“Acrobatica” di Alberto Riva affonda alla Quebec-Saint Malo

Il Class 40 “Acrobatica” di Alberto Riva, Jean Marre e Tomaso Stella è stato protagonista il 9 luglio di un naufragio mentre era impegnato nella transatlantica Transat Quebec – Saint-Malo. Salvo l’equipaggio recuperato da una petroliera.

L’allarme è scattato alle ore 15 di martedì 9 luglio, quando il Class 40 “Acrobatica” con a bordo Alberto Riva, Jean Marre e Tomaso Stella ha attivato la sua sonda di soccorso Sarsat. La barca stava partecipando alla Transat Quebec – Saint-Malo, transoceanica dal Canada alla Francia.

Il loro mayday è stato subito intercettato dall’equipaggio in quel momento più vicino della flotta formato da Antoine E. Leclerc-Ville Legrand e Olivier Magre che si sono subito allertati per raggiungere la zona dell’affondamento. Il punto nave di “Acrobatica” risultava essere a circa 11 miglia di distanza da loro in direzione Nord-Ovest. Nel frattempo hanno anche avvisato gli organizzatori della competizione. Tra questi Sylvie Viant della direzione di gara ha quindi immediatamente messo in allerta il CROSS Griz Nez e l’MRCC di Lisbona.

Leggi anche: Ecco perché il nuovo Class 40 di Beccaria è diverso da tutti

Acrobatica

Ancora sconosciute le cause del naufragio

Quando Antoine e Olivier e il loro compagno di squadra James Murphy sono arrivati nella zona dell’incidente, a circa 300 miglia a Nord dell’isola di Flores, nelle Azzorre, hanno appena fatto in tempo ad assistere al recupero da parte dell’elicottero dell’equipaggio di “Acrobatica” che nel frattempo si era rifugiato nella zattera di salvataggio. I tre sono quindi stati portati a bordo della petroliera battente bandiera liberiana “Silver Star”.

Alberto, Jean e Tomaso sono sani e in queste ore sono in rotta verso gli Stati Uniti. Sembra che il Class40 Acrobatica sia affondato. La sua ultima posizione registrata era 44.33.563 N – 32.35.498 W alle 15 (ora italiana). Le cause dell’affondamento per il momento non sono ancora note. Sembra che le condizioni nella zona fossero difficili, con mare grosso e venti forti.

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.