Eliche di plastica riciclata per i motori elettrici Torqeedo

L’azienda tedesca Torqeedo, leader mondiale nella produzione di propulsori elettrici e ibridi per il mercato nautico, ha avviato dei test per cercare di riciclare e integrare la plastica degli oceani nelle sue iconiche eliche arancioni.

Ogni anno si stima che 14 milioni di tonnellate di plastica usata finiscano nei corsi d’acqua del mondo e quindi negli oceani. Queste materie plastiche imprigionano la fauna selvatica, si scompongono in microplastiche difficili da rimuovere e inquinano gli ambienti umani e naturali. Anche nel mondo nautico molte aziende si stanno impegnando per cercare di sfruttare materiali alternativi e sostenibili per ridurre l’impatto ambientale dei propri prodotti.

Tra queste c’è Torqeedo, leader di mercato per la mobilità elettrica sull’acqua, che intende contribuire a creare un’economia circolare per la plastica e dimostrare la fattibilità di parti e prodotti riciclabili.

Leggi anche: Il geniale fuoribordo Suzuki che aspira la plastica in mare

Al lavoro un team di ingegneri

Di recente l’azienda tedesca ha istituito un nuovo team di ingegneria avanzata che, tra i vari compiti, esplora materiali alternativi per ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dei suoi prodotti per la nautica da diporto e commerciale. Al momento i tecnici dell’azienda stanno testando la plastica proveniente dagli oceani per integrarla nelle ormai iconiche eliche di colore arancione che accompagnano i propulsori elettrici.

Oggetto di questi esperimenti sono dei pellet di plastica PET e PP riciclati, che secondo le stime riducono l’impatto di CO2 del materiale di partenza di oltre l’80 per cento e sono di qualità molto simile alla plastica vergine, grazie a processi rigorosi e ad attrezzature di riciclaggio avanzate. Al momento i prototipi di eliche realizzate al 100% con materiali riciclati di alta qualità hanno dato buoni risultati nei primi test.

www.torqeedo.com

Eliche di plastica riciclata al 100%

“Il modo tipico di integrare nuovi materiali è quello di iniziare con una piccola percentuale, magari con un contenuto riciclato del 10 o 20 per cento – ha dichiarato Florian Deger, responsabile del progetto all’interno del team di ingegneria avanzata di Torqeedo – Tuttavia, abbiamo deciso di puntare più in alto. Abbiamo realizzato i nostri prototipi di eliche con plastica oceanica riciclata al 100 per cento e siamo entusiasti di poter affermare che hanno superato tutti i parametri di riferimento nel primo ciclo di test ambientali e di stress. Dopo alcune piccole modifiche, produrremo i prossimi prototipi in arancione Torqeedo”.

Molti produttori esitano a utilizzare materiali riciclati sulla base di una percezione obsoleta di una qualità inferiore del materiale. Torqueedo al contrario ritiene la plastica riciclata sia un’ottima materia prima. Quello che è importante è però il processo di lavorazione

“La raccolta della plastica usata per il riciclaggio – ha affermato Fabian Bez, CEO di Torqeedo – diventa economicamente vantaggiosa solo quando esiste un mercato per il materiale riciclato e noi siamo orgogliosi di essere all’avanguardia nel chiudere il cerchio”.

 

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.