Stendere la vernice antivegetativa sulla carena della barca è un’operazione fondamentale ma è sempre possibile che si formi uno strato di microorganismi. Per toglierli velocemente si può usare lo Scrubbis, un’apposita spazzola che arriva dalla Svezia con manico leggero e telescopico che grazie alla sua capacità di galleggiamento è pratica ed efficace.

Quale diportista non vorrebbe avere per la sua barca una bella carena sempre pulita ed efficiente? La formazione di alghe, denti di cane, serpulidi e piccole conchiglie infatti sono i grandi nemici dello scafo immerso in acqua ed è per questo che ogni anno gli armatori provvedono come si dice in gergo a “fare carena”, ossia stendere sullo scafo della barca diversi strati di antivegetativa, una vernice biocida che previene la formazione di alghe e altri microorganismi marini.

Una carena pulita infatti al di là del fattore estetico, migliora le prestazioni della barca riducendone l’attrito in acqua, contiene i consumi di carburante e agevola quelle operazioni di verifica, ispezione e manutenzione ordinaria dell’opera viva dell’imbarcazione.

Scrubbis

La sua spinta galleggiante facilita il lavoro

Fare carena ad ogni stagione è quindi fondamentale, ma esiste sempre la possibilità che un sottile strato di microorganismi si formi sotto alla linea di galleggiamento dello scafo, sopratutto per coloro che tengono la barca all’ormeggio in acque calde oppure fanno passare molto tempo dopo ogni uscita. In questi casi sarebbe bene dare una pulita veloce alla carena ogni 15-30 giorni. Uno strumento ideale per svolgere questo lavoro è lo Scrubbis. Prodotto in Svezia, si tratta di uno spazzolone che per rimuovere il limo che si forma sulla carena tra un ciclo di antivegetativa e l’altro. Leggero e resistente, ha il manico smontabile ed estendibile da 1,10 metri fino a 3,20 metri.

Ma il suo punto di forza è la capacità di galleggiamento che imprime una spinta verso lo scafo pari a 2 kg, quindi basta posizionarlo e spingerlo nella direzione voluta che farà da solo tutto il lavoro di pulizia. Le alghe appena formate lungo il bordo della carena e poco sotto la linea di galleggiamento infatti sono ancora morbide e facilissime da togliere fin tanto che la barca rimane in acqua.

Fare carena

Bastano 15 minuti per una carena di 10 metri

Basta dare un colpo con lo Scrubbis e il gioco è fatto. Scrubbis è adatto sia a barche a vela che a motore. Per pulire completamente la carena di una barca a vela di 10 metri occorrono appena 15 minuti. Per utilizzare lo Scubbis l’ideale è ormeggiare “all’inglese” e quindi ripassare la carena comodamente dal pontile, oppure, più semplicemente si può chiedere “ospitalità” sulle barche vicine o ancora utilizzare un tender.

Lo spazzolone Scrubbis è divertente da utilizzare, si smonta facilmente ed è semplice da stivare, inoltre è un prodotto ecologico e non aggressivo per l’ambiente. Non da ultimo è economico e costa molto meno di un sommozzatore appositamente chiamato per pulire la carena.

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.