Turismo nautico in crescita, la vacanza ideale del 2023 è in barca

Regioni e Ministero del Turismo lanciano il progetto “L’Italia vista dal mare – Scopri dove ti porto” con 17 itinerari ispirati ad antiche rotte fruibili da viaggiatori in possesso di un’imbarcazione o che ne abbiano noleggiata una.

Con 7.500 km di costa e 162.455 posti barca, di cui 67.983 nei 285 porti turistici, 44.805 negli approdi turistici e 49.667 in punti di ormeggio, l’Italia si presenta una destinazione perfetta per il turismo nautico. E per valorizzare ancora di più le crociere di diportisti e amanti del mare le Regioni e il Ministero del Turismo hanno di recente sottoscritto, in collaborazione con Enit, un accordo con cui hanno affidato ad Assonautica un progetto speciale.

Si chiama “L’Italia vista dal mare – Scopri dove ti porto” e si inserisce nell’ambito del Piano di promozione “Viaggio italiano – Scopri l’Italia che non sapevi”. Nel progetto sono inseriti 17 itinerari che saranno pubblicati su Italia.it ed Enit.it che si ispirano ad antiche rotte e sono tutti fruibili da viaggiatori in possesso di un’imbarcazione o che ne abbiano noleggiata una.

Leggi anche: Dove andare in barca a vela: le 10 migliori destinazioni

Turismo nautico

Il turismo nautico è “esperienziale”, per questo piace

L’esperienza di viaggio in barca è sostenibile e “slow” poiché coniuga una vita a contatto con la natura e il desiderio di conoscenza dei luoghi, dei sapori, da Nord a Sud del Belpaese. Un tipo di vacanza che ha prodotto negli ultimi anni un incremento dell’indotto economico importante: per ogni euro di fatturato dell’industria nautica italiana se ne generano altri sette, in modo diretto e indiretto. E l’Organizzazione Mondiale del Turismo annuncia una crescita del turismo cosiddetto “esperienziale” tra cui proprio quello diportistico del 57 per cento entro il 2030.

Il turismo nautico così come sostenuto da “L’Italia vista dal mare – Scopri dove ti porto” è in sintonia anche con obiettivi e indicazioni della Strategia Europea per il Turismo Costiero e Marittimo, della Strategia Eusair (Macro Regione Adriatico Ionica) e della recente Risoluzione del Parlamento Europeo sulla Strategia per lo sviluppo del Turismo sostenibile, con cui si invita la Commissione Ue a porre in essere iniziative per promuovere e finanziare porti e attivare rotte e itinerari nautici.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.