Goletta francese naufraga alle Bahamas: disperse due marinaie

Lo storico cargo a vela “De Gallant” di 36,20 metri è affondato il 21 maggio al largo delle Bahamas. Sospese, dopo 44 ore, le ricerche di due donne che facevano parte dell’equipaggio.

Sono state sospese le ricerche di due membri dell’equipaggio dispersi in mare a seguito dell’affondamento della goletta francese “De Gallant”, avvenuto lo scorso 21 maggio al largo Bahamas, Caraibi. Si tratta di due donne, marinaie professioniste, che erano imbarcate per la stagione sullo storico cargo.

La nave lunga 36,20 metri era partita da Santa Marta, in Colombia, l’11 maggio con un carico di caffè, cacao e zucchero di canna ed era in navigazione verso le isole Azzorre quando si è imbattuta in una tempesta improvvisa al largo delle Bahamas. In quel momento a bordo c’erano 8 persone, quattro uomini e quattro donne. Intorno alle ore 3,30 di martedì 21 maggio, la goletta, che ha più di 100 anni, si è trovata in difficoltà e ha lanciato il mayday appena prima di ribaltarsi a 20 miglia nautiche a Nord dell’isola di Great Inagua.

Leggi anche: Su una goletta del 1882 l’albero cade e investe una donna

De Gallant

Una tempesta improvvisa, poi il ribaltamento

L’equipaggio ha avuto solo il tempo di indossare le tute di sopravvivenza e trovare rifugio nelle due zattere di salvataggio. Nel frattempo, imbarcata una ingente quantità d’acqua, la “De Gallant” è colata a picco in un’area di oceano in cui la profondità supera abbondantemente i 2.000 metri.

La Guardia Costiera ha immediatamente inviato sul posto un elicottero di salvataggio MH-60 Jayhawk dalla sua stazione di Clearwater, in Florida, per le ricerche. Intorno alle 8 del mattino, l’equipaggio di soccorso ha individuato le due zattere di salvataggio con a bordo sei cittadini francesi che sono stati portati in salvo nel porto di Miami. Nessuna traccia invece delle due donne.

De Gallant

E se fossero ancora vive?

Le ricerche aree e marittime delle due naufraghe sono proseguite per 44 ore in oltre 3.700 miglia quadrate per poi essere sospese a causa delle scarse risorse e del maltempo. Una notizia shock, considerando che le due marinaie potrebbero essere ancora vive: indossavano mute di sopravvivenza in un mare la cui la temperatura media dell’acqua è di circa 27 gradi.

Per il rispetto delle famiglie delle persone scomparse la compagnia francese Blue Schooner Company ha preferito mantenere il massimo riserbo sull’identità e l’età delle due disperse.

La nave storia “De Gallant”, battente bandiera delle isole Vanuatu e di proprietà della compagnia francese Blue Schooner, era stata costruita nel 1916 in Olanda per la pesca delle aringhe e dopo un minuzioso lavoro di restauro era stata adibita al trasporto eco-compatibile di merce tra le due sponde dell’oceano Atlantico.

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.