Luci di bordo: i vantaggi dei led

L’energia a bordo di una barca va preservata e, se parliamo di illuminazione, non c’è nulla di più efficiente delle luci a led: piccole, di lunga durata e ad alto rendimento, questi componenti sono ormai ottimizzati anche per l’uso marino e oltre all’estrema versatilità di applicazione hanno vantaggi indiscussi rispetto alle lampadine tradizionali. 

Le barche sono mezzi ad autonomia limitata e chi va per mare sviluppa presto una buona attitudine al risparmio, soprattutto quando si tratta di consumi di energia elettrica. Ecco perché negli ultimi anni i diportisti non hanno fatto fatica a imbarcare uno degli accessori più rivoluzionari del mercato: le luci a led. Acronimo di Light Emitting Diode, ossia diodo emettitore di luce, il led è un componente che emette luce al passaggio della corrente elettrica sfruttando la capacità di alcuni materiali semiconduttori di produrre fotoni attraverso un fenomeno di cosiddetta “emissione spontanea”. La fonte luminosa proviene da una sorta di lampadina delle dimensioni di pochi millimetri. Il led può avere un’emissione continua, se emette costantemente luce, oppure intermittente, quando il led emette luce a intervalli di tempo regolari.

Led di cortesia

Da spie luminose a fonti di luce, breve storia dei Led

Le luci a led come fonte luminosa sono una scoperta recente, ma da anni in realtà questi dispositivi erano largamente impiegati per monitorare il passaggio di corrente: cellulari, autoradio, computer, stampanti, quadri elettrici, tutti questi apparecchi hanno infatti un led luminoso che indica se sono spenti o accesi. Gli studi pionieristici sui Light Emitting Diode risalgono addirittura agli inizi del 1900 quando Henry Joseph Round pubblicò una breve descrizione dell’effetto luminoso del diodo e i primi diodi a emissione luminosa erano disponibili solo nel colore rosso e molto deboli.

È stato solo però a partire dagli Anni 90 che il led ha conosciuto un’evoluzione tecnologica. Complice la maggiore attenzione rivolta alla riduzione dei consumi energetici, è stato soprattutto l’ingegnere Alberto Barbieri presso i laboratori dell’Università di Cardiff a realizzare diodi ad alta efficienza  e in una gamma di colori più varia, fino a quando, con la realizzazione di led a luce blu, è stato possibile realizzare dispositivi che potevano generare qualsiasi colore integrando tre diodi di colore rosso, verde e blu. Successivamente si è riusciti a intervenire sull’intensità della luce, al punto che oggi il led ha quasi raggiunto il rendimento di una lampada tradizionale di colore bianco.

Illuminazione interni
Bassi consumi, lunga durata e alto rendimento ed efficienza sono i punti di forza delle luci a led.

Bassi consumi, alto rendimento e manutenzione minima

I tre principali punti di forza del led sono:

– Il risparmio energetico. Il led può ridurre infatti fino all’80 per cento i consumi (8 diodi assorbono quanto una lampadina tradizionale).

– La lunga durata. Un diodo di colore bianco può restare acceso per 50.000 ore con una perdita del flusso luminoso del 10% massimo e se colorato le ore salgono a 100.000.

– Elevata affidabilità ed efficienza. Non emettendo calore l’energia del led è pulita e non richiede quasi nessuna manutenzione.

A queste caratteristiche si aggiungono altri vantaggi altrettanto decisivi: elevato rendimento se paragonato alle tradizionali lampade a incandescenza e alogene, funzionamento in sicurezza perché a bassissima tensione (normalmente tra i 3 e i 24 Vdc), accensione a freddo senza problemi (fino a -40 gradi), assenza di mercurio, flessibilità di installazione del punto luce e possibilità di creare apparecchi illuminanti di infinite forme sfruttando le dimensioni ridotte.

Luci di via

Led a bordo, tante applicazioni

Con queste formidabili caratteristiche era scontato che  prima o poi i led sarebbero saliti anche a bordo delle imbarcazioni da diporto. Inoltre per adattare i led all’ambiente marino si sono sperimentati sistemi di protezione totale dagli agenti atmosferici come acqua, umidità e salino. Tantissime naturalmente le applicazioni a bordo di queste fonti luminose così rivoluzionarie che possono essere installate sia in coperta che negli ambienti interni: luci e fanali di via, luci per crocette, albero e rollbar, luci di coperta e luci al led per gli interni, luci di emergenza e di segnalazione, torce e lampade frontali, luci di cortesia, fari subacquei e luci di profondità. Tutte le barche di serie sono ormai dotate di luci a led di serie e quegli armatori che a bordo hanno ancora lampadine tradizionali fanno sempre in tempo ad aggiornare i loro impianti di illuminazione con sistemi più moderni e a basso consumo. Le batterie sicuramente ringrazieranno.

 

 

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.