Come disarmare una barca per lasciarla a terra all’estero

Con il prezzo economico dei voli aerei, molti armatori decidono di lasciare la propria barca all’estero e tornarci di tanto in tanto per navigare in zone nuove. Vediamo allora una serie di suggerimenti su come disarmare la barca all’estero e fare le cose al meglio.

Un’alta percentuale di diportisti al giorno d’oggi mette a riposo la propria barca in un luogo sicuro di un paese straniero per poi tornare a casa in aereo, spesso una o più volte all’anno. Dal momento infatti che i voli aerei internazionali non sono mai stati così economici, molti armatori si convincono che disarmare la barca all’estero possa essere un’opzione piuttosto conveniente e che offre la possibilità di esplorare destinazioni in giro per il mondo.

Ma dove lasciare la propria barca, a terra o in acqua? Se lasciate la vostra barca per meno di tre settimane, può essere più conveniente lasciarla in acqua, a condizione che riuscite a trovare un ormeggio sicuro. Per periodi di tempo più lunghi, può essere conveniente invece affidarsi al rimessaggio a secco in un cantiere sicuro. Vediamo allora una serie di suggerimenti per fare le cose al meglio.

 

La scelta del porto o del cantiere: cosa sapere

Il primo punto di partenza quando si decide di lasciare la propria barca in un porto straniero è quello di studiare il territorio e i servizi offerti, magari riscontrando le informazioni con altri crocieristi. Alcuni preziosi link ai cantieri e alle marine di tutto il mondo sono pubblicati per esempio sul sito www.noonsite.com gestito dal navigatore e giornalista Jimmy Cornell, ma sono utili anche i bollettini della Seven Seas Cruising Association che pubblicano spesso resoconti con i dettagli delle esperienze vissute dai propri membri. Se possibile, visitate i cantieri e le marine e parlate con gli operatori. Controllate poi quanto è sicuro il posto e chiedete ai marinai locali se ci sono problemi di sicurezza.

Quando scegliete un cantiere per il rimessaggio a secco, informatevi sulla vostra polizza assicurativa e su quella del cantiere. Per esempio una delle due polizze coprirà i danni se la vostra barca cade, viene investita, si rovescia o vi rubano delle attrezzature? Idealmente il cantiere dovrebbe essere sicuro, pavimentato e recintato. Assicuratevi che il dislocamento della vostra barca non sia vicino ai limiti delle culle o del paranco di carico e che le cinghie e i cavi di sollevamento siano solidi. Una culla d’acciaio con bracci regolabili è il metodo di supporto più sicuro, quindi siate prudenti se vengono usati martinetti o fusti bloccati da cunei.

Disarmare la barca: alta stagione e lavori di bordo

Chiedete quando si verificano le stagioni di picco turistico e le vacanze più intense. Molti cantieri e servizi sono strapieni in questi periodi. Se lasciate la barca per un lungo periodo di tempo, può essere utile lasciare una lista di lavori al cantiere o agli operai, quindi informatevi sui servizi nelle vicinanze, tra cui riparazione delle vele, sartiame, saldatura e riparazione del motore. Gli artigiani apprezzeranno il fatto di lavorare sulla vostra barca in tempi tranquilli. Un mese prima del ritorno contattate il cantiere per assicurarvi che i lavori vengano completati.

Dopo che avete scelto il cantiere dove lasciare la vostra barca, ecco un riepilogo di ciò che richiede attenzione durante il disarmo e la rimessa in servizio della barca al vostro ritorno.

Sgombrare la coperta

Per disarmare la barca all’estero ottenete tutte le informazioni di contatto con il cantiere o la marina e tutte le aziende associate che stanno lavorando sulla vostra barca o attrezzatura. In genere è necessario contattare le imprese e confermare che il lavoro sia stato fatto nei tempi concordati. Considerate la possibilità di assumere una persona del posto che controlli la barca per voi. Fate quindi una lista di forniture marine da acquistare e portatela con voi. Sgomberate quindi il ponte di coperta dagli oggetti rimovibili: barbecue, taniche, ancore, zattera di salvataggio, vele, fuoribordo, etc. Controllate la catena dell’ancora e la presenza di ruggine sulla stessa e rinnovate la zincatura il più presto possibile, perché la catena arrugginita continuerà ad arrugginirsi e ad erodersi.

Disarmare barca estero

Preparare il motore

Quando disarmate la barca all’estero per quanto riguarda il vostro propulsore, cambiate l’olio del motore e della trasmissione e il filtro. Svuotate, lavate e sostituite il refrigerante, facendo attenzione a non far finire il vecchio refrigerante in mare. Ispezionate e sostituite gli anodi di zinco del sistema di raffreddamento del motore. Quindi lubrificate i leveraggi e i cavi dell’acceleratore e del cambio. Infine controllate l’usura e la tensione delle cinghie e pulite o sostituite il filtro dell’aria. Segnalate tutto ciò che ha bisogno di attenzione al vostro ritorno o mentre siete via. Pulite accuratamente l’esterno del motore, spazzolando e verniciando i componenti arrugginiti. Posizionate fogli nuovi che assorbono l’olio sotto il motore per aiutare a rilevare eventuali perdite. Quanto invece al fuoribordo, drenate e sostituite l’olio dell’ingranaggio dell’unità inferiore, controllate la girante.

Disarmare barca estero

Disarmare la barca: la cura degli interni

Controllate i livelli del liquido della batteria se non avete batterie al gel o AGM, quindi caricate completamente tutte le batterie e poi scollegate l’interruttore principale della batteria o rimuovete tutti i cavi della batteria. Lavate tutti i tessuti interni, poiché i tessuti salati, umidi o sporchi possono ammuffire. Pulite gli armadietti della cambusa e buttate gli alimenti che si deteriorano. Passate in rassegna tutti gli armadietti e tenete solo quello che davvero vi serve. Pulite quindi tutte le superfici interne con un detergente per vetri a base di ammoniaca. Lasciate fuori le esche per scarafaggi e formiche.

Per quanto riguarda la zattera di salvataggio annotate la data di revisione e informatevi sulla disponibilità di strutture a eseguire questo servizio. Se necessario, programmate il reimballaggio della stessa dopo il vostro ritorno, perché è meglio essere presenti quando la zattera viene gonfiata per controllarne le condizioni e le provviste. Fate anche un inventario del vostro kit medico, annotando le date di scadenza dei farmaci e gli articoli che devono essere riforniti. Controllate i prezzi locali: potrebbe essere più facile e più conveniente acquistare le forniture al ritorno a casa.

Leggi anche: Obiettivo: interni asciutti, puliti e accoglienti

Disarmare barca estero

Cosa fare con il rigging della barca all’estero

Per disarmare al meglio la barca all’estero salite sull’albero ed eseguite un controllo completo di tutti i raccordi, saldature, crocette, luci, drizze, coppiglie, tenditori, pulegge, ingranaggi e cavi. Pulire e ingrassare winch e tenditori. Si può anche considerare di tirare via l’albero se ha bisogno di riparazioni, sostituzione del sartiame o riverniciatura. Se le riparazioni richiedono un rigger, prenotate il lavoro necessario prima di partire.

Rimuovete poi tutte le vele, comprese quelle avvolgibili, sciacquatele, asciugatele, ispezionatele e piegatele. Se sono necessarie delle riparazioni, cercate un velaio per prenotare un orario per le riparazioni. Se riparate le vele da soli, controllate di avere l’attrezzatura e le forniture necessarie.

Disarmare barca estero

La manutenzione degli impianti di bordo

Per disarmare la barca all’estro sciacquate la sentina con acqua dolce dopo aver raccolto l’olio sospendendo del materiale assorbente nella sentina. Riempite i serbatoi di propano e scollegate tutti i tubi. Se il sistema di refrigerazione è raffreddato ad acqua grezza, sciacquate il sistema con acqua dolce. Riempite anche i serbatoi di carburante e aggiungete un battericida. Sciacquate i serbatoi con acqua e aggiungere aceto per eliminare il calcare. Lubrificate tutte le valvole a sfera o i rubinetti. Sciacquare i serbatoi con acqua dolce e candeggiare sia questi che i tubi. Mostrate all’operatore del sollevatore una foto o uno schema del fondo della vostra barca, segnando con del nastro adesivo le posizioni ideali per il posizionamento dell’imbragatura. Richiedete la posizione più sicura nell’area di stoccaggio per la vostra barca. La posizione ideale sarà al di fuori dello schema di traffico regolare del sollevatore da viaggio e sarà protetta dai venti forti da qualsiasi direzione.

Girate ogni maniglia delle prese a mare e spruzzate del lubrificante dove la maniglia incontra il raccordo. Se la vostra barca ha più di dieci anni, smontate, pulite e lubrificate i passascafi di wc, cucina e aspirazione del motore e le valvole o i rubinetti. Sostituite quindi tutte le tubature che mostrano corrosione. Coprite infine la barca: una copertura completa protegge la barca dal sole, dallo sporco e dagli spruzzi e mantiene la barca più fresca all’interno.

Prima di tornare a casa mentre disarmate la barca all’estero fotografate tutto per l’assicurazione: culla o posto barca, copertura, interni e posizione della barca nel cantiere. Inviate alla vostra compagnia di assicurazione una copia delle foto e informatela dei vostri piani.

Manutenzione invernale: i lavori essenziali

Avatar
David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore e reporter per testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.