Gli attacchi di pirateria ai danni dei diportisti sono in calo

Secondo l’ultimo rapporto dell’International Maritime Bureau gli attacchi dei pirati ai danni di navi e diportisti sono in netto calo, ma aumenta il livello di violenza degli assalti, mentre alcune zone del mondo rimangono off limits.

Gli attacchi dei moderni pirati ai danni dei diportisti sembrano un lontano ricordo di questi tempi. Secondo il rapporto di pirateria e rapine a mano armata contro i navigatori degli oceani, i giramondo e i velisti in crociera dell’International Maritime Bureau (IMB) da gennaio a settembre 2021 gli episodi di questo tipo hanno registrato il numero più basso dal 1994.

L’ultimo rapporto globale sulla pirateria dell’IMB ha registrato infatti soltanto 97 incidenti. Tra questi 85 barche abbordate, 9 tentativi di attacco, due barche soggette a colpi di arma automatica e una nave dirottata. Gli incidenti segnalati sono quindi scesi al loro livello più basso da decenni, ma il grado di violenza di questi attacchi contro i navigatori rimane sempre molto alta con 51 equipaggi rapiti, 8 presi in ostaggio, 5 minacciati, 3 feriti, 2 aggrediti e uno ucciso, secondo le ultime statistiche dell’IMB.

Attacchi pirateria
Photo Credits: Jonas Gratzer/LightRocket

Gli attacchi diminuiscono, ma cresce la violenza

Attacchi di pirateria in calo nel mondo. Nonostante la riduzione degli incidenti segnalati quindi, l’IMB avverte che chiunque si avventuri negli oceani, soprattutto in determinate zone, deve rimanere vigile e non abbassare la guardia perché la violenza contro gli equipaggi rimane alta in molte aree del mondo. Tra queste c’è per esempio la regione del Golfo di Guinea che ha registrato 28 incidenti di pirateria e rapine a mano armata nei primi nove mesi del 2021, rispetto ai 46 dello stesso periodo del 2020. In particolare, la Nigeria ha riportato solo 4 incidenti nei primi nove mesi del 2021, rispetto ai 17 del 2020 e ai 41 del 2018. I rapimenti di equipaggi nella regione sono diminuiti con un solo membro dell’equipaggio rapito nel Kuwait nel 2021, rispetto ai 31 membri dell’equipaggio presi in 5 incidenti separati durante il 2020. Tutti gli incidenti del Kuwait del 2021 sono stati anche contro le barche ormeggiate negli ancoraggi portuali, mentre la posizione media dei rapimenti riusciti nel Kuwait 2020 era di circa 100 miglia dalla costa.

La riduzione complessiva degli incidenti di pirateria e rapina a mano armata nella regione è una testimonianza del miglioramento della sicurezza marittima e delle misure di coordinamento della risposta adottate dalle autorità regionali e nazionali, secondo l’IMB. Nonostante questi dati positivi, tuttavia, l’IMB avverte che il rischio per gli equipaggi anche di diportisti rimane alto nella regione e che questi sforzi devono essere sostenuti. Gli Stati costieri dovrebbero infatti raddoppiare il loro coordinamento e le misure di sicurezza per garantire che gli episodi di pirateria e di rapina a mano armata continuino a diminuire.

Lo Stretto di Singapore rimane zona a rischio di attacchi

Segnali preoccupanti arrivano invece nello Stretto di Singapore. In questa zona orientale sono stati riportati 20 incidenti di rapina a mano armata: si tratta del numero più alto registrato dal 1991. Gli incidenti segnalati nello Stretto di Singapore sono in aumento rispetto ai 15 del 2020 e a un solo incidente nel 2019. Questi attacchi sono di basso livello e di natura opportunistica, ma l’IMB avverte che gli autori rappresentano una minaccia diretta per i diportisti e le navi in navigazione. In almeno 4 incidenti, infatti, l’equipaggio è stato minacciato, aggredito o ferito.

Preoccupazione al largo della costa del Perù

Attacchi di pirateria in calo nel mondo. L’ancoraggio di Callao in Perù è un’altra zona che ha visto un aumento dell’attività di pirateria con 15 incidenti segnalati nel 2021, il numero più alto dal 1991. Come nello Stretto di Singapore, questi incidenti sono furti di basso livello con i pirati armati per lo più di coltelli segnalati nel 60 per cento degli incidenti. Gli aggressori nella regione possiedono la capacità di effettuare attacchi violenti, con tre equipaggi presi in ostaggio e altri assaliti o minacciati nei primi nove mesi del 2021.

Attacchi in calo nelle regioni indonesiane

L’IMB ha riportato una notevole riduzione del numero di attacchi di pirateria segnalati nelle acque indonesiane con solo 6 incidenti di basso livello segnalati nei primi nove mesi del 2021, rispetto ai 23 incidenti durante lo stesso periodo del 2020. Questo è il totale più basso di incidenti di pirateria e rapine a mano armata segnalati nelle acque indonesiane dal 1993. Il rapporto elogia le politiche e le misure di risposta proattive attuate dalla polizia marittima indonesiana hanno informato la segnalazione dell’IMB.

Centro di segnalazione della pirateria dell’IMB

Attacchi di pirateria in calo nel mondo. Dalla sua fondazione nel 1991, l’IMB rimane un importante riferimento per segnalare tutti i crimini di pirateria marittima e rapine a mano armata, attivo 24 ore al giorno. Il loro rapido inoltro dei rapporti e il collegamento con le agenzie di risposta, le trasmissioni alla navigazione tramite i servizi GMDSS Safety Net e gli avvisi via e-mail alle OSC, tutti forniti gratuitamente, aiutano la risposta contro la pirateria e le rapine a mano armata e la sicurezza dei marittimi, a livello globale.

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.