Incidenti e infortuni in barca: suggerimenti di primo soccorso

Come trattare gli infortuni in barca? Quali sono gli incidenti e le lesioni a rischio e cosa c’è di specifico nel primo soccorso in mare? Le vacanze in barca sono sempre un’esperienza unica, ma occorre sapere come si affrontano i momenti più spiacevoli.

Quando capita un piccolo incidente a bordo nel corso di una crociera lo skipper può trovarsi spesso a dover somministrare il primo soccorso perché magari la barca è molto lontana dal porto e quindi è bene essere preparati. ci concentriamo sugli. Ecco allora una serie di suggerimenti e consigli su come affrontare efficacemente gli incidenti e le lesioni più comuni in barca, oltre a diversi principi medici che vale comunque la pena seguire. Partiamo da una domanda: che tipo di ferite incontriamo più spesso in barca e come le affrontiamo?

Leggi anche: Come affrontare un’emergenza medica a bordo

Incidenti e infortuni in barca: punture e morsi dei pesci

La maggior parte delle ferite procurate dalla fauna marina sono causate da disattenzione o ignoranza. È rassicurante sapere che nessuna creatura marina considera l’uomo come una preda naturale, quindi in genere non attacca a meno che non si senta minacciata. Le ferite causate dai ricci di mare sono probabilmente l’esempio più comune di queste lesioni. Fortunatamente sono anche le meno gravi. Per quanto riguarda le punture, le ferite sono causate dagli aculei o dai tentacoli delle meduse che sono coperti da piccole spine e cellule urticanti (nematocisti) che rilasciano veleno. Il contatto con il Pesce Leone, il Pesce Scorpione o il Pesce Pietra può causare lesioni più gravi che richiedono un trattamento rapido da parte di un medico e possono causare complicazioni permanenti. Nei paesi più esotici ci si può imbattere nelle specie più velenose di meduse o lumache a cono che possono provocare la morte o problemi a lungo termine. Se punti da una medusa, è fondamentale evitare che la tossina si diffonda ulteriormente.

Il contatto può causare prurito, bruciore intenso, a volte dolore, eruzione cutanea o gonfiore. Può anche causare nausea, vomito, stanchezza e malessere. Entrare in contatto con i tipi più velenosi può provocare una reazione molto grave e alla fine portare alla paralisi del sistema nervoso centrale con dolore estremo, problemi di respirazione, difficoltà di deglutizione, compresa la possibilità di arresto respiratorio e incoscienza.

Primo soccorso per punture e ferite da aculei

È importante prevenire l’ulteriore diffusione delle tossine che sono entrate nel corpo. Si può provare a usare un attrezzo come un rasoio o una carta di credito. Parti della creatura (tentacoli, spine, etc.) possono essere rimosse con una pinzetta. Sciacquare l’area interessata con acqua di mare o una soluzione alcolica.

La tossina è fatta di proteine ed è necessario interromperla e denaturarla in modo che non possa più svolgere la sua funzione e impedire che avveleni la zona colpita. Un risciacquo con acqua calda aiuta. Tanto calda quanto la persona ferita può sopportare (attenzione a non scottarsi), un risciacquo acido, con aceto per esempio, o il riscaldamento con un asciugacapelli. Si possono somministrare analgesici, antistaminici come una crema topica come il Benadryl e un disinfettante. Attenzione all’acqua dolce. Se la usate, potrebbe causare un ulteriore rilascio della tossina. Nel caso di una reazione grave e improvvisa con possibilità di arresto respiratorio, è imperativo somministrare la rianimazione cardiopolmonare e portare l’infortunato da un medico il più presto possibile. Per quanto riguarda i morsi di pesce, le ferite sono trattate nel solito modo: pulire, disinfettare e medicare la ferita.

Prevenire il contatto indesiderato indossando magliette sottili in neoprene o lycra e mute da snorkeling. La migliore prevenzione è quella di non toccare mai la fauna marina e di ammirarla nel suo habitat naturale da una distanza di sicurezza.

Incidenti e infortuni in barca: lesioni da immersioni

Durante lo snorkeling o l’immersione i timpani possono ritrarsi o danneggiarsi se non si compensa correttamente la pressione in tempo. Se il timpano si rompe, può causare vertigini o addirittura vomito, il che è molto pericoloso sott’acqua. I danni possono poi provocare un suono costante nell’orecchio o addirittura la perdita dell’udito. È bene compensare sempre in tempo, anche se fa male. Il metodo più semplice e comune è la manovra di Valsalva (stringere il naso ed espirare delicatamente attraverso di esso). Spesso è sufficiente deglutire o muovere la mascella da un lato all’altro.

Incidenti e infortuni in barca: contusioni e fratture

Non mancano le ferite minori e le abrasioni a bordo di una barca. Con le abrasioni minori è bene evitare il contatto costante con l’acqua di mare e ulteriori danni meccanici che è difficile da evitare completamente quando si naviga. Altrimenti la ferita non guarisce bene e può verificarsi un’infiammazione o peggio un’infezione. È consigliabile disinfettare la zona (Betadine, soluzione di iodio, perossido di idrogeno H2O2), o coprire con una benda o un cerotto. In alcune parti d’Europa è possibile acquistare una soluzione verde chiamata Novikov che crea una pellicola impermeabile ed è un trattamento antisettico molto efficace.

Le ferite alla testa sono tra le più gravi e di solito richiedono assistenza medica. Come si fa a riconoscerle? La commozione cerebrale può causare confusione, perdita di memoria, nausea o vomito, breve perdita di coscienza e mal di testa. Lesioni più gravi possono rendere una persona assonnata e perdere conoscenza. Una frattura del cranio può provocare una perdita di liquido cerebrospinale dall’orecchio o dal naso. In questi casi non c’è molto che un primo soccorritore possa fare se non portare la persona ferita all’aiuto medico esperto il più rapidamente possibile. In caso di lieve commozione cerebrale, reclinare in una posizione semi-sdraiata all’ombra e somministrare antidolorifici se necessario. La posizione di recupero dovrebbe essere usata per lesioni più gravi. Le lesioni alla testa possono provocare danni alla colonna vertebrale cervicale, quindi procedere con cautela quando si dà assistenza.

Incidenti e infortuni in barca: lesioni da tuffi 

Cadute in barca, impatti violenti o un salto in acqua incauto possono portare a gravi lesioni alla colonna vertebrale. I danni alle prime cinque vertebre possono anche causare la cessazione della respirazione. Se la lesione spinale sembra probabile, non spostare la persona ferita e aspettare i soccorsi. Se avete bisogno di spostare il ferito, cercate di farlo nel modo più delicato possibile e con abbastanza persone che vi aiutino. Stendete l’infortunato su un tappetino solido e stabilizzatelo. Assicuratevi che l’infortunato non abbia troppo caldo o freddo (anche se non sembra, il corpo può perdere calore molto rapidamente). Se il paziente non respira, iniziare la rianimazione con il paziente steso sulla schiena, perché in questo caso la sicurezza delle funzioni vitali ha la precedenza.

Incidenti e infortuni in barca: fratture

Una frattura o una lussazione può essere il risultato di una caduta o di uno scivolamento sulla barca. Oltre alle fratture standard, possono verificarsi fratture composte più gravi o fratture complesse della mascella o del bacino. Le fratture possono causare dolore, lividi, cambiamenti distinti nella forma degli arti e una gamma innaturale di movimenti. Le fratture complesse o composte possono essere accompagnate da danni vascolari ed emorragie. La lesione del bacino in particolare può essere grave perché può provocare un’estesa perdita di sangue. La priorità è sempre quella di steccare perfettamente l’arto e di immobilizzare le due articolazioni circostanti. Con una frattura composta è anche essenziale trattare e disinfettare la ferita. Puoi aiutare la persona ferita a trovare una posizione comoda, somministrare antidolorifici e ghiacciare l’arto se necessario.

Incidenti e infortuni in barca: emorragie

Non importa se l’emorragia proviene da una vena o da un’arteria, ma se la perdita di sangue è massiccia la priorità è fermarla. Come fermare al meglio il flusso di sangue? Premere realmente sulla vena è la più efficace. È ancora meglio se la persona ferita può tenere la ferita, lasciandovi le mani libere per aiutare con altre cose. Un bendaggio a pressione sopra la ferita aiuta. Prendete un rotolo intero di benda e mettetelo direttamente sulla ferita per fare uno strato di pressione. Poi srotolate una seconda benda e avvolgetela saldamente intorno alla ferita, incrociandola strettamente sopra la prima benda per tenerla in posizione. È essenziale coprire completamente la prima benda. Se il sangue filtra ancora, aggiungete un altro strato di benda nello stesso modo. Se il sangue penetra, non rimuovere lo strato inferiore perché questo potrebbe riaprire la ferita, ma continuate a sostituire gli strati esterni.

Se il sangue penetra attraverso 2 strati di bende a pressione, è il momento di usare un laccio emostatico. Il laccio emostatico è consigliabile solo in casi di traumi estremi e non è una soluzione a lungo termine, perché si rischia di perdere la parte dell’arto a cui è stato tagliato il sangue. In caso di perdita massiccia di sangue, l’arto colpito deve essere sollevato il più possibile perché questo riduce la pressione sanguigna in quella parte del corpo.

Incidenti e infortuni in barca: annegamento

La considerazione più importante è la sicurezza del soccorritore. Una persona che sta annegando può avere una forza enorme e tirare il soccorritore sotto la superficie dell’acqua. Sembra crudele, ma se la persona che sta annegando è sotto shock e attiva, è una buona idea rimanere a distanza di sicurezza e aspettare. In caso di annegamento, è consigliabile somministrare 5 respiri di soccorso. Ogni vittima di annegamento deve essere monitorata, anche quando si sente meglio. Questo è dovuto al cosiddetto annegamento secondario. Si tratta di un problema particolarmente associato all’annegamento in acqua salata che “tira” di nuovo acqua nei polmoni e può provocare un gonfiore polmonare (edema). Ecco perché ogni episodio di annegamento dovrebbe essere valutato da un medico.

Incidenti e infortuni in barca: lesioni agli occhi

È relativamente facile che un corpo estraneo penetri su una barca (punti metallici, frammenti, etc.) causando ustioni chimiche e lesioni meccaniche. Potete provare a rimuovere un corpo estraneo dall’occhio usando un angolo di un fazzoletto, ma non insistere se non funziona perché correte il rischio di spingere il corpo estraneo più in profondità o di danneggiare la cornea. Sciacquare l’occhio può aiutare (acido borico, pomata antibiotica) e coprire l’occhio con una medicazione morbida. In caso di ustioni chimiche, sciacquare l’occhio con acqua corrente per 20 minuti in modo tale che l’acqua dreni nella zona più piccola possibile e non contamini altre parti dell’occhio. In caso di lesioni gravi, è essenziale che un medico controlli l’occhio in seguito. Fate attenzione quando fate riparazioni o maneggiate i razzi. Potete proteggere gli occhi con occhiali di sicurezza trasparenti.

Incidenti e infortuni in barca: ustioni

Quando si giudica la gravità di un’ustione e si decide un trattamento, la profondità (grado) e l’estensione sono i fattori decisivi. A seconda della profondità e dell’impatto sui tessuti, classifichiamo le ustioni secondo una scala di 3 gradi:

1° grado: arrossamento, dolore

2° grado: vesciche

3° grado: danni ai tessuti più profondi e carbonizzazione

La maggior parte delle ustioni continuano ad approfondirsi e non raggiungono la loro forma definitiva fino al terzo giorno circa. La gravità dipende anche dall’estensione dell’ustione. Le ustioni pericolose per la vita coprono dal 10 al 15% del corpo di un adulto e dal 3 al 5% di quello di un bambino. Per darvi un’idea, l’1% equivale all’incirca al palmo e alle dita di una persona ferita, mentre il braccio intero è circa il 9%. Un’ustione mantiene una temperatura molto alta, per questo è bene raffreddarla immediatamente per evitare che il calore residuo approfondisca l’ustione. Le ustioni minori possono essere trattate con Pantenolo, quelle più profonde devono essere disinfettate e coperte con una medicazione sterile. Si possono somministrare analgesici. Non scoppiare le vesciche e se i vestiti sono stati bruciati sulla pelle, non cercare di toglierli.

Principi di primo soccorso validi anche in mare

Prima di tutto, valutate il rischio per il soccorritore e per la sicurezza della barca. Quando si somministra il primo soccorso aiuta ricordare alcuni principi di base:

  • Non farsi prendere dal panico, mantenere la calma per sé stessi e per gli altri, solo allora si può offrire all’infortunato una vera assistenza.
  • Mettete qualcuno a capo della barca e solo dopo occupatevi dell’infortunato.
  • Calmate l’infortunato e cercate di evitare che si stressi.
  • Scegliere sempre una linea d’azione semplice ed efficace.
  • Avere un kit medico ben attrezzato a bordo che tutto l’equipaggio conosce.
  • Seguite un corso di primo soccorso.
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.