Kirsten Neuschäfer vince il giro del mondo in solitario

Kirsten Neuschäfer, sudafricana, classe 1982, è la prima donna a vincere la Golden Globe Race, giro del mondo in solitario in stile vintage. Durante la regata ha anche tratto in salvo il naufrago finlandese Tapio Lehtinen.

Una donna che vince la regata più dura e più romantica del mondo. Si chiama Kirsten Neuschäfer ed è lei che è salita sul gradino più alto del podio dell’ultima edizione del Golden Globe Race, giro del mondo in solitario in stile vintage. La caratteristica di questa regata di 30.000 miglia è infatti che a bordo i navigatori non possono avere nessun apparato elettronico. Solo sestante, carte nautiche, bussola, timone a vento. Unica eccezione è una Radio SSB per i collegamenti con la terraferma, a comunicazioni limitate.

Insomma più che una competizione una vera avventura e Kirsten Neuschäfer se l’è vissuta e goduta fino in fondo. È la prima donna nella storia della Golden Globe Race che una skipper donna si aggiudica la vittoria. La navigatrice, di origini sudafricane, ha navigato a bordo del suo Cape George 36 “Minnehaha” su tutti gli oceani passando dai famosi tre Capi (Buona Speranza, Leewin, Capo Horn) senza fare scalo per 235 giorni. Partita insieme ad altri 15 solitari il 4 settembre del 2022 ha tagliato per prima il traguardo circa sette mesi dopo accolta da un pubblico di appassionati in festa.

Leggi anche: Partita la Golden Globe Race, regata “vintage” intorno al mondo

Kirsten Neuschäfer

Protagonista di un salvataggio estremo in oceano

Durante il Golden Globe Kirsten Neuschäfer si è anche resa protagonista di un salvataggio estremo. A due mesi dalla partenza, infatti, lo skipper finlandese Tapio Lehtinen ha fatto naufragio dopo che la sua barca è affondata ed è andato alla deriva sulla zattera di salvataggio. È stata proprio la Neuschäfer a correre in suo soccorso navigando per tutta la notte per coprire le oltre 105 miglia che la separavano da quel puntino in mezzo all’oceano. Dopo averlo issato a bordo, Lehtinen è stato trasferito sulla nave Darya Gayatri giunta sul posto qualche ora dopo per essere trasportato sulla terraferma.

Kirsten Neuschäfer

Si è allenata alle basse latitudini con il grande Skip Novak

Classe 1982 e con una grande passione per il mare, Kirsten Neuschäfer, naviga da quando era solo una bambina fino a quando nel 2006 ha trasformato quella passione in una professione. Prima di partecipare alla Golden Globe Race, la Neuschäfer ha lavorato per il leggendario skipper Skip Novak, sia come equipaggio che come skipper delle sue barche da spedizione ad alte latitudini. Questo le ha permesso di acquisire una preziosa esperienza di navigazione negli oceani meridionali.

La sua preparazione per il Golden Globe era stata complicata dal Covid e, dopo avere acquistato il suo cutter Cape George del 1988 a Terranova, ha trascorso un inverno a Prince Edward Island, vicino alla Nuova Scozia, sottoponendo la barca a un accurato refit. In seguito l’ha riportata a casa in solitario fino a Città del Capo, esercitandosi nella navigazione astronomica, e poi ha navigato sempre in solitario fino in Francia per la partenza della regata. Una volta riunita agli altri concorrenti della Golden Globe Race, il suo “Minnehaha” si è subito dimostrata una delle barche più veloci della flotta.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.