La Fiv rilancia la vela: parte il progetto “Ritrova la bussola”

Dopo la tempesta del Covid-19 parte nel mese di giugno una grande campagna di informazione promossa dalla Fiv per promuovere la vela come sport formativo, sicuro e sostenibile. Tra i testimonial del progetto ci sono Alessandra Sensini, Max Sirena e Giovanni Soldini.

In questo 2020 l’emergenza Coronavirus, i mesi di lockdown, l’isolamento sociale, la paura generalizzata di una pandemia globale sono stati come una grande tempesta per tutti. E nelle tempeste, si sa, si può perdere la bussola. Un momento difficile che dapprima ci ha paralizzati, poi ci ha spinto a riflettere sulle nostre vite, su quello che siamo, ma anche su quello che vogliamo diventare. Il futuro è nelle nostre mani e ora che l’allarme, pur non essendo ancora cessato del tutto, si fa meno assordante c’è da decidere cosa fare, possibilmente la cosa giusta.

Secondo la Federazione Italiana della Vela quello dell’andare per mare in modo sano, pulito, consapevole può essere una delle tante soluzioni. Perché non ripartire proprio dall’apprendimento dell’arte marinaresca? Chissà che non aiuti le persone ad affrontare nel modo migliore le altre tempeste della vita?

Giovanni Soldini, Alessandra Sensini in prima linea

È questo il messaggio che la Fiv è pronta a lanciare nei prossimi mesi con una capillare campagna pubblicitaria sui principali mezzi di informazione, con video e messaggi postati anche sui social all’insegna dello slogan “Ritrova la bussola”. Un’iniziativa rivolta a tutti, in particolare alle famiglie, che si avvarrà di famosi testimonial come Giovanni Soldini, Max Sirena e Alessandra Sensini, quest’ultima ispiratrice anche del logo-mascotte “Ale Surfini”.

Lo spirito del progetto è dare un forte messaggio di rilancio della vela vista come esempio concreto di ripartenza attraverso uno sport formativo, sicuro e immerso negli elementi naturali. La vela infatti è stata riconosciuta come pratica sportiva tra le più sicure: non è minimamente penalizzata dalle limitazioni dettate dall’emergenza sanitaria e anzi garantisce la possibilità di far sport e vivere il mare in piena serenità. I circoli velici sono sicuri e organizzati, con aree dedicate per i corsi, pronti a riaprire nel rispetto delle regole sanitarie, ed attrezzati per tutte le misure di prevenzione e precauzione da adottare.

Giugno, mese chiave per la ripartenza

Al centro del nuovo programma ci sono gli oltre 750 circoli velici di tutta Italia con i loro circa 2.000 istruttori che saranno mobilitati nei territori per supportare l’iniziativa e ai quali saranno consegnati dei kit speciali per diffonderla. Il mese chiave di “Ritrova la bussola” sarà giugno, ma è previsto che scuole e circoli Fiv restino aperti anche nei mesi di luglio e agosto. A fare da traino al nuovo piano di rilancio della Fiv sarà anche il Vela Day, la giornata annuale dedicata alla vela che quest’anno si moltiplica per tre e si svolgerà dal 26 al 28 giugno con le porte dei circoli velici aperte in tutta Italia e la possibilità di provare gratuitamente un’uscita in barca.

Altro obiettivo fondamentale dell’iniziativa è far capire a tutti che la vela è un “affare di famiglia”: una pratica che educa al rispetto del mare e delle regole, esalta lo spirito d’avventura e la cultura marinaresca, fortifica spirito di squadra e solidarietà: e soprattutto, unisce in barca genitori e figli.

Scommettiamo sui nostri ragazzi

Chi si avvicinerà ad una scuola vela Fiv, potrà dotarsi di kit speciali consegnati ai circoli velici, oltre a vivere iniziative diverse, pensate per coinvolgere, formare e soprattutto divertire. È altresì in via di pubblicazione un form per istruttori, successivamente a disposizione dei Club, che offrirà la panoramica dei tecnici da coinvolgere per la propria scuola di vela.

Insomma “Ritrova la bussola” vuole essere un esempio concreto di ripartenza attraverso uno sport formativo, sicuro e sostenibile, come la vela nelle cui scuole  l’80 per cento degli allievi sono giovani o giovanissimi. Come dire, il nostro futuro.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.