Una nave da crociera salva velisti naufraghi su un catamarano

Di recente la Pacific Encounter, nave da crociera lunga 289 metri e con 3.000 passeggeri a bordo è riuscita a mettere in salvo due velisti che a bordo di un catamarano andavano alla deriva.

Nave da crociera salva catamarano a vela. Una vecchia legge del mare vuole che in caso di emergenza e di rischio per la vita umana qualunque navigante sia chiamato a prestare soccorso. È un principio di solidarietà nobile, assoluto, più forte di qualsiasi legge. Spesso tuttavia ci sono dei limiti oggettivi per renderlo concreto: le difficili condizioni meteomarine, la visibilità ridotta, la presenza di scogli o di forti correnti. Una chiave determinante è anche il tipo di unità su cui naviga chi ascolta via radio un messaggio di “mayday” lanciato da qualcuno in difficoltà.

Se si tratta di grandi navi, come portacontainer e cargo, ci sono dei limiti di manovrabilità, così come di tempi estremamente lunghi di manovra. Oltre al fatto che queste unità hanno ponti molto alti, plance di comando con poca visibilità e paratie difficilmente accessibili dal livello del mare. Se invece si tratta di traghetti e navi da crociera che ospitano passeggeri, i limiti riguardano i rigidi piani di rotta e le modifiche di questi che vanno comunque approvate dalle rispettive compagnie marittime. Per non parlare delle clausole imposte dai contratti di assicurazione.

nave da crociera

Un salvataggio in diretta per i 3.000 passeggeri

Per questo ha fatto un certo scalpore di recente il salvataggio di un catamarano a vela compiuto dalla Pacific Encounter, una nave da crociera della compagnia di navigazione P&O Cruises Australia. La nave si trovava in navigazione verso Noumea, in Nuova Caledonia, quando ha intercettato via radio la richiesta di soccorso. L’allarme arrivava da un equipaggio di un catamarano a vela, con due persone a bordo, che a causa di problemi all’albero e al motore non erano in grado di dare vela e governare la loro barca. Anche il catamarano era in navigazione verso Noumea.

Il comandante dell’enorme nave di 289 metri che al momento ospitava oltre 3.000 passeggeri ha deciso di modificare la rotta pianificata ed è riuscita gradualmente ad affiancare il catamarano a vela lungo meno di 20 metri.

nave da crociera

Mari del Sud, tutt’altro che pacifici

Una volta al sicuro a bordo della nave i due naufraghi sono stati rifocillati e sottoposti a visita medica che ne ha riscontrato le discrete condizioni di salute. Il catamarano era ormai alla deriva già da diversi giorni, prima che la Encounter ne raccogliesse la richiesta di soccorso.

In questo tratto oceanico, e precisamente a Sud dell’arcipelago di Vanuatu, era già avvenuto un salvataggio simile nei confronti di un navigatore australiano di 24 anni. La Pacific Encounter, costruita dall’italiana Fincantieri nel 1998 ha tra l’altro subito essa stessa un incidente. Nel 2006, quando era sotto altro nome e con un’altra società armatrice, subì infatti un grave incendio a bordo che causò la distruzione di una settantina di cabine e un morto.

 

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.