3 Mete invernali per navigare al caldo

Se sei un appassionato di mare e vela è probabile che l’inverno sia troppo lungo e freddo per non pensare ad una vacanza in barca al caldo.

Ma dove navigare d’inverno?

Se vuoi soddisfare la tua voglia di avventura ed esplorare una meta esotica, in questo articolo troverai le 3 migliori destinazioni invernali per navigare al caldo e aspettare con meno ansia l’arrivo dell’estate.

Pronto a partire? Ti proponiamo crociere da sogno per solcare l’oceano e scoprire un modo diverso di navigare: eccoti i Caraibi, la Polinesia Francese e la Thailandia.

Bequia Island - Grenadines
Bequia Island, una delle baie più belle delle Grenadines

Caraibi: il fascino pirata delle Grenadine

Il mar dei Caraibi è una destinazione che fa parte dell’immaginario di tutti gli amanti della vela: si tratta forse della meta preferita in inverno grazie alle sue temperature perfette, il vento costante e il numero incredibile di isole da visitare.

Tra gli itinerari più scelti ci sono le Grenadine, una manciata di isole nel sud dei Caraibi, dove il vento oceanico gonfia le vele e garantisce emozionanti veleggiate da un’isola all’altra.

La navigazione parte solitamente da Martinica, isola francese ben collegata all’Italia e all’Europa, dotata di un porto grande e attrezzato a Le Marin. L’isola è un buon punto di partenza e arrivo perché offre numerose suggestioni e luoghi da visitare come il magnifico Jardin de Balata, l’Habitation Clément dove si produce il rum e l’affascinante Gorge de la Falaise, un parco immerso nella vegetazione tropicale.

Una volta imbarcati, le tappe successive prevedono luoghi magici da raggiungere con navigazioni rigorosamente a vela, vista l’intensità dell’Aliseo che non vi lascerà mai senza vento.

Le prime tappe saranno Santa Lucia e Saint Vincent: due isole verdi e selvagge con foreste fitte e tutte da scoprire. Ad accoglierti, nelle baie di Santa Lucia, ci saranno i sorprendenti Pitons, picchi vulcanici che sembrano emergere dalle acque ripidi e spettacolari.

Dal verde si passa all’azzurro con Bequia: un’isola allegra dove si respira un’aria spensierata, con spiagge bianche e mare cristallino, dove immergersi con maschera e boccaglio e assaporare la vita dell’isola con i colorati mercatini e bar sulla spiaggia.

Tappa immancabile del tour delle Grenadine è il suggestivo ancoraggio tra i reef di Tobago Cays: un parco marino dove potrai provare l’emozione di nuotare con le tartarughe, stelle marine e pesci tropicali. Un’esperienza che non dimenticherai facilmente!

Il periodo migliore per visitare i Caraibi è da dicembre ad aprile e la barca a vela o il catamarano sono il modo migliore per godere appieno delle sue bellezze naturali.

Per prenotare puoi trovare online molte agenzie di charter specializzate sia internazionali che italiane, visto che sono molti i nostri connazionali che organizzano vacanze in barca a vela in Italia, e che d’inverso si trasferiscono ai Caraibi per ampliare la loro offerta.

Si tratta di un viaggio abbastanza sportivo: l’aliseo soffia poderoso, non è sempre intenso, ma i trasferimenti tra le isole a vela saranno divertenti e adatti a chi ha già avuto esperienza in barca e ama la vela.

Se non sei un navigatore esperto e il tuo obiettivo è rilassarti e goderti l’avventura caraibica, noi ti consigliamo il noleggio con skipper ed equipaggio. Non dovrai occuparti della cambusa, della pianificazione delle navigazioni e della dogana (alle Grenadine è necessario fare le pratiche di entrata e uscita per ogni isola, praticamente tutti i giorni). Inoltre, le condizioni di mare e vento non sono come in Mediterraneo e potresti non essere completamente a tuo agio nel caso di meteo avverso.

Leggi anche: Riprendere la barca dopo 3 anni di invernaggio in Polinesia

 

Isola di Moorea - Polinesia Francese
Una delle bellissime spiagge sull’isola di Moorea – Polinesia Francese

Polinesia Francese

La Polinesia è un luogo magico dove dimenticarsi di tutto per entrare in una dimensione paradisiaca. È decisamente una di quelle mete che ogni amante della vela sogna di visitare almeno una volta nella vita e come dargli torto: atolli di corallo dolcemente dipinti di vegetazione tropicale e acque azzurre ricche di pesci e creature meravigliose.

Va ricordato inoltre che le isole di Thaiti offrono una tra le più basse densità abitative al mondo e sono ancora oggi lontane dall’essere una destinazione del turismo di massa.

La Polinesia Francese è composta di 5 arcipelaghi: le Isola della Società, le Isole Tuamotu, le Isole Gambier, le Isole Marchesi e le Australi. Ma qual è il miglior itinerario e quali isole comprende?

Un itinerario classico che ti dà la possibilità di scoprire questo paradiso è quello che parte da Papeete a Tahiti per proseguire con Moorea: luoghi conosciutissimi, che non hanno bisogno di presentazioni, ma che comunque ti lasceranno senza fiato.

La tappa successiva sarà Raiatea caratterizzata da baie calme, profonde e incontaminate con una fauna marina sorprendente.

Il viaggio prosegue per raggiungere Bora Bora: un’isola celebre e dall’incomparabile bellezza con lagune turchesi e una vegetazione lussureggiante.

Una tappa consigliata per la sua autenticità è Huahine, un’isola magica e tipicamente placida dove respirerai la vita dell’antica Polinesia. Un luogo dove la foresta esplode magnifica e dove potrai visitare i villaggi con negozi e ristoranti tipici.

Un viaggio all’insegna del mare, con splendidi incontri con le creature marine più affascinanti, tanta vela e temperature fantastiche. Il periodo migliore per visitare la Polinesia Francese è a partire da marzo, quando in Italia è ancora piuttosto freddo e dove potrai avere un vero e proprio abbraccio caldo dopo il lungo inverno.

La maggior parte dei charter che navigano in Polinesia Francese prevedono il noleggio di grandi e comodi catamarani con equipaggio per godere al massimo di questa esperienza: ampi spazi, una navigazione più stabile e lo chef a bordo per assaporare ogni giorno uno dei tipici piatti locali.

Tailandia Railay Beach
Vista dall’alto di Railay Beach – Thailandia

Thailandia

La Thailandia ti offrirà un’esperienza in barca a vela completa e molto interessante grazie ad un mix davvero avvincente: temperatura perfetta, fauna e flora sottomarina spettacolare, vegetazione selvaggia e incontaminata, una storia suggestiva che culmina con magnifici templi e buonissimo cibo.

Portai scegliere tra due zone per il tuo charter: il Mare delle Andamane a Ovest e il Golfo di Thailandia a Est.

L’itinerario più gettonato è quello del Mare delle Andamane che parte dall’Isola di Phuket dalla quale si possono raggiungere la regione di Krabi con le sue isole pazzesche e la provincia di Phang Nga.

Potrai visitare la famosa Ko Phi Phi Leh dove è stato girato il celebre film The Beach con Leonardo di Caprio. Si tratta di una magnifica isola caratterizzata da spettacolari faraglioni a picco sul mare che delimitano due baie mozzafiato, Loh Samah Lagoon e Maya Bay considerata una delle 10 spiagge più belle al mondo.

Ko Lanta è un’altra tappa bellissima: inesplorata e selvaggia, è composta di due isole ed è caratterizzata da spiagge bianche e da una vivace attività di mercati e negozi.

Un’isola dal fascino incontaminato è Ko Rok, un vero e proprio paradiso sulla quale non esistono sistemazioni se non una piccola area di campeggio. Le sue acque offrono un’esperienza unica per ammirare tutti i pesci tropicali che popolano i mari della Thailandia.

Infine, un’altra meta da non perdere è senza dubbio Krabi: qui potrai ammirare non solo spiagge con acque color smeraldo, ma anche magnifici templi come il Tempio della Tigre.

Il periodo migliore va da ottobre ad aprile, stagione durante la quale le temperature oscillano tra i 28 e 32 gradi e ti permette di evitare la stagione umida dei monsoni.

La Thailandia è rinomata per le sue bellezze naturali e la cordialità della popolazione e, a differenza delle prime due mete, anche per essere una vacanza low cost.

Cosa portare in valigia per la tua crociera invernale al caldo

Anche se partirete in aereo dovete considerare che il viaggio sarà a bordo di una barca o di un catamarano, dove lo spazio è vitale e dove è meglio arrivare preparati con l’occorrente necessario, adatto alla vita di mare.

Ti consigliamo di optare per valigie pratiche e ripiegabili come i borsoni impermeabili facilmente stivabili nei gavoni delle imbarcazioni da charter. Si tratta di borsoni sportivi, versatili perché trasformabili in zaini, con numerose tasche e resistenti all’acqua, quindi perfetti per le nostre vacanze in barca a vela.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, ti basterà pensare all’estate: magliette, costumi e pantaloncini, ricordando di portare sempre qualcosa di lungo e coprente per visitare templi senza offendere il culto locale. Non dimenticare una giacca impermeabile per gli acquazzoni che sono molto frequenti ai Caraibi e in Thailandia (anche se decisamente rapidi) e per le navigazioni con vento forte.

Per la vita quotidiana e gli spostamenti con il tender non dimenticare una sacca stagna dove riporre gli effetti personali che si potrebbero danneggiare al contatto con l’acqua, come lo smartphone, il portafogli o la macchina fotografica.

Nelle 3 mete invernali per navigare al caldo che ti abbiamo suggerito splenderà un forte sole tropicale, quindi non scordare un cappello e un buon paio di occhiali da sole tanto meglio se galleggianti come i Jobe Beam con lenti polarizzate UV-400 per proteggerti dalle pericolose radiazioni UV.

Non ci resta che augurarti buon viaggio!

MagellanoStore

La nautica con passione!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.