordo di un’Imoca 60. Ora ha un contratto con lo sponsor McDonalds per schierarsi al prossimo Vendée Globe.

Tanti appassionati iniziano a praticare la vela da ragazzi, magari complici i genitori o il circolo velico vicino a casa. Per lo più si tratta di allenamenti sotto costa, regate sulle boe, uscite con amici su brevi distanze. Più difficile in giovane età è confrontarsi con la vela d’altura e addirittura la navigazione oceanica che richiedono un approccio più profondo, barche più grandi e budget più importanti. Tra le ragazze prodigio in molti ricordano i giri del mondo in solitario di Laura Dekker e Jessica Watson, portati a termine quando entrambi avevano appena 16 anni.

Per quanto imprese estreme di una certa rilevanza, si trattava in ogni caso di progetti privati, exploit personali, sfide con sé stesse. Diverso è il caso più recente della navigatrice francese Violette Dorange che ad appena 22 anni è diventata la donna più giovane di sempre ad attraversare l’oceano Atlantico in solitario a bordo di un Imoca 60. È successo durante la regata Retour à la Base, ovvero la transatlantica da Ovest verso Est, dalla Martinica a Lorient, che serve alla flotta degli Imoca 60 a rientrare in Europa dopo la prestigiosa Transat Jacques Vabre. La stessa Dorange aveva preso parte anche a quest’ultima traversata, ma in doppio posizionandosi in 21° posizione.

Leggi anche: Un libro racconta il velista David Lewis, pioniere dell’oceano

Violette Dorange

Il gruppo McDonalds gli finanzierà il Vendée Globe

Ora su questa giovane promessa della vela oceanica ha messo gli occhi uno sponsor importante, McDonalds, con una partnership firmata lo scorso agosto che permetterà a Violette di raggiungere il budget indispensabile per schierarsi al prossimo Vendée Globe, giro del mondo in solitario. Nata nel 2001, Violette Dorange ad appena 18 anni ha preso parte alla Mini Transat divenendo la donna più giovane a portarla a termine. Dopodiché corso per 3 volte la durissima Solitaire du Figaro, centrando nel 2022 il decimo posto, e ha all’attivo complessivamente 4 transatlantiche in regata. Non è da tutti alla sua età avere un curriculum oceanico del genere, considerato che prima della passione per l’oceano la sua attività velica era limitata alle derive.

Per quanto riguarda la barca, Violette al momento naviga a bordo di un Imoca prestigioso che ha battezzato “DeVenir”. In realtà si tratta dell’ex “Foncia” che nel 2008 vinse proprio il Vendée Globe al comando di Michel Desjoyeau, prima di passare l’anno successivo a un altro fuoriclasse come Jean Le Cam. È una barca senza foil, a derive classiche, ma aggiornata al punto da essere ritenuta il più performante Imoca di vecchia generazione.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.