La nautica italiana vola: nel 2021 fatturato ed export da record

I numeri della nautica italiana tornano finalmente ai valori storici 2007 e 2008, quelli precedenti alla grave crisi economica internazionale. E nel caso delle esportazioni raggiungono il record.

Fatturato della nautica italiana. Contro ogni pronostico e a dispetto della lunga crisi causata dalla pandemia, la nautica italiana non solo mostra un’ottima salute; ma offre numeri estremamente positivi. Un fatturato che sfiora i 6 miliardi, parliamo di valori simili agli anni 2007 e 2008, e soprattutto l’export a 3 miliardi di euro, il massimo storico mai raggiunto.

Sono i dati del comparto industriale della nautica nel 2021, illustrati lo scorso 3 marzo in occasione della giornata “Road to Expo Dubai”, organizzata dalla Regione Liguria alla Borsa di Genova in vista della missione all’Expò di Dubai dal 10 al 13 marzo. “Le prime elaborazioni del questionario fra i soci hanno confermato per il 2021 una crescita molto ampia del comparto industriale della nautica: allora avevamo parlato di una crescita del 23,8% con un margine di errore del 5%.

Leggi anche: Nautica made in Italy: i 4 brand che trainano il mercato

nautica fatturato

Le barche da diporto mai amate come oggi

Fatturato della nautica italiana. La conferma positiva è che saremo nella parte alta della forchetta, quindi ci dirigeremo verso la soglia dei 6 miliardi. “Una cifra che era quella degli anni d’oro”, spiega Stefano Pagani Isnardi, direttore dell’ufficio studi di Confindustria Nautica. Sottolineando anche il dato sull’export. “Lo abbiamo ricevuto pochi giorni fa da Fondazione Edison: nei 12 mesi che si sono chiusi a ottobre dell’anno scorso abbiamo sfiorato i 3 miliardi di euro di export (2,99), e parliamo solo di unità da diporto”, continua Isnardi.

Insomma un dato eccezionale. E tra gli altri segnali incoraggianti per i professionisti e gli operatori del settore c’è l’andamento del portafoglio ordini di tutti i cantieri della nautica, della grande nautica e dei superyachts che ormai vanno a 2 o 3 anni; così come quelli della nautica cosiddetta “sociale”, ossia la piccola nautica; settore in cui già a settembre erano state vendute tutte le barche per la stagione a tutti i dealer.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.