Anatomia del winch: ecco come sceglierlo

I winch sono dei dispositivi fondamentali a bordo di una barca a vela perché consentono di gestire con minore fatica per l’equipaggio la regolazione di scotte e cime. Vediamo quali sono le loro principali caratteristiche, i carichi in gioco, i diversi modelli presenti sul mercato, i pregi e difetti e tutto quello che serve sapere per orientarsi nella scelta giusta in caso di acquisto.

A bordo di un cabinato a vela i winch sono lo strumento che permette di esercitare una forza su scotte e drizze attraverso l’azione combinata di una leva e di un ingranaggio riduttore. Una leva più lunga consente l’utilizzo di un tamburo di diametro più ridotto e grazie all’azione dei cricchetti che ne impediscono la rotazione nel senso inverso i winch consentono di “domare” le vele che altrimenti sarebbe troppo difficile e faticoso controllare.

Con una manutenzione ordinaria e un po’ di cura, i winch dureranno molto a lungo, che è il motivo per cui noi vediamo così tante classiche barche in vetroresina che hanno ancora verricelli Barient degli Anni 70. Prima o poi, sostituire i vecchi winch sarà necessario e l’ingegneria moderna rende la navigazione più divertente.

Verricello

Self-tailing, solo quando serve

I winch non self-tailing sono meno comuni oggi. Sono la soluzione migliore per barche sportive in applicazioni che richiedono costante taglio. I winch self-tailing sono utili per la maggior parte degli altri casi, soprattutto quando si naviga a corto di personale, perché fanno sì che quasi ogni incarico a bordo sia meno pesante per i membri dell’equipaggio. La maggior parte dei velisti infatti può produrre circa 20 kg o più di tensione su una scotta tirandola. Per “saltare” su una drizza, si può generalmente esercitare tanta tensione quanto il vostro peso. Ma anche in caso di persone individui forti (o pesanti), questa quantità di tensione non può essere sufficiente a bordo visti i carichi in gioco delle manovre.

Grandi imbarcazioni da crociera e da corsa possono necessitare di carichi che vanno da 200 a 2.000 kg e che ci impongono di moltiplicare la nostra forza altrimenti inadeguata. Pertanto si usano appunto gli argani per aumentare l’efficacia.

Winch

La meccanica di un winch

I verricelli utilizzano sia una leva (differenza tra il raggio del tamburo e il raggio della manovella del verricello) sia un riduttore (il numero di volte che la maniglia ruota per ogni rotazione del tamburo) per aumentare la potenza. La combinazione di questi due effetti è espressa dalla Power Ratio, il vantaggio meccanico teorico. Diciamo “teorico”, perché, come con ogni dispositivo meccanico, la frizione riduce l’efficienza complessiva. Pertanto, su un argano con 10 pollici di lunghezza della maniglia, 5 di diametro del tamburo e 6:1 di rapporto di trasmissione,  il rapporto di potenza è (10/2,5) x 6 = 24: 1. Numeri più alti significano che la vostra forza è maggiormente moltiplicata e che la scotta verrà in più lentamente. I produttori di winch pubblicano grafici che mostrano le dimensioni ideali dei verricelli in rapporto alla superficie velica e al tipo di utilizzo, in modo da trovare al dimensione ideale per il winch di una scotta per la randa, di drizza di spinnaker o per altri usi.

Maniglia winch

Quando il winch mette la “marcia”

I winch a una marcia sono i meno costosi e consentono una rotazione del tamburo per rotazione della manovella: sono i meno costosi, ma offrono un limitato vantaggio meccanico. Ci sono anche winch monomarcia con una riduzione meccanica che consentono un maggiore vantaggio nell’uso della forza.

I winch a due velocità aumentano la potenza disponibile quando sono ruotati nella direzione opposta, quindi si ha un rapporto 1:1 quando ruotati in senso orario, 5:1 o 6:1 in senso antiorario. A volte la differenza nella variazione è considerata eccessiva. Esistono anche modelli che funzionano in entrambe le direzioni di rotazione. Spesso è la prima velocità a poter funzionare in entrambi i sensi.

I winch a a tre velocità si trovano di solito su grandi barche da regata, sono costosi e complicati. Le tre velocità vanno da un rapporto veloce a rapporti di potenza elevati. Un tipico winch a tre velocità offre l’azionamento diretto nella prima velocità. Il tamburo compie un giro per ogni giro del manico, quindi sotto carichi bassi, le scotte e le drizze possono essere azionate molto velocemente. Nella prima velocità non è il vantaggio del meccanismo di riduzione, ma solo un leggero vantaggio meccanico ottenuto dal rapporto tra la leva (manico) e il diametro del tamburo.

Gli argani a quattro velocità sono solitamente argani a tre velocità che offrono la scelta tra una prima velocità diretta o una prima velocità con ingranaggi. L’equipaggio seleziona la prima marcia appropriata e quindi utilizza le restanti tre velocità a disposizione. Per esempio, in aria leggera di bolina, nell’uso spinnaker, si potrebbe anche scegliere una velocità di trasmissione diretta per la rifinitura molto veloce, mentre prendendo una brezza sarebbe preferibile la prima velocità con ingranaggi.

Meccanismo winch

Materiali, caratteristiche, pregi e difetti

Alluminio anodizzato: più leggero e più economico, e ragionevolmente duraturo. Di colore nero, ha un bell’aspetto su molte barche, ma diventa rovente nelle zone tropicali.

Bronzo cromato: abbina la durata del bronzo con il bell’aspetto del cromo. Pesa fino a 20 per cento in più rispetto all’alluminio.

Bronzo: è resistente, di lunga durata, ma richiede la lucidatura frequente per rimanere luminoso. Si vede su barche tradizionali, ma è sempre più raro.

Acciaio inossidabile: costoso, ma il più resistente di qualsiasi materiale per il tamburo. Ha un aspetto magnifico a tempo indeterminato.

Composito: gli argani in fibra di carbonio sono una scelta ad alto prezzo per competizione.

Winch elettrico

Winch elettrici: zero fatica ma quanti Watt!

Gli argani elettrici stanno diventando sempre più popolari, perché rendono la navigazione meno impegnativa caricandosi lo sforzo della cazzatura delle vele o del “saltare” su una drizza. La maggior parte dei winch sono monodirezionali, ossia lavorano soltanto tendendo la cima, ma esistono anche modelli reversibili, che sono azionabili anche in remoto. Il posizionamento del motore è una variabile da considerare: i winch con motore integrato occupano meno spazio sotto il ponte e necessitano di fori più piccoli per l’installazione.

I winch elettrici necessitano di parecchia potenza (tra 700 e 2000 Watt), mentre l’amperaggio si colloca tra gli 8 e i 150 Ampère. Questo significa che bisogna prendere in considerazione questi prodotti come si farebbe con un motore di prua o un verricello elettrico e fare i conti per quel che riguarda la capacità della batteria in modo da non far girare il motore termico troppo spesso.

Avatar
MagellanoStore

La nautica con passione!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.