L’arte che promuove il turismo costiero: la Balena di Arcachon

Arcachon, un piccolo comune francese, utilizza un’installazione artistica unica, la coda di una balena realizzata dall’artista belga Emmanuel Janssens per promuovere il turismo.

Per attrarre nuovi visitatori e far parlare di sé il piccolo comune francese di Arcachon affacciato sull’Atlantico, nel Golfo di Biscaglia, ha scelto una curiosa opera d’arte a tema marino. È una bellissima coda di balena che spunta dal mare mentre il mammifero s’immerge nei fondali ed è posizionata proprio nella baia cittadina, tra i moli di Thiers ed Eyrac, in acque abbastanza protette.

A realizzarla è stato Emmanuel Janssens, un artista belga specializzato in installazioni a grandezza naturale nel campo delle scienze naturali, al quale nel 2010 il comune di Arcachon commissionò un progetto per la promozione turistica della zona. La sua proposta fu proprio questa coda di balena galleggiante che emerge dalle acque. Un’immagine familiare a chiunque abbia esperienza di navigazione e ami la vita marina. La giunta comunale accolse con entusiasmo l’idea e i lavori iniziarono rapidamente.

Balena

Realizzata sul calco di una vera balena

L’opera galleggiante è nata nel laboratorio di Emmanuel Janssens a Prayssas, nel dipartimento Lot et Garonne, in realtà lontano dal mare. Ma l’artista ha avuto la fortuna di avere nel suo studio il calco di una vera coda di balena. Poi ha fatto alcuni test in piscina con un prototipo di 3 metri per convalidare i calcoli. Sono stati necessari circa 6 mesi di lavoro. “La struttura è in poliestere, ha un’apertura alare di 9,6 metri ed è alta quasi 10 metri spiega Emmanuel – per costruirla ho creato grandi sagome, con un involucro di poliestere, un po’ come per lo scafo di una barca. Il contrappeso è in acciaio inossidabile. Ho ridisegnato la silhouette in modo che assomigliasse alla coda di una balena, con irrigidimenti per garantire le curve. Ha un pescaggio di 5 metri e il tutto pesa quasi 2 tonnellate”.

Una nuova livrea a ogni stagione

Dal suo lancio nel 2011, la coda di balena di Arcachon è in acqua dalla primavera all’inizio dell’autunno e a ogni nuova stagione sfoggia nuovi colori, scelti in base a un evento o alle tendenze del momento, e riscuote sempre un grande successo tra i turisti.

Nel 2023 una depressione autunnale ha colpito il bacino di Arcachon e la coda della balena ha rotto l’ormeggio finendo sul fondo del bacino, bloccata su un banco di sabbia. È stata recuperata e portata in un capannone che è la sua “sua casa invernale”, in attesa di essere dipinta con i colori della stagione 2024.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.