Lisa Roland: da “senza tetto” al record di traversata oceanica

Dopo un passato tormentato la canadese Lisa Roland, 31 anni, ha scoperto per caso il canottaggio e si è rifatta una nuova vita. Di recente in coppia con l’amica Lauren Champion hanno stabilito il record mondiale di traversata atlantica a remi.

Il mondo nautico con le sue prospettive sportive e professionali a volte può essere un’importante occasione di riscatto nella vita. Così è stato per Lisa Roland, una donna canadese di 31 anni che dopo essere stata per alcuni anni una senza tetto, sola a combattere con le dipendenze, ha scoperto per caso il canottaggio e a colpi di remi di recente ha battuto il record mondiale di traversata dell’Atlantico.

In coppia con la sua amica statunitense Lauren Champion hanno completato la traversata dalle Canarie ai Caraibi in 45 giorni, 1 ora e 27 minuti. Migliorando di 5 ore e 5 minuti il primato precedente che nel 2021 ebbe come protagoniste le inglesi Charlotte Harris e Jessica Oliver.

Leggi anche: Record, la più giovane donna fa l’Atlantico in barca a remi

Lisa Roland

Una barca essenziale e turni sfiancanti ai remi

Le due donne erano partite da La Gomera (Canarie) il 13 dicembre a bordo di “Invictus”, una barca a remi lunga solo 7 metri e pesante oltre 815 chilogrammi. Costruito in vetroresina proprio per questo genere di sfide oceaniche, il natante dispone all’esterno di piattaforma con doppia postazione per la voga e all’interno di piccoli posti letto. Tra le poche altre dotazioni di bordo un fornelletto da campeggio con giunti cardanici, un dissalatore di acqua, scorte di cibo e attrezzature di scorta.

Dopo avere percorso circa 3.000 miglia alternandosi ai remi in turni di 2 ore 24 ore su 24, Champion e Roland hanno tagliato il traguardo di English Harbour, ad Antigua, sabato 27 gennaio alle 6,42 conquistando il primato mondiale. Un exploit straordinario anche perché le due donne non erano atlete professioniste.

Il loro obiettivo principale attraverso questa impresa era quello di raccogliere fondi per il loro programma di borse di studio “Bridges Over Water” che aiuta i bambini precedentemente in affidamento a entrare nel settore marittimo, dove entrambe le donne lavorano. Una causa particolarmente sentita da Roland proprio per la sua storia personale.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.