Posso fidarmi delle previsioni meteo marine per la crociera?

Al giorno d’oggi le previsioni meteo hanno raggiunto un livello di accuratezza enorme, eppure non sempre soddisfano appieno i diportisti. Ecco perché sono affidabili solo all’80 per cento.

Ecco come utilizzare e interpretare le previsioni meteo. Il meteo è fondamentale per i crocieristi. I piani di navigazione, così come la vostra sicurezza, dipendono fortemente dal tempo in corso e da quello previsto. Con la tecnologia moderna e le previsioni sempre più accurate non sorprende che molti diportisti si affidino completamente alle previsioni meteo. Salvo poi ricredersi.

Se per esempio l’applicazione Windy dice che il vento soffierà a 20 nodi, rimaniamo un po’ delusi quando vediamo l’anemometro toccare a malapena i 15 nodi. E se su Windfinder vediamo raffiche fino a 25 nodi, ci chiediamo perché ci ritroviamo a navigare contro un vento di 30 nodi con occasionali raffiche di 35 nodi. È un errore facile da commettere, soprattutto per i velisti del fine settimana.

Previsioni meteo

Le previsioni sono accurate solo per 2-4 giorni

La verità è che le previsioni meteorologiche non sono sempre accurate al 100 per cento. Si parla piuttosto del 70-80 per cento. Questo perché la tecnologia che rileva i cambiamenti delle condizioni è molto avanzata, ma fatica a funzionare bene e a comunicare i dati ai centri meteorologici in ambienti difficili e remoti. Si pensi alle boe alla deriva in caso di tempesta e ai radiofari nel Pacifico meridionale.

Ecco come utilizzare e interpretare le previsioni meteo. Con le tabelle e i grafici dettagliati e dall’aspetto scientifico che vediamo sulle app e sui siti web dedicati al meteo, è facile considerare le informazioni come precise. Tuttavia, nessun meteorologo ha sempre ragione. Le previsioni sono accurate circa l’80 per cento delle volte per i prossimi 2-4 giorni. Le previsioni per i giorni successivi sono solo un’indicazione della stabilità del tempo. Più in anticipo si controllano le previsioni, meno è probabile che siano precise.

È per questo che le rotte meteorologiche su un grande passaggio, basate sulle variazioni di velocità e direzione del vento in momenti specifici, possono fallire. Dovreste fare un piano generale, che dovrà essere modificato ogni 2-3 giorni, perché le previsioni probabilmente cambieranno ogni pochi giorni.

Ecco alcuni suggerimenti per aiutarvi a prendere decisioni di navigazione basate sulle previsioni meteo.

Previsioni meteo

Confrontare i modelli meteorologici

Sulla maggior parte delle app meteo marine, è possibile scegliere quale modello osservare. Non controllatene solo uno. Cercate sempre di vedere se i modelli sono allineati. Se le previsioni sono completamente diverse sulla maggior parte dei modelli, è probabile che il tempo non sia stabile e possa essere imprevedibile. A meno che non sia assolutamente necessario, cercate di evitare di uscire in queste circostanze.

Ecco come utilizzare e interpretare le previsioni meteo. Se i modelli sono approssimativamente allineati, prendete in considerazione i dati della velocità del vento e dell’altezza delle onde più basse e più alte: vi sentite a vostro agio in entrambe le situazioni? Allora si può andare.

Previsioni meteo

Trova il modello meteo giusto per la tua zona

Se da un lato volete bilanciare le vostre aspettative esaminando diversi modelli, dall’altro dovete anche valutare l’accuratezza di ciascuno di essi. Trovate il modello che sembra azzeccare la maggior parte delle volte. In alcune zone d’Europa è ECMWF, in altre è ICON. Annotate quale modello sembra essere il più preciso ogni volta che li confrontate e tenetelo a mente quando guardate le previsioni.

Forse GFS (accurato per l’Atlantico) prevede 5 nodi, mentre ECMWF e ICON ne prevedono 10-20. È il caso di uscire? Assolutamente sì. Preparate lo spinnaker e riempite i serbatoi, non si sa mai.

Previsioni meteo

Lasciare spazio all’errore

Ecco come utilizzare e interpretare le previsioni meteo. Anche le previsioni più accurate non sono precise al 100 per cento. Non potete aspettarvi di vedere l’esatta velocità del vento prevista sull’anemometro. Ciò significa che il vento o le raffiche potrebbero essere più forti di quanto previsto. È quindi importante lasciare un certo margine di errore.

Se siete sicuri di navigare con vento fino a 30 nodi, evitate di uscire quando alcuni modelli prevedono 30 nodi. Uscite quando è previsto un vento di 25 nodi.

Osservare i segni del tempo

Ecco come utilizzare e interpretare le previsioni meteo. Non ignorate tutti i segni del tempo in arrivo solo perché le previsioni dicono che sarà una giornata calma. Tenete d’occhio il mare, la velocità del vento, le nuvole e altro ancora. Se vi state preparando a partire e il vento aumenta, fermatevi un attimo. Aspettate un po’. Guardate la carta nautica: sono solo raffiche provenienti dalle colline vicine? Come appaiono le onde più al largo?

Un rapido sguardo al barometro può anche indicare che le previsioni sono sbagliate e che è meglio rimanere in porto.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.