James Wharram, progettista rivoluzionario e filosofo del mare

Nel volume “Il popolo del mare” si scopre l’autobiografia di James Wharram, progettista rivoluzionario e controcorrente, le cui imprese sugli oceani del pianeta sono state un vero inno alla vita e al libero pensiero.

Costruirsi da sé una barca e navigare attraverso gli oceani per riscoprire un contatto intimo ed essenziale con la natura. Questa era la filosofia di James Wharram, designer britannico noto per i suoi progetti di catamarani votati all’autocostruzione e ispirati alle antiche canoe polinesiane a doppio scafo. Non solo, per tutti gli appassionati di nautica Wharram è stato un grande ispiratore: filosofo, visionario, idealista e rivoluzionario. O, come amava definirsi, un “libero pensatore”.

Alla vita, ai progetti e alle avventure sugli oceani del pianeta di James Wharram è dedicato il libro “Il popolo del mare” (editore Il Frangente, 320 pagine, 27,55 euro). Nel volume si ripercorrono le imprese di questo vagabondo dei mari. A partire dalla mitica traversata dell’Atlantico, dai Caraibi all’Inghilterra, avvenuta nel 1955 insieme a due donne a bordo del “Tangaroa”, il suo primo catamarano di 7,18 metri. Il viaggio venne raccontato poi nel best seller “Due ragazze, due catamarani” che all’epoca fece anche un certo scalpore per la compiaciuta pratica del naturismo da parte dei protagonisti.

James Wharram

Un cultore dei multiscafi polinesiani

Successivamente James Wharram compì altre imprese compreso un giro del mondo a bordo di un suo progetto di 19,50 metri. Nella sua prolifica attività di designer James Wharram ha venduto oltre 10.000 piani di imbarcazioni tra i 4 e i 20 metri, passando da pioniere nel disegno di multiscafi a custode di una filosofia progettuale fondata sull’essenzialità che lui stesso faceva risalire alle tradizioni millenarie dei popoli polinesiani.

Malato di Alzheimer, James Wharram è scomparso il 14 dicembre del 2021 alla veneranda età di 93 anni. Non prima però di aver dato alle stampe “Il popolo del mare”, una biografia che ripercorre i passi salienti della sua vita prima e dopo l’exploit del Tangaroa. Un testo da cui trarre ispirazione per guardare al mondo con gli occhi disincantati di chi, senza compromessi, ha saputo inseguire la libertà.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.