Sharon Lane: a 75 anni decide di vivere su una nave da crociera

Una ex insegnante californiana di 75 anni ha deciso di imbarcarsi su una nave da crociera per un giro del mondo di 3 anni che toccherà 375 porti, dall’India alla Cina, dalle Maldive all’Australia.

Oggigiorno sempre più gente decide di cambiare vita, recuperare una nuova dimensione del proprio tempo e seguire le aspirazioni più profonde. E in tanti scelgono di vivere più a stretto contatto con la natura, perché no magari decidendo di imbarcarsi e girare il mondo via mare. È così che vuole fare Sharon Lane un’insegnante di liceo in pensione della California. A 75 anni ha infatti deciso che nel prossimo novembre s’imbarcherà su una nave da crociera per un viaggio di tre anni.

Lane è un’appassionata di viaggi e in passato, quando insegnava lingue straniere, amava portare i suoi studenti in viaggio in Europa. Negli Anni 90 si è trasferita a Città del Capo, in Sudafrica, per due anni di avventure. Così quando di recente ha sentito parlare di una compagnia di crociere che offriva un viaggio di tre anni intorno al mondo, ha subito iniziato a fantasticare sulla vita a bordo. La compagnia marittima si chiama Life at Sea Cruises e attualmente sta offrendo posti a bordo della MV Gemini, che salperà da Istanbul il 1° novembre per un giro del mondo che toccherà la maggior parte delle principali destinazioni di crociera del pianeta.

Leggi anche: Viaggiare in cargo e sentirsi come Jack London

Sharon Lane

Una cabina tutta per sé a bordo

Le cabine più economiche sulla MV Gemini costano circa 30.000 dollari all’anno, compreso uno sconto per chi viaggia da solo. Lane ha così calcolato che il costo era per lei gestibile e ha deciso di buttarsi in questa esperienza. Attualmente Lane sta vendendo la maggior parte dei suoi beni, rinunciando al contratto di affitto e preparandosi a un lungo periodo in mare. “La logistica è pazzesca”, dice Lane. “È un atto di fede, ma so che ci sarà un posto qui quando tornerò. O forse finirò per vivere in un altro Paese. Non so, il cielo è il limite”.

Lane ha optato per una delle cabine più economiche a bordo, quella che Life at Sea Cruises chiama “Virtual Inside”. La cabina di 130 metri quadrati non ha oblò, ma agli ospiti è stato promesso uno schermo che trasmette filmati in diretta dall’esterno della nave. “Mostra letteralmente quello che vedreste fuori dall’oblò se ce ne fosse uno – spiega Lane e questo per me è sufficiente, davvero”.

Quelle giornate immerse nella luce dell’oceano

Lane insiste anche che la prospettiva di vivere per tre anni in una cabina senza luce naturale non è scoraggiante. Ha intenzione di trattare questo spazio essenzialmente come una camera da letto: ci dormirà, ma non ci passerà molto tempo. Durante il giorno si rilasserà in altri punti della nave, passeggiando per ammirare la vista sull’oceano, oppure sarà impegnata in emozionanti escursioni.

Anche se ha intenzione di vendere “il 95% dei suoi beni” prima di salpare, Lane dice che porterà con sé alcune fotografie di famiglia per rendere la cabina sua. Ha una foto preferita dei suoi nipoti ormai adulti, quando erano bambini e lei li portava a vedere le balene.

Sharon Lane

Un modo unico di farsi nuovi amici

Lane non ha ancora detto alla figlia o ai nipoti che si imbarcherà per la crociera. “Non voglio che cerchino di dissuadermi”, dice. L’ex insegnante è quasi certa che appoggeranno la sua decisione, ma tre anni sono lunghi ed è probabile che non vedrà molto i suoi cari sulla terraferma mentre starà circumnavigando il mondo. Ma Lane è entusiasta anche di creare nuovi legami a bordo. Ha saputo che nel viaggio ci saranno molti viaggiatori solitari e ritiene che saranno desiderosi di socializzare. In effetti, la compagnia di crociera ha già messo in contatto molti degli ospiti tramite un’applicazione. “Abbiamo già imparato a conoscerci, ci siamo già offerti di aiutarci l’un l’altro per le cose da fare, ci siamo dati delle idee, abbiamo risposto alle domande e abbiamo fatto dei progetti. È già divertente”.

In totale, la MV Gemini si fermerà in 375 porti durante il suo viaggio di tre anni, di cui 208 con pernottamento. La nave si fermerà ovunque, dall’India alla Cina, dalle Maldive all’Australia, con alcuni scali di più notti. Lane è entusiasta di vedere il mondo e si rallegra del fatto che i viaggiatori avranno il tempo di immergersi in ogni destinazione, ma pensa che trascorrerà più tempo a bordo della nave rispetto a molti dei suoi compagni di viaggio. “Per me l’oceano è la cosa più importante”, dice. “La nave stessa nell’oceano è l’attrazione”.

Lane ha intenzione di scrivere sul blog la sua esperienza: “il mio obiettivo è scrivere qualcosa ogni giorno”, dice. Spera che il blog le permetta di assaporare il viaggio e di condividere le sue avventure con i suoi cari a casa e con gli sconosciuti e magari ispirare altri a correre un rischio e a spingersi fuori dalla propria zona di comfort.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.