Manutenzione invernale: i lavori essenziali

La pausa invernale è il momento migliore per eseguire i lavori di manutenzione ordinaria alla barca, i controlli agli impianti, i piccoli lavori fai-da-te e le sostituzioni di componenti usurati, vecchi e malfunzionanti. Ecco su cosa concentrarsi.

Manutenzione invernale e diportisti, un legame stretto. La maggior parte dei diportisti impara presto ad essere pratica, a sviluppare una buona manualità, a gettare le basi di conoscenza e tecnica per affrontare da soli per mezzo del fai-da-te molti dei controlli e dei lavori di manutenzione ordinaria di cui necessita la barca e i suoi componenti. Spesso queste attività si svolgono nella stagione invernale con calma e quando la barca è ferma, in modo da averla pronta e in completa efficienza all’inizio della primavera quando ricominciano le uscite in mare.

Vediamo allora quali sono questi lavori essenziali, quali componenti e impianti riguardano e come affrontare piccoli e grandi problemi.

Manutenzione invernale

Passare le antivegetative

Coloro che praticano regate vogliono una superficie dello scafo perfettamente dura, scivolosa e veloce e si preoccupano spesso di immergersi sotto la barca per pulirne regolarmente il fondo. Ma i semplici diportisti hanno bisogno di antivegetative che durino a lungo e che non richiedano molta manutenzione tra una crociera e l’altra. Questo significa che devono applicare un rivestimento resistente e ricco di biocidi per combattere alghe e cirripedi. Le vernici antivegetative a base di stagno sono le più efficaci, ma sono state a lungo vietate in Mediterraneo e nella maggior parte del mondo, dove le politiche ambientali sono ormai molto severe. L’alternativa migliore sono le vernici a base di rame, in realtà anche questo nocivo perché velenoso, ma al momento ancora permesso. Il consiglio è quindi di acquistare vernici con un’alta percentuale di rame e assicurarsi che la vernice abbia un additivo antiscivolo. Il rame infatti allontanerà i cirripedi e la crescita di organismi marini, mentre l’additivo antiscivolo impedirà alla melma e alle alghe di accumularsi sotto la linea di galleggiamento dello scafo.

Nei Paesi in cui le vernici a base di rame sono soggette a restrizioni, si deve ricorrere ad altre tipologie di antivegetative con biocidi a base di zinco. Queste vernici sono infatti più ecologiche. Il rovescio della medaglia è che non sono così efficaci come quelle a base di rame, quindi bisogna aggiungere più mani con costi più alti. Ci sono anche antivegetative autoleviganti, ossia che si autoconsumano grazie al movimento della barca sull’acqua e rilasciano i biocidi. Le vernice autoleviganti si adattano perfettamente alle barche a vela da crociera. Infine grazie al progressivo assottigliamento degli strati di vernice, è molto facile rimuovere quest’ultima quando si procede a fare carena a fine stagione. Infine sono molto apprezzate dai diportisti le vernici a matrice dura che agiscono chimicamente. Grazie al loro legante insolubile di tipo polimerico di natura acrilica o vinilica sono molto resistenti all’abrasione, per cui rappresentano una soluzione ottimale per barche veloci o che vengono alate e carrellate di frequente. Generalmente soffrono meno le variazioni di temperatura e salinità dell’acqua per cui vengono preferite anche dai diportisti giramondo e dagli amanti delle lunghe navigazioni. Anche il loro costo è inferiore a quello delle vernici autoleviganti. Tra i loro svantaggi c’è invece il fatto che il rilascio dei biocidi non è costante e le prestazioni della pittura diminuiscono gradualmente durante la stagione.

Manutenzione invernale

Lucidare lo scafo

Il gelcoat, anche quello bianco, e le moderne vernici marine tendono a sbiadire lentamente alla luce del sole. Per preservare il più possibile lo scafo della barca è bene allora dare una buona lucidatura o ceratura una volta all’anno. Quindi prima eseguite una pulizia accurata della superficie con una spazzola morbida e un tampone antigraffio dove necessario e risciacquate bene. Poi con uno dei soliti prodotti per la lucidatura, applicate una spessa mano di lucidante e poi strofinate costantemente con un panno morbido. È un lavoro noioso e duro sulle spalle, ma la barca dopo sarà molto più bella.

Manutenzione invernale

Ispezionare il rig

Risalire l’albero e fare un’ispezione approfondita dell’intero rig. Lo scopo di questo controllo è quello di individuare eventuali avarie prima che si verifichino e di assicurarsi che tutto ciò che si trova in alto funzioni correttamente. Quando si sale sul bansigo ci sono alcuni oggetti che si dovrebbero portare con sé in modo da poter effettuare riparazioni se necessario: nastro isolante bianco, nastro elettrico nero, cacciaviti, filo di grippaggio, tagliafili, tubo di silicone, WD-40 con augello, coppiglie o spille ad anello di ricambio e una lente d’ingrandimento. Prima di salire in testa d’albero è meglio accendere le relative luci e, se non funzionano, portare con sé lampadine di ricambio. Iniziate dalla testa d’albero e controllate tutti i punti di montaggio degli strumenti e delle antenne. Assicuratevi che le basi siano fissate e che non ci siano malfunzionamenti nel cablaggio. Assicuratevi che il foro nel montante dove passa il cablaggio sia ben riempito di silicone in modo che i fili non sfreghino sull’alluminio. Controllare il grillo sull’avvolgifiocco a rullo e, se necessario, riagganciare il perno. Controllare le sartie e l’attacco terminale dei tiranti utilizzando la lente d’ingrandimento per osservare da vicino eventuali fili arrugginiti. Se le estremità sembrano a posto e sono asciutte, spalmate un po’ di silicone intorno ai giunti per evitare l’ingresso di acqua che può causare corrosione. Controllare con attenzione le pulegge delle drizze e assicurarsi che girino facilmente. Spruzzare una buona spruzzata di WD-40 sui lati della puleggia per lubrificare e proteggere i perni.

Mentre scendete dall’albero, controllate tutte le crocette e i relativi raccordi terminali e assicuratevi che i divaricatori siano ben fissati ai raccordi sull’albero. Controllare infine che il gradino dell’albero non sia corroso e assicurarsi che i raccordi dove il cablaggio dell’albero passa attraverso la coperta siano tutti a tenuta d’acqua. Spalmare del silicone su tutti i giunti che sembrano sospetti. Controllare che il collo d’oca non presenti usura e corrosione intorno ai perni in acciaio inossidabile e applicare il WD-40. Una volta che avete controllato l’intero impianto, volete assicurarvi che l’albero sia dritto, che i tiranti siano ben stretti e che l’albero sia impostato con la quantità di prebend che voi e il vostro velaio avete deciso.

Manutenzione invernale

Controllare il rollafiocco

Se la barca è stata riposta con l’albero alzato, è bene togliere tutte le vele per riporle in un luogo sicuro sottocoperta. Prima di rimettere la vela sull’avvolgifiocco a ridosso del varo, è saggio dare una buona ispezione all’intero sistema di avvolgifiocco a rulli. Il dispositivo è composto dal tamburo nella parte inferiore, dal tenditore e dal perno della forcella inferiore, dalle singole sezioni, dai dispositivi di fissaggio che fissano le sezioni insieme e dalla parte superiore girevole. Nella parte inferiore del tenditore, controllare che la piastra della catena non sia scolorita o incrinata e assicurarsi che il perno della forcella sia ben fissato con un perno diviso e poi protetto con nastro adesivo. Controllare che la linea di avvolgimento non sia danneggiata dai raggi UV o non sia usurata e, se necessario, sostituirla. Nei sistemi con cuscinetti aperti, sciacquare i cuscinetti con acqua calda per rimuovere polvere e sporcizia. Sui fusti con cuscinetti sigillati, non dovete preoccuparvi.

Usando il bansigo, fatevi issare sullo strallo per ispezionare le giunture, gli elementi di fissaggio e la parte superiore girevole. Potrebbero essere necessari attrezzi come chiavi a brugola, LocTite, chiusure di ricambio e WD-40. Cercate le viti di fermo allentate, i fissaggi che non sono in posizione e le giunzioni tra le sezioni che non sono strette e stabili. Le viti di fermo allentate devono essere rimosse, pulite, rivestite con LocTite e reinstallate. Nella parte superiore, controllare il rullo e dare una buona dose di WD-40.

Manutenzione invernale

Manutenzione invernale: ingrassare il winch

Un compito semplice ma importante durante un refit è quello di pulire e sgrassare i vostri verricelli. Quando un winch rimane a lungo fermo, il grasso all’interno tende a coagulare e a diventare denso e meno viscoso. Questo fa sì che i cuscinetti si blocchino e rende più difficile la regolazione delle vele o il sollevamento delle drizze. Tutto quello che dovete fare è smontare i verricelli e pulire le parti con un solvente che dissolverà il vecchio grasso. Una volta puliti, si devono lubrificare giudiziosamente i cuscinetti, i tamburi, i nottolini e rimettere tutto insieme. Se sapete cosa fare e avete gli strumenti necessari, ci vogliono circa 15 minuti per pulire e ingrassare un winch.

Manutenzione invernale

La manutenzione invernale della timoneria

I sistemi di governo sono i componenti più esposti alle avarie di qualsiasi altro impianto su una barca a vela. Questo perché le forze dell’acqua in movimento e delle onde sul timone possono essere immense, soprattutto in caso di onde di grandi dimensioni, quando la barca cade dalle onde o viene superata dai frangenti. Il sistema di governo è sempre in movimento e sempre dinamico, quindi è importante controllarlo a dovere. Per iniziare l’ispezione, girare la ruota o le ruote con forza in entrambe le direzioni e cercare qualsiasi gioco nel sistema. Se non c’è gioco, siete fortunati. Se c’è, dovrete stringere i cavi al quadrante o cercare elementi di fissaggio deboli nell’installazione dei tubi di torsione, molto probabilmente dove i tubi cambiano direzione.

Controllare quindi i punti in cui i tubi o il filo passano attraverso un punto fisso. Questo è il punto in cui si verificano spesso dei guasti. Ispezionare poi il quadrante per verificare la presenza di cricche e malfunzionamenti. Controllare l’attacco dell’autopilota al timone: il braccio dell’autopilota non deve essere attaccato al quadrante, ma alla sua piccola barra; in questo modo, se si ha un problema con il sistema di governo, l’autopilota può ancora governare la barca. Inoltre, i quadranti non sono progettati per resistere all’improvviso movimento di una grande onda che torce il timone ed estende violentemente il braccio. Se la barca è fuori dall’acqua, afferrate il fondo del timone e cercate di manipolarlo lateralmente. Se c’è un gioco, potreste avere problemi di cuscinetti o crepe nell’installazione di montaggio del timone e dovreste chiedere a uno specialista del cantiere navale di dargli un’occhiata. In acqua, ispezionate lo scafo passante per verificare che non vi siano perdite o crepe.

Manutenzione invernale: ispezionare i passascafi

Le moderne barche da crociera hanno molti buchi sotto l’acqua e ognuno di essi è un problema potenzialmente grave. Le saracinesche sono tutto ciò che si frappone tra voi e un’enorme allagamento, quindi dovete assicurarvi di controllarle tutte con attenzione. Assicuratevi che la valvola giri facilmente e che non ci siano segni di corrosione o di elettrolisi. Se la valvola ha un ingrassatore, pompare un po’ di grasso all’interno e poi aprirla e chiuderla ripetutamente. Le prese a mare sono tutte attaccate a tubi idraulici interni e realizzati velocemente con fascette. Ogni tubo flessibile deve avere almeno due fascette in acciaio inossidabile di alta qualità che siano in perfette condizioni e avvitate molto saldamente. Controllare che non vi siano segni di ruggine, crepe nelle fascette o debolezza nei tubi flessibili e sostituire quelli sospetti. Inoltre, assicuratevi di avere sempre a portata di mano sulla barca i tappi di legno o di gomma di dimensioni adeguate, in modo da poter bloccare rapidamente un rubinetto difettoso.

Leggi anche: Fare carena, lavoro sporco ma utile

La cura del motore e del generatore

È consuetudine sui diesel marini cambiare l’olio e il filtro sul motore e sul gruppo elettrogeno quando una barca viene trainata fuori dall’acqua per l’inverno. Questo rimuove le impurità dall’olio del motore e riduce la corrosione interna. Poi, quando si è di nuovo in acqua, far funzionare il motore per circa 10 ore e cambiare di nuovo l’olio per rimuovere le impurità che sono apparse all’interno del motore mentre era fermo. È anche normale rabboccare i serbatoi del carburante quando la barca viene alata per ridurre la condensa nei serbatoi. Si dovrebbe anche aggiungere un additivo per carburante con un biocida che emulsiona l’acqua nel serbatoio e uccide gli insetti che cercano di crescere nelle goccioline d’acqua. Il carburante dovrebbe andare bene quando si procede al varo, ma monitorare i filtri del carburante con attenzione per le prime 10 ore per assicurarsi che nulla stia crescendo nei serbatoi. Il controllo generale del motore dovrebbe includere la sostituzione dei filtri del carburante e lo scarico dell’acqua che si trova nell’alloggiamento del filtro, la sostituzione della girante che potrebbe essere diventata fragile a causa del disuso, il serraggio o la sostituzione delle cinghie che potrebbero anche essere diventate fragili o avere sviluppato punti duri dove girano intorno alle piccole pulegge. Anche il fluido di trasmissione deve essere sostituito con il fluido appropriato.

Lo scambiatore di calore dei motori può sviluppare delle incrostazioni che possono bloccare i passaggi, ridurre il flusso dell’acqua e far surriscaldare il motore. Ci sono diversi modi per controllare l’impianto, ma il migliore è quello di togliere le estremità dello scambiatore e dare una buona occhiata. Su alcuni motori, i passaggi possono essere puliti manualmente. Su altri bisogna lavare i passaggi con una soluzione moderatamente debole di acido muriatico che scioglierà il calcare ma non il metallo. Se avete un albero standard, controllate la flangia che lo fissa alla trasmissione; se vedete che si adatta male, potreste dover allineare il motore e per questo potreste voler chiamare un meccanico esperto. Nel punto in cui gli alberi escono dall’imbarcazione, ispezionate il premistoppa di poppa e assicuratevi che funzioni correttamente. Un vecchio premistoppa dovrebbe perdere un po’ durante il funzionamento del motore, ma non quando l’albero non gira. Le moderne guarnizioni dell’albero non dovrebbero perdere; in caso contrario, potrebbe essere necessario serrarle leggermente. Sui saildrive infine controllate che la guarnizione di gomma sotto il motore non presenti perdite o scolorimenti dovuti alla fuoriuscita di olio o carburante. Fuori dall’acqua potete controllare il saildrive e cambiare l’olio facilmente. Il saildrive è in alluminio quindi non verniciatelo con vernice di rame. Dovreste ricoprirlo con una vernice antivegetativa a base di zinco.

Ricaricare le batterie

Le vostre batterie non amano essere lasciate inutilizzate. Muoiono lentamente quando vengono lasciate scaricare. Collegando la barca alla corrente di terra attraverso il caricabatterie, le batterie si mantengono per un po’ di tempo, ma c’è sempre il rischio di incendi, per cui è necessario far controllare regolarmente la barca. Se si dispone di pannelli solari, è possibile lasciare le batterie collegate alla barca e lasciare che si auto-manutengano mentre si è lontani e questo è un ottimo motivo per aggiungere almeno un pannello. Ma se non si dispone di un pannello solare o di energia a terra, allora bisogna trovare un modo per mantenere le batterie cariche. Questo di solito significa trovare un posto caldo per loro dove possono essere collegate a un caricabatterie. Quando si è pronti a tornare in acqua, si dovrebbe cercare di mantenere le batterie nel terzo superiore del ciclo di ampere per una settimana, in modo che le batterie si abituino all’attività di ricarica a scarica. Questo è meno importante con le celle a gel e le batterie AGM, ma è comunque una buona abitudine. Le batterie a celle bagnate devono essere ricondizionate dopo una lunga sosta, quindi dovrete dare loro una carica ad alta tensione per qualche ora; per questo, avrete bisogno di un dispositivo di carica intelligente regolabile, che dovrebbe essere un elemento base del vostro sistema energetico di bordo.

Svuotare i serbatoi d’acqua dolce

Probabilmente avete lasciato i serbatoi dell’acqua vuoti e avete lavato il tutto con una sorta di antigelo non tossico o una soluzione di candeggina per mantenerli sani mentre la barca non veniva usata. Quando si è pronti a ripartire con il prossimo varo, è bene iniziare con serbatoi che siano il più possibile puliti e sani. Una soluzione semplice è quella di mescolare un paio di secchi con una soluzione di candeggina leggera, versarla nei serbatoi e pomparla attraverso tutte le tubature dell’acqua dolce della barca, un rubinetto alla volta. Una volta fatto, sciacquare l’intero sistema con acqua dolce e il gioco è fatto. Questo aiuterà a contenere qualsiasi crescita nel sistema idraulico e a ridurre qualsiasi cattivo odore.

Prevenire le avarie, il mantra del buon marinaio

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.