Globe 5.80 Transat: partita la transatlantica dei piccoli cabinati

Partita il 31 ottobre da Marina Lagos in Portogallo la Globe 5.80 Transat, traversata di 3.600 miglia in due tappe riservata alla nuova classe di micro cabinati ideata da Don McIntyre.

Finalmente una regata che estende la navigazione oceanica ad un target ancora più ampio e versatile di velisti giovani e meno giovani che possono così realizzare il proprio sogno a bordo di piccole barche, divertenti, economiche da gestire e sicure.

Eccola allora la Mini Globe Race, un nuovo periplo del globo riservato alla innovativa classe 5.80, sorella minore dei Mini 6.50 costruita rigorosamente in compensato marino. A idearla è stato l’eclettico navigatore Don McIntyre che già in passato aveva organizzato il Golden Globe Race e la Ocean Globe Race, giri del mondo retrò rispettivamente in solitario e in equipaggio.

In molti ritengono che una regata in oceano per barche così piccole sia un po’ una follia, ma non McIntyre che non solo ne ha costruita una, battezzata Trekka (dal nome della barca celebre di John Guzzwell), ma si prepara in prima persona al giro del mondo. Due gli eventi di qualificazione: la Globe 5.80 Transat e la Globe 5.80 Challenge. La prima è una transatlantica in solitario in partenza il prossimo 31 ottobre su rotta analoga a quella della Mini Transat, la seconda una prova d’altura in solitario e in doppio, in tre tappe lungo le coste del Portogallo (la partenza è ancora da stabilire).

Leggi anche: Nasce la classe dei mini 5.80: l’oceano apre a tutti

Globe 5.80 Transat

La rotta: 600 miglia dal Portogallo alle Canarie

La 1° tappa di 600 miglia della Globe 5.80 Transat è partita il 31 ottobre da Marina Lagos, in Portogallo, e si conclude a Lanzarote alle Canarie. Oltre all’indomito 66enne australiano al via per la nuova transatlantica ci sono il franco svizzero Etienne Messikommer, l’irlandese Jim Schofield, il ceco Michal Krysta lo svizzero Severin Hummer e l’inglese Peter Kenyon. Ma gli appassionati che si stanno cimentando nella costruzione del proprio 5.80 in vista del giro del mondo del 2024, sono ormai 170 in 23 paesi differenti. Sembra allora che McIntyre abbia di nuovo fatto centro portando il sogno dell’avventura, anche quella più estrema, alla portata di tutti e di tutte le tasche.

Della nuova classe 5.80 disegnata dall’architetto polacco Janusz Maderski, al momento sono in vendita solo i piani di costruzione a circa 300 euro. La realizzazione è quindi è demandata all’intraprendenza dei singoli armatori che possono fare da sé o rivolgersi a un cantiere.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.