Immersioni dalla barca: ecco tutto quello che bisogna sapere

Praticare immersioni dalla barca richiede una serie di nozioni tecniche, esperienza e soprattutto attrezzature specifiche per scendere in profondità, segnalare la propria presenza e mettere al sicuro l’equipaggio.

Sono tante le attività divertenti che si possono fare dalla propria barca, dallo sci nautico alla pesca, dallo snorkeling alle immersioni subacquee. Mentre alcune richiedono una preparazione e un’attrezzatura minima, altre, come le immersioni subacquee, richiedono un po’ più di attenzione per garantire che tutto sia sicuro e divertente.

Immergersi sotto la superficie dell’oceano e far parte di un mondo completamente diverso è un’esperienza incredibile.  Sia che navighiate in acque tropicali come i Caraibi o le isole del Pacifico e vogliate esplorare barriere coralline vibranti e ricche di pesci dai colori vivaci, sia che navighiate nel Mediterraneo e vogliate esplorare relitti nascosti, l’immersione subacquea dalla vostra barca può aprirvi un mondo completamente nuovo.

Leggi anche: Immersioni in apnea: il piacere, le regole e i rischi

Ottenere la certificazione e fare pratica

Se non lo siete già, la prima e più importante cosa da fare è iscrivere voi stessi e il vostro futuro compagno di immersione a un corso di certificazione subacquea. Organizzazioni come la PADI offrono corsi introduttivi Open Water, ma si raccomanda di essere almeno addestrati Advanced Open Water. Questi due corsi insieme durano circa una settimana, ma possono essere distribuiti su un periodo più lungo.

La cosa successiva da fare è accumulare il maggior numero possibile di immersioni sotto la supervisione di un Divemaster. Non si vuole avere confidenza solo con l’attrezzatura, ma anche con la navigazione e le pratiche di sicurezza, e l’unico modo per farlo è fare il maggior numero possibile di immersioni supervisionate prima di partire da soli.

Immersioni barca

Attrezzare la barca per le immersioni subacquee

Quando vi sentite pronti a partire per le immersioni da soli, ma sempre sempre con un compagno, dovete attrezzare la vostra barca con tutto il necessario. Iniziate con l’attrezzatura personale, che comprende muta, BCD (dispositivo di controllo dell’assetto), erogatore, pesi, pinne, maschera e un dispositivo di segnalazione in superficie noto come salsicciotto da immersione.

Il costo di queste attrezzature varia enormemente, da quelle di base di buona qualità che dureranno centinaia di immersioni, a quelle tecnologicamente più avanzate. Un’attrezzatura preziosa è il computer subacqueo, che monitora la profondità e il tempo per calcolare i limiti di sicurezza delle immersioni utilizzando le tabelle di immersione, e avrete anche bisogno del vostro set di bombole (almeno due per persona).

È bene avere a bordo anche alcuni ricambi, tra cui O-ring, tubi di ricambio, pinne e maschera e alcuni attrezzi subacquei. Non c’è niente di peggio che dover rinunciare a un’immersione perché manca un O-ring o la maschera è incastrata.

Immersioni barca

Ormeggiare la barca e usare le segnalazioni

Per assicurarvi che la vostra barca sia completamente equipaggiata per le immersioni subacquee, iniziate con l’equipaggiamento di sicurezza di base che tutte le barche dovrebbero avere, compresa la radio Vhf marina o almeno un telefono cellulare se rimanete vicino alla riva. Inoltre, è necessario avere una bandiera subacquea rossa e bianca per segnalare agli altri diportisti la presenza di subacquei sottocosta, un kit di pronto soccorso e una bombola di ossigeno.

Nel caso di un incidente subacqueo in cui si sospetti una malattia da decompressione, questa è la cura più importante che si possa offrire a un subacqueo, mentre lo si porta all’assistenza medica. I sistemi di ossigeno per incidenti subacquei sono disponibili presso il Divers Alert Network (DAN).

Immersioni barca

Riempire le bombole: il compressore

Per il riempimento delle bombole avete due possibilità, a seconda delle destinazioni che visiterete e della quantità di immersioni che volete fare. Se si tratta di uscite di un giorno o di un fine settimana con la propria imbarcazione, si possono facilmente riempire le bombole presso un centro di immersione locale a un costo minimo. Se invece navigate in tutto il mondo e avete intenzione di immergervi regolarmente dalla vostra barca in luoghi remoti, è probabile che dobbiate installare un compressore. Questi dispositivi possono essere costosi, ma sono un’attrezzatura assolutamente preziosa per i subacquei appassionati. Esistono molti modelli di compressori sul mercato, da quelli a gas a quelli diesel ed elettrici, e possono variare enormemente per quanto tempo impiegano a riempire un serbatoio d’aria e per le loro dimensioni.

Detto questo, anche nelle località più remote non è sempre necessario avere un compressore, perché i centri di immersione si trovano anche in luoghi lontani. Allo stesso modo, basta ascoltare il rumore di un compressore dalle barche vicine e, per una piccola somma, potreste chiedere a un compagno di barca di riempire le vostre bombole per voi. I compressori subacquei per barche necessitano di una manutenzione regolare per garantire che l’aria pulita e asciutta venga immessa nelle bombole, quindi è bene essere consapevoli della manutenzione a lungo termine prima di impegnarsi a installarne uno sulla propria barca.

Immersioni barca

La sicurezza nelle immersioni è fondamentale

L’immersione è un’attività meravigliosa e liberatoria, ma se fatta male può essere pericolosa. Controlli e protocolli di sicurezza accurati per ogni singola immersione sono essenziali per garantire che tutto si svolga in modo fluido e sicuro. Ci sono alcune differenze tra le immersioni da riva e quelle dalla barca, ma è importante;

Lasciare qualcuno sulla barca. Quando due o più persone si immergono, è importante che qualcuno rimanga sempre sulla barca per diversi motivi. In caso di incidente, qualcuno deve chiamare i soccorsi. Assicura che l’imbarcazione sia dove l’avete lasciata quando riemergete. Se ci si perde durante l’immersione e si risale in superficie lontano dall’imbarcazione, i soccorsi possono venire a prendervi. Possono tenere d’occhio le bolle e assicurarsi che gli altri subacquei non ignorino le bandiere di immersione.

Assegnare a qualcuno il ruolo di Divemaster. La vecchia frase “troppi cuochi rovinano il brodo” è molto appropriata in questo caso, ed è meglio nominare una persona come Divemaster. Sarà lui a coordinare il luogo in cui vi immergerete, il tipo di immersione che farete (ancorata o alla deriva, per esempio) e, in generale, ad assumere la guida dell’immersione.

Immersioni barca

Controllare il meteo e fare un briefing preimmersione

Le condizioni meteorologiche cambiano rapidamente in mare ed è importante conoscere le previsioni quando si effettuano le immersioni. Evitate di immergervi in condizioni di scarsa visibilità, mare mosso o vento, perché potrebbero rendere pericoloso salire e scendere dalla barca. Monitorate le condizioni fino al momento di iniziare l’immersione e siate pronti ad annullarla se il tempo cambia.

Conoscere il luogo in cui ci si immerge. Anche se vi state immergendo in un luogo che non conoscete, fate le vostre ricerche prima di intraprendere un’immersione. Dovete sapere che non vi trovate in una rotta di navigazione, in una riserva marina limitata o in un’area ad alto traffico. Anche se esplorare le profondità sconosciute alla Jacques Cousteau fa parte del divertimento, è sempre utile parlare con i subacquei locali e capire la geologia o le correnti dell’immersione prima di buttarsi.

Anche se siete solo in due a immergervi, fate un briefing sulla sicurezza prima di partire, in modo da essere entrambi sulla stessa lunghezza d’onda. Discutete dell’immersione, delle profondità massime, del tempo di immersione e ripassate i segnali. Dovrete immergervi ai limiti del subacqueo meno esperto. Controllate la vostra attrezzatura e quella dell’altro prima di iniziare l’immersione e discutete il protocollo con lo skipper o comunque la persona rimasta a bordo nel caso improbabile di un incidente o di un subacqueo disperso.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.