A Venezia il grande raduno internazionale dei motoscafi Riva

Dal 28 giugno al 3 luglio 2024 si svolge a Venezia l’annuale “Riva Days”, raduno internazionale dei Riva, le barche a motore più famose nella storia della nautica da diporto. In programma eventi, visite culturali ed escursioni.

Circa 50 motoscafi Riva in legno, provenienti da oltre 10 nazioni, si ritroveranno a Venezia dal 28 giugno al 3 luglio 2024 in occasione dell’annuale “Riva Days”, il raduno internazionale delle barche a motore più famose nella storia della nautica da diporto. L’evento, denominato per il 2024 “Riva Days – Marco Polo” per ricordare il 700° anniversario della morte dell’esploratore veneziano, è organizzato dalla Riva Historical Society, la Federazione Internazionale che riunisce circa 700 armatori di tutto il mondo.

L’imponente flotta, che farà base presso il Marina Sant’Elena, visiterà la Laguna Nord e le località più famose, come Burano, Murano, Torcello e il Lido. Domenica mattina 30 giugno si svolgerà la Grande Parata in Bacino San Marco insieme alle vele d’epoca arrivate per regatare in occasione del “Trofeo Principato di Monaco a Venezia – Le Vele d’Epoca in Laguna”.

Riva

La leggenda di Carlo Riva

Sono ben 4.098 le imbarcazioni varate sotto la gestione dell’ingegner Carlo Riva, scomparso nel 2017 all’età di 95 anni, fondatore del marchio più celebrato nella storia della nautica da diporto. Sognatore, visionario, perfezionista, era considerato il re dei motoscafi più belli di sempre. Una leggenda, che ha fatto conoscere in tutto il mondo l’eccellenza italiana e il paesino di Sarnico, meno di 7.000 anime sul Lago d’Iseo, dal quale sono uscite vere e proprie opere d’arte che gli sono valse il riconoscimento di Pioniere della Nautica.

Fino a tarda età Carlo Riva navigava e partecipava ai raduni a bordo del suo “Lipicar IV”, il Riva “Aquarama” del 1971 oggi perfettamente conservato a Sarnico, che aveva chiamato con le iniziali dei nomi delle tre figlie, Lia, Pia e Carla. Nel 2026 saranno trascorsi trent’anni da quando non viene più costruito un motoscafo Riva in legno.

Riva

I modelli di Riva presenti a Venezia

Al “Riva Days 2024” sfileranno tutti i più importanti modelli di motoscafi Riva, a partire dall’iconico “Aquarama”, prodotto a partire dal 1962, di cui ne arriveranno 12 a Venezia. Ben 15 i modelli di “Tritone” e “Ariston”, entrambi commercializzati a partire dal 1950, per arrivare al “Florida” nato due anni più tardi e via via tutti gli altri, “Olympic” (1969), il “Rudy” (1972) e lo “Junior” (1966).

Proprio all'”Olympic La bella vita” e agli Aquarama “Special Maud II” e “Grifone”, tutti costruiti nel 1974, il privilegio di festeggiare in occasione di questo grande evento il mezzo secolo dal varo. Il “Florida Tender To Rhea” del 1958 sarà la più antica imbarcazione partecipante, mentre l’Aquarama “Special Riva Classiche” del 1996 la più recente, di proprietà del Cantiere Riva.

La Parata con le Vele D’Epoca e il Concorso di Eleganza

Sarà uno straordinario spettacolo quello che si presenterà domenica 30 giugno 2024 a chiunque passeggerà lungo le rive di fronte al Bacino di San Marco. Intorno alle ore 11 la flotta dei Riva parteciperà infatti alla grande parata insieme alle barche a vela d’epoca che in quei giorni disputano l’undicesima edizione del “Trofeo Principato di Monaco a Venezia – Le Vele d’Epoca in Laguna”. Verso mezzogiorno, al rientro al Marina Sant’Elena, i Riva prenderanno parte al Concorso d’Eleganza Frederique Constant a tema “Marco Polo”, dedicato ai 700 anni della scomparsa dell’esploratore veneziano autore de “Il Milione”.

La prova di abilità marinaresca prevista nel pomeriggio di domenica decreterà il vincitore della Coppa ASI. Il giorno successivo, lunedì 1 luglio alle ore 19, presso il Marina Sant’Elena si svolgerà la presentazione del nuovo libro del presidente RHS Piero Maria Gibellini “I Celli da Viareggio a Venezia”, dedicato alla storia e alla produzione navale del noto cantiere veneziano.

 

David Ingiosi

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come redattore, reporter e direttore di testate nazionali e internazionali dove si è occupato di tutte le classi veliche, dalle piccole derive ai trimarani oceanici, compresi tutti i watersports.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.